Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Agosto - ore 22.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Placido, Pasotti, Ruffini, un cast d'eccezione sul palco dell'Astoria

Mito, fiaba e quotidianità si intersecano continuamente in uno spettacolo da non perdere. “Sogno di una notte di mezza estate” a Lerici.

Placido, Pasotti, Ruffini, un cast d'eccezione sul palco dell'Astoria

La Spezia - "Il Sogno di una notte di mezza estate" è un vero e proprio teorema sull'amore, ma anche sul nonsense della vita degli uomini che si rincorrono e si affannano per amarsi, che si innamorano e si desiderano senza spiegazioni, che si incontrano per una serie di casualità di cui non sono padroni. Mito, fiaba e quotidianità si intersecano continuamente all'interno di questa originale versione del noto testo shakespeariano. La vicenda si snoda attorno agli affari amorosi di Ermia e Lisandro e di Elena e Demetrio, le cui avventure sentimentali sono complicate dall'entrata in scena di Oberon e Titania, re e regina delle fate che, servendosi di un folletto di nome Puck, creano scompiglio ai sentimenti dell'amante.
Giorgio Pasotti, Violante Placido, Paolo Ruffini e Stefano Fresi portano sul palco del Teatro Astoria, martedì 20 febbraio, alle ore 21, uno dei più noti testi di Shakespeare: “Sogno di una notte di mezza estate”.

"Il palco del nostro Teatro ospiterà un cast d'eccezione, che si cimenterà nella rilettura di uno dei più potenti classici della storia della letteratura – spiega Claudia Gianstefani, consigliere delegato al Teatro -. Mito, fiaba e quotidianità si incontrano e si combinano continuamente, dando vita a un'originale versione del conosciuto testo shakespeariano, in uno spettacolo da non perdere". "Quello che cerco in questo Sogno - commenta il regista Massimiliano Bruno -. è tirare fuori la dimensione inconscia che il bardo suggeriva neanche troppo velatamente, puntellare con l'acciaio la dimensione razionale imprigionata nelle regole e nei doveri bigotti e rendere più libera possibile quella onirica, anarchica e grottesca. L'intenzione è essere affettivi senza essere affettuosi, ferire per suscitare una reazione, divertire per far riflettere, vivere nella verità del sogno tralasciando la ragione asettica e conformista".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefano Fresi
Giorgio Pasotti
Paolo Ruffini


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News