Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 02 Luglio - ore 22.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Dibattito solo su Genova, patiamo un isolamento cronico"

Gli industriali spezzini intervengono sulla necessità di infrastrutture moderne ed efficienti. Alla Regione: "Bene la Ripa, per il resto servono fatti concreti: risposte su Variante Aurelia, collegamento fra le due sponde del Magra e Pontremolese".

"Lo diciamo da decenni"
"Dibattito solo su Genova, patiamo un isolamento cronico"

La Spezia - Prendiamo atto ed apprezziamo il dibattito sorto in questi giorni sulla stampa locale sul tema delle carenze infrastrutturali liguri, anche se, con rammarico, dobbiamo evidenziare che esso si è sviluppato solo a seguito delle oggettive difficoltà che si stanno vivendo su Genova. La nostra provincia, in considerazione della sua morfologia, è caratterizzata da limitati spazi di sviluppo, ulteriormente ridotti da vincoli demaniali e militari oltre a limitazioni derivanti da normative nazionali e regionali (parchi); se a questo si aggiunge il deficit infrastrutturale, è evidente che La Spezia, ma in generale la Liguria, continui a patire di un isolamento cronico, figlio di progettualità mai concluse o mai iniziate.

Ci preme far rilevare che Confindustria da decenni evidenzia tali carenze e la cronica difficoltà di collegamento tra La Spezia ed il capoluogo di regione, con un’autostrada che rappresenta oggi l’unica reale infrastruttura viaria. Da sempre, infatti, sottolineiamo come un'eventuale interruzione della stessa allontanerebbe ulteriormente la nostra provincia dal cuore della regione con conseguenze disastrose. Manifestiamo pertanto piena condivisione sulla necessità di una dotazione infrastrutturale moderna ed efficiente, che rappresenta il fattore fondamentale ed il cardine per il miglioramento della vita della collettività e dello svolgimento quotidiano delle attività economiche.

Riconosciamo alla Regione Liguria di aver posto attenzione alle nostre richieste, come nel caso del completamento della Strada della Ripa, ma, pur valutando con favore il dibattito e tutti i vari interventi apparsi sulla stampa locale, chiediamo che si passi dalle parole e dalle polemiche ai fatti concreti. L’esigenza di concretezza è imposta dalla necessità di individuare reali risposte alle ormai storiche esigenze del nostro territorio oltre all’ultimazione delle opere in corso di realizzazione da decenni, come l’incompiuta per antonomasia, la Variante Aurelia, sulla quale è calato un silenzio disarmante e che riteniamo debba essere invece conclusa rapidamente.

La nostra provincia deve avere la capacità, superando le logiche di campanile e di schieramento, di porre al centro dell’attività politico-amministrativa la definizione di una visione del futuro sociale ed economico del nostro territorio, inteso come “area vasta”. Necessità che si è ben evidenziata a seguito del crollo del Ponte di Albiano che impatta su un
intero territorio dalla forte vocazione industriale/artigianale che si estende dalla piana di Ceparana/Pian di Follo sino all’area logistica ed al casello autostradale di Santo Stefano di Magra. L’assenza di collegamento fra le due sponde del Fiume Magra sta confermando con forza che il territorio spezzino e quello lunigianese rappresentano un’unica realtà; l’infrastruttura di fatto aveva assunto valenza sovra regionale interessando un bacino di popolazione di oltre 38 mila residenti.

Sempre in questa visione di ambito territoriale vasto, è assolutamente necessario il collegamento viario tra il raccordo autostradale La Spezia-Santo Stefano Magra e la sponda destra del fiume Magra (Ponte Ceparana-Santo Stefano Magra). In prospettiva strategica, infine, è fondamentale avere un collegamento ferroviario moderno e veloce con la Pianura Padana, cuore pulsante del Paese, che a nostro parere contribuirebbe ad invertire quel decremento demografico che da decenni caratterizza la città della Spezia; l’ultimazione del raddoppio della Linea Ferroviaria Pontremolese, infatti, non riveste un’importanza limitata allo sviluppo delle attività economiche legate al porto ed alla logistica, ma interessa ed incide anche sulla crescita sociale dell’intera provincia.

Confindustria La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News