Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Luglio - ore 22.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Ci sono troppi pochi infermieri a oncologia di Spezia"

`Ci sono troppi pochi infermieri a oncologia di Spezia`

La Spezia - "La gravissima carenza di personale infermieristico mette in seria crisi l’assistenza ai pazienti ricoverati e a rischio l’incolumità degli stessi operatori sanitari". E' l'ennesima denuncia del Nursind di La Spezia che si chiede come si potranno mantenere la qualità e la quantità dei servizi e dei LEA "se l'ASL Spezzino reintegra il personale mancante con del personale nuovo mai affiancato e ruotante su diversi dipartimenti".
"Il piano di lavoro prevede troppe cose in troppo poco tempo e se il personale non è adeguatamente formato non si riesce ad erogare una buona assistenza di base e gli orari non si possono rispettare", accusa il segretario provinciale NurSind Assunta Chiocca. "In un solo turno di lavoro, si passa dalla somministrazione dei farmaci agli esami del sangue urgenti. Dall'invio dei pazienti per le procedure diagnostiche ai campanelli che suonano di continuo e telefoni che squillano. Dalle terapie da somministrare al rilevamento dei parametri vitali, le cure delle lesioni fino alle interruzioni per le emergenze e la gestione dei decessi dei i ricoveri e delle dismissioni. Il tutto senza menzionare la gestione dei ricoveri temporanei in altri reparti (in attesa che si liberi un posto), per cui il personale infermieristico deve occuparsi di pazienti con patologie differenti, rendono il tutto ancora più complicato".

"Quello degli infermieri si trasforma da un lavoro delicatissimo in una corsa continua a discapito della sicurezza ed efficienza dei servizi, perché se un infermiere non è adeguatamente formato e inserito in un reparto, l'altro deve necessariamente lavorare di più con conseguente sovraesposizione ad un lavoro eccessivo, fuori dagli standard indicati e questo inficia la risposta assistenziale. I reparti che destano maggiore preoccupazione sono quelli di medicina e oncologia alla Spezia, il nuovo reparto di medicina a Sarzana ed il nuovo reparto mutispecialistico di Sarzana, tutte le altre degenze a seguire (risparmiati solo i dipartimenti di emergenza-urgenza).
Nella ASL5 della Spezia non si investe nemmeno più sulla formazione dei neo-assunti e tutto resta sulle spalle del personale ospedaliero in forza, che è già ben oltre il limite. Non possiamo permettere che anche questa situazione sia gestita in modo sconveniente né per gli infermieri né per l'utenza. Dobbiamo uscire dalla logica della campagna acquisti che i vari capi del personale stanno attuando in questi giorni. L'azienda deve rispettare la legge: deve garantire l’accoglienza, l’inserimento, la formazione e l’addestramento specifico al neo-assunto, anche nei rapporti di breve durata, prima o contestualmente all’assunzione: lo stabilisce il comma 1 dell’art. 37 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure