Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre - ore 12.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

Successo per la rassegna di cinema in piazza Brin, prosegue "Mediterranea"

a cura di carlo roda
Successo per la rassegna di cinema in piazza Brin, prosegue "Mediterranea"

La Spezia - La rassegna di cinema africano, a cura di Carlo Roda, inaugurata il 25 con il docufilm di Pier Paolo Pasolini, ‘Appunti per un Orestiade africana’, ieri sera ha avuto per protagonista il volto di una bambina, Wadjda, e per simbolo una bicicletta verde. Prima pellicola girata integralmente in Arabia Saudita, ‘La bicicletta verde’ è un film scritto e diretto da Haifaa Al Mansour, regista donna saudita. A causa delle restrizioni nei confronti delle donne in Arabia Saudita, la regista non poteva interagire in prima persona con gli uomini: è stata quindi costretta a dirigere le scene chiusa in un furgone, guardando le riprese con un monitor, dando direttive attraverso un walkie-talkie.

Il coraggio e la determinazione della regista è lo stesso che ritroviamo nella piccola Wadjda. La bambina ha 10 anni e abita nella periferia di Riyadh. Si ribella con piccole azioni quotidiane ad un mondo tradizionalista al quale non intende conformarsi: va a scuola con i lacci delle scarpe colorate, ascolta musica rock, ama cantare e ridere a crepapelle e sogna di avere una bicicletta tutta sua (cosa vietata per le donne) per sfidare ad una gara di velocità l’amico di giochi, Abdullah. Tentando una sintesi cromatica dell’intera trama, il nero dei lunghi abiti e dei tanti veti trova un varco verde in una bicicletta e nel vento di possibilità e speranza che accompagna le prime, a lungo sognate, pedalate.

Le tinte sobrie e la delicatezza della pellicola hanno portato in Piazza Brin un potente messaggio di integrazione, rispetto, solidarietà ed apertura al riconoscimento dei diritti civili. 'E quanto fa da tetto all'intera iniziativa. Il messaggio è stato raccolto dai partecipanti, dalle donne velate che, con le loro bambine, hanno preso posto nelle panchine per vedere il film, dai molti colori che abitano ogni giorno uno dei più suggestivi e ricchi mosaici umani che sia dato vedere nella nostra città ed è stato salutato dalla gioia di una nuvola di bambini latino-americani, accesi di curiosità per il temporaneo cinema all’aperto e dal Grand Prix di biciclettine che in stormo giravano attorno al perimetro della piazza.

La rassegna Mediterranea Film 2020 prosegue questa sera, in Piazza Brin, alle 21:30, con la terza proiezione, ‘Yeelen’ (La luce) di Souleymane Cissè (Mali/Burkina faso, 1984/87), film riconosciuto come capolavoro del cinema africano.
Un viaggio attraverso la magia. Il percorso per impossessarsi delle chiavi del sapere. È in questo viaggio alla ricerca dei poteri soprannaturali che si svolge la storia, attraverso le tradizioni millenarie del Mali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News