Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 22.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Polemiche per i sovranisti al Salone del Libro, ma gli spezzini ci saranno

Dibattito infuocato e defezioni per la partecipazione della casa editrice vicina a Casa Pound ma gli scrittori della nostra provincia saranno comunque a Torino. Ecco le loro posizioni.

il caso del momento visto da qui
Polemiche per i sovranisti al Salone del Libro, ma gli spezzini ci saranno

La Spezia - Sarà un Salone del Libro all'insegna delle polemiche quello che si aprirà giovedì a Torino e alle prese in questi giorni con un infuocato dibattito legato alla presenza della casa editrice sovranista “Altaforte edizioni”, che nel suo stand presenterà anche “Io sono Matteo Salvini”, libro intervista di Chiara Giannini.
La presenza alla trentaduesima edizione della manifestazione del marchio editoriale vicino a Casa Pound ha letteralmente diviso il mondo della cultura, con autori che hanno deciso di rinunciare per protesta ed altri che invece hanno scelto di esserci proprio per “non cedere uno spazio di incontro e di confronto”. Fra le defezioni spiccano quelle del collettivo Wu Ming, del saggista Carlo Ginzburg, ma anche del celebre fumettista Zerocalcare e Carla Nespolo, presidente nazionale dell'Anpi che avrebbe dovuto presentare un volume dedicato a Tina Anselmi.
Contraria invece al boicottaggio invece Michela Murgia, autrice che sulla propria pagina Facebook ha spiegato: “Se Casa Pound mette un picchetto nel mio quartiere che faccio, me ne vado dal quartiere? Se Forza Nuova si candida alle elezioni io che faccio, straccio la tessera elettorale e rinuncio al mio diritto di voto? Se la Lega governa il Paese chiedo forse la cittadinanza altrove? No. Non lo faccio”. Con lei ci sarà anche Christian Raimo, dimessosi due giorni fa da consulente del direttore del Salone Lagioia per un post su Facebook.

Hanno scelto di esserci anche gli autori spezzini che al Lingotto presenteranno i loro libri. “Mi sembra inutile non partecipare al Salone” afferma senza mezzi termini il sarzanese Alessandro Zannoni che sabato 11 presenterà “Stato di famiglia”, uscito un mese fa per Arkadia e già in ristampa. “C'è una legge che dovrebbe stroncare sul nascere ogni forma di fascismo e ci sono formazioni che possono aprire sedi in tutta Italia, candidarsi alle elezioni, organizzare ronde o inneggiare al fascismo e poi ci si scandalizza se una piccola casa editrice partecipa con uno stand? Bisogna indignarsi e prendere posizioni tutti i giorni, chi lo fa ora cerca solo visibilità”.

“La manifestazione deve restare un luogo di diffusione della cultura – afferma l'arcolana Daniela Tresconi che sarà presente con “Il sigillo delle cento chiavi” -. Più che la presenza della casa editrice Altaforte dovrebbe essere scongiurata ogni finalità politica o di propaganda per il politico di turno”.

“Sarò al Salone con il mio libro “Edel Weiss” presso lo stand di MdS Editore – prosegue lo spezzino Marco Ursano – e sarò contento di esserci, specialmente quest'anno. Sono felice di poter offrire anche ad un solo lettore un libro che racconta di umanità e di libertà. Un libro contro i fascisti ed i razzisti. Un libro che mette a nudo il potere, l’ideologia e la subcultura dominanti. Se ce ne andiamo, se lasciamo i nostri spazi ai fascisti, perdiamo. Perdono tutti. L’Aventino non ha portato bene. Bisogna esserci”.

“La decisione di concedere spazio ad una casa editrice vicina a Casapound non è, soprattutto di questi tempi, un fatto che può passare in silenzio, è un grave errore, sul quale chi di dovere dovrebbe porvi rimedio – scrive invece sul proprio blog William Domenichini, autore di “Fulmine oltre il ponte” -. Razionalmente trovo tuttavia illogico lasciare ed abbandonare uno spazio ed un luogo di cultura, spazi e luoghi che devono essere presidi contro ogni forma di fascismo, spazi e luoghi di custodia di valori universali su cui si fonda la nostra Repubblica, spazi e luoghi di conflittualità in cui difendere i valori per cui hanno combattuto partigiane e partigiani, base fondante di ogni civiltà in cui sovrastare, con la una cultura di umanità, ogni forma che tenta di anteporvi odio, discriminazione, oppressione. Domenica 12 maggio io andrò al Salone del libro – conclude - ci andrò portando il mio lavoro, di memoria, di storia, di antifascismo, di Resistenza, perché ogni spazio pubblico è oggi un terreno di lotta, sul quale resistere, nel quale difendere le ragioni di tutti, per tutti. Ci vediamo a Torino”.

Infine Francesco Maria Terzago del collettivo "I Mitilanti" che dovrebbe essere ospite della "Libreria della Poesia" e che sulla propria pagina Facebook (dove estende il ragionamento anche alla propria città) osserva: “Ammetto che condividere lo stesso ecosistema di un editore come Altaforte mi dà una sensazione di fastidio e tensione, come quando si ha mal digerito e dormito poco. Provo per queste esperienze un senso di totale estraneità: le mie convinzioni sono antitetiche di ogni forma di pensiero che scimmiotti il fascismo, di qualsiasi sovranismo, di qualsiasi patriottismo come oggi comunemente inteso. Ecco che girare per le corsie di questa fiera, così eterogenea, potrebbe farmi riconoscere i volti di alcuni esponenti di spicco di un movimento che ha fatto della sua bandiera il razzismo e l'anti-femminismo e che, in virtù di quel paradosso di popperiana memoria, che è quello della tolleranza, dovrebbe essere (tale movimento) privato della possibilità di riunirsi e svolgere qualsiasi forma di attività”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News