Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Settembre - ore 14.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sabato visite guidate ai mosaici futuristi di Fillia e Prampolini del Palazzo delle Poste | Foto

La fontana del Palazzo delle poste cerca un mecenate
Sabato visite guidate ai mosaici futuristi di Fillia e Prampolini del Palazzo delle Poste

La Spezia - Un sabato con il naso all'insù, alla riscoperta dell'arte, della storia e dell'identità che la città si porta dietro dagli anni Trenta a oggi.
A corollario della rassegna “TurismoèFuturismo” in programma in Piazza Mentana sino a domani, sabato 6 luglio, grazie a Poste Italiane, l’amministrazione comunale ha infatti organizzato una visita guidata al Palazzo delle Poste al cui interno sono presenti i mosaici di Prampolini e Fillia, cruciali esponenti artistici del periodo futurista. Un'occasione rara per poter visionare i mosaici realizzata su interessamento dell'assessorato al Turismo, grazie a Poste Italiane che eccezionalmente ha concesso l’apertura della torre al pubblico.

Le visite guidate saranno a cura della cooperativa Zoe e dureranno all’incirca 20 minuti. Per prenotazioni e informazioni 0187.72.74.95. Inoltre in via Diaz la startup “Dotevè” metterà a disposizione gratuitamente, alcuni scooter elettrici che potranno essere utilizzati per arrivare in Piazza Verdi.

Progettato dall'architetto Angelo Mazzoni, il Palazzo delle Poste di Piazza Verdi si caratterizza per una struttura massiccia e dalla presenza di una torre al cui interno è presente una grande opera in mosaico ceramico ligure che decora l'interno. Il grande mosaico è stato realizzato da Fillia e Prampolini che svilupparono i temi delle Comunicazioni terrestri e marittime (Fillia) e le Comu­nicazioni telegrafiche, telefoniche e aeree (Prampolini). L’opera è formata da quat­tro pannelli che sfruttano il movi­mento ascensionale con l'intenzione di rendere le visioni volatili e simul­tanee. Prampolini segue una visione che punta a dilatare la percezioni del volo con un chiaro riferimento ad un panteismo cosmico, trattato ai limiti di una anticipatrice astrazio­ne, mentre Fillia, mediante una programmatica e comunicativa sin­tesi aereo geometrica, declina il suo pensiero tramite un lirismo spiri­tuale che sopravanza il razionali­smo futurista.

Nel corso della preview con la stampa e la nipote di Filippo Tommaso Marinetti, Francesca Barbi Marinetti, l'assessore al Turismo Paolo Asti ha ricordato la provenienza della ceramica per le tessere degli splenditi mosaici, ovvero la Ceramica ligure Vaccari di Ponzano Magra, e ha poi accompagnato tutti a visitare la fontana del Palazzo delle Poste, per il recupero della quale sarà lanciata una richiesta di contributo da parte di un mecenate, attraverso lo strumento dell'Art bonus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News