Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Luglio - ore 14.28

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Studenti spezzini a Genova per la seduta del Giorno del Ricordo

Premiati otto alunni, vincitori del concorso indetto dalla Regione sul tema del sacrificio degli istriani italiani. La testimonianza di Antonio Ballarin.

Studenti spezzini a Genova per la seduta del Giorno del Ricordo

La Spezia - Una delegazione spezzina, formata da rappresentanti delle istituzioni locali e da studenti, ha partecipato questa mattina alla seduta solenne del consiglio regionale dedicata al Giorno del Ricordo, svoltasi a Genova presso il complesso monumentale di Sant'Ignazio.
Alla presenza del vice-prefetto vicario della Spezia dottoressa Flavia Anania, del Presidente del Consiglio Comunale Giulio Guerri e del consigliere delegato all'istruzione della Provincia Loris Figoli, sono stati premiati gli otto studenti spezzini Francesco Ferrari, Giada Carolini, Francesca Piastri e Sofia Ravazzoni del liceo Costa e Noemi Rateo, Jonathan Reyes Mendez, Martina Zicarelli e Sara Conte dell'Einaudi-Chiodo, vincitori del concorso della Regione intitolato "Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e Dalmazia, mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli", destinato agli istituti superiori della Liguria.
Gli studenti, accompagnati rispettivamente dal professor Paolo Galantini e dalla professoressa Erminia Rapanà saranno protagonisti, insieme al dottor Lino Vivoda, esule istriano e scrittore, in occasione del consiglio comunale straordinario previsto il prossimo lunedì mattina in sala Dante, ove i ragazzi illustreranno i loro elaborati e saranno premiati dall'Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia.

Nell'occasione Antonio Ballarin, presidente della Federazione delle associazioni degli esuli Fiumani Istriani e Dalmati, ha ricostruito i tentativi, compiuti già nell’Ottocento, per attuare una progressiva slavizzazione della regione che da secoli era abitata da una popolazione autoctona di lingua italiana: dai progetti avviati dall’impero Austroungarico fino alle drammatiche vicende del secolo scorso con le persecuzioni, le stragi nelle foibe e l’esodo forzato di decine di migliaia di persone. Secondo Ballarin queste vicende non hanno avuto ancora un pieno riconoscimento: "A distanza di 70 anni queste generazioni chiedono che i conti, aperti dallo Stato italiano con la storia sulla pelle di gente senza colpa, siano chiusi in maniera definitiva". Il presidente della Federazione delle associazioni degli esuli Fiumani Istriani e Dalmati ha, quindi, illustrato le fasi che hanno portato, tramite una legge dello Stato italiano, alla tutela della memoria riscattando così la solitudine che ha accompagnato gli esuli per decenni. "Questa legge sana in parte l’ingiustizia subìta e costituisce il punto di partenza necessario per una ricostruzione identitaria, ma – ha aggiunto - il Giorno del Ricordo non è un punto di arrivo, ma di partenza. Da bravi e tenaci eredi di una civiltà nobile, colta, aperta e briosa, ci rimbocchiamo le maniche e ricostruiamo non solo le case squassate da un terremoto ma la stessa vita. Ricostruiamo
la nostra identità, la nostra appartenenza viscerale ad una terra. Il nostro desiderio – ha concluso – è di essere un unico popolo fra esuli e comunità ancora oggi presenti al di là del mare affinché tale popolo viva senza più paura di usare la propria lingua, la propria storia, la propria civiltà e la propria cultura".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le prime file alla seduta sul Giorno del Ricordo 2018 Archivio
Complesso monumentale di Sant’Ignazio dell’Archivio di Stato
Antonio Ballarin


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News