Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Luglio - ore 12.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Nuovo corso per il Dialma, Peracchini: "Sarà ancora più vivace e aperto"

Affidamento per sei anni a IsForCoop, Scarti e Zoe.

Rete di associazioni
Nuovo corso per il Dialma, Peracchini: "Sarà ancora più vivace e aperto"

La Spezia - E’ ormai questione di poche settimane l’avvio del nuovo corso del Centro Dialma Ruggiero di Fossitermi, cuore pulsante della cultura spezzina, che passerà dalla gestione diretta del Comune ai nuovi gestori che hanno presentato una Manifestazione d’interesse per l’avviso pubblico per la concessione in uso dell’immobile. L’offerta presentata dall’ATS, formata da IsForCoop, Associazione Culturale Gli Scarti e Zoe Gestione Servizi Culturali Società Cooperativa, è risultata idonea ed è stata disposta l’assegnazione della concessione a partire dalla data del 1° settembre 2019. L’ATS che gestirà per sei anni il Dialma, con la possibilità di prolungare di altri sei, è composta da tre realtà di eccellenza del territorio nei rispettivi settori: IsForCoop per la formazione e per i progetti rivolti alle fasce deboli, gli Scarti per il settore teatrale, e Zoe per il settore culturale, museale e turistico. A queste si affiancheranno una rete di associazioni che hanno sostenuto il progetto e che disporranno di alcuni spazi del Centro con un contratto annuale, (Associazione Les Mobiles, Nk Studio, Ass. Moto Contrario) e alle quali se ne potranno aggiungere altre qualora fossero interessate. “Il centro, uno dei maggiori punti nevralgici della nostra xittà, viene rilanciato con una diversa filosofia - dichiara il sindaco Pierluigi Peracchini - Un nuovo corso per un nuovo destino con attività che riguardano la formazione, l’arte e la cultura: la vocazione culturale del centro si coniuga, in modo inedito, a quella sociale, al fine di una collaborazione sussidiaria positiva da promuovere in tutto il territorio. Il Dialma Ruggiero apre le sue porte a tutti, dando la massima disponibilità nei confronti delle realtà associative cittadine per l’utilizzo degli spazi mantenendo però la sua storica e forte connotazione popolare e sociale. Come un buon padre di famiglia, nonostante ci ritroviamo in tempo di scarse risorse economiche unito ad una totale mancanza di programmazione ereditati dal passato e senza avere la possibilità di assunzioni, l’amministrazione è riuscita ad assicurare alla cittadinanza l’apertura di tutti i nuovi servizi. Abbiamo infatti assicurato la fruizione di grandi e bei luoghi di aggregazione, il doppio rispetto al passato, quali, fra gli altri, le biblioteche Mazzini e Beghi, la mediateca e, appunto, il Dialma Ruggiero. Siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo appellandoci al principio di sussidiarietà, coinvolgendo cioè le associazioni del territorio nella gestione della cosa pubblica, e in particolare del Dialma Ruggiero, a patto che mantenesse il suo carattere di presidio nel quartiere e nella città. Un centro che oggi è pronto a ripartire con una spinta propulsiva nuova, ancora più vivace e aperta rispetto al passato - continua il sindaco Peracchini - Sono certo che la nuova gestione del Dialma darà prova di essere un grande esempio virtuoso perché il Comune deve essere a servizio dei cittadini, per i cittadini, sempre e di tutti”.

La nuova filosofia. “Sarà una sfida impegnativa, e una grossa responsabilità, perché sappiamo quanto i cittadini tengono a questo luogo e a ciò che rappresenta per la Spezia, per i bambini, le famiglie, gli adolescenti, gli anziani, e tutte le persone che in questi anni lo hanno frequentato e vissuto – dichiara congiuntamente l’ATS – Auspichiamo che altre realtà associative si uniscano alla rete del Dialma e al progetto proposto, per arricchire ancora di più l’offerta e sfruttare al massimo il grande potenziale della struttura. Crediamo che puntando sulla qualità, sulla più ampia partecipazione popolare, sull’inclusione delle fasce deboli e sull’innovazione dei progetti, il Dialma possa diventare un punto di riferimento non solo alla Spezia, ma anche oltre i confini cittadini.” L’intenzione dei nuovi gestori è quella di legare sempre di più la vocazione culturale a quella sociale: promuovere progetti di inclusione e integrazione delle fasce deboli attraverso le discipline delle arti performative; innalzare la qualità della proposta artistica e formativa; migliorare l’organizzazione complessiva e il decoro degli ambienti attraverso un rinnovo degli spazi; rilanciare l’immagine del Dialma, rendendolo un luogo accogliente, accessibile e attrattivo anche per realtà extra-cittadine. "Sono contento che l'amministrazione abbia concluso l'iter di affidamento del Dialma Ruggiero - è il commento di Paolo Asti, ex assessore alla cultura che aveva seguito il percorso dal principio - e che ci sia stato un esito positivo per il quale mi sono sempre battuto affinchè le associazioni potessero restare all'interno della struttura, senza più costi per chi ne usufruirà e ci fosse un grande risparmio per il Comune in termini di denaro per i servizi erogati e al contempo per il personale di cui oggi, con la nuova gestione, non ci sarebbe bisogno di metterli. Un risparmio che avevo ipotizzato, fra i 200 e i 300mila euro l'anno, così utile alle casse comunali. E' una grande soddisfazione quindi vedere che tutto ciò che mi è costato in termini di accuse durante l'iter progettuale sia stato utile per il risultato finale. Mi complimenti anche con l'assessore Gagliardi che in questo caso non può certo essere contestata dall'opposizione per non aver valorizzato il patrimonio comunale".

Come funzionerà. Formazione, Teatro, Danza, Musica, Video, Comunicazione e Web, Spettacoli, saranno dunque i settori di attività principali che renderanno il Centro una vera e propria cittadella della cultura e della socialità. Andando più nel dettaglio dei vari settori, per il teatro proseguiranno i progetti di formazione condotti dagli Scarti e rivolti a diverse fasce della cittadinanza, la programmazione di teatro contemporaneo di Fuori Luogo, le produzioni e le residenze artistiche di compagnie teatrali di eccellenza del panorama italiano (Per info 3803231038). Per la danza verrà lanciata una nuova scuola all’insegna della qualità: La Spezia Progetto Danza - diretta da Annita Conti (Diplomata al Biennio Insegnanti al Teatro alla Scala di Milano, e Danceability® Teacher) presidente dell’Associazione Les Mobiles - Educazione al movimento, che proporrà un piano di studi con diversi corsi che vanno dalla danza classica (metodo Teatro alla Scala), danza moderna e contemporanea, ai laboratori di danza integrati col metodo Danceability®, fino allo Yoga, con le open classes di prova a partire da settembre (Per informazioni e preiscrizioni contattare il 3497172915 – i corsi sono a numero limitato). Per la musica l’associazione "Moto Contrario" diretta dalla cantante lirica Chiara Kihlgren (Diploma Accademico di secondo livello presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma) proporrà corsi di formazione teorica, strumentale e vocale, sia a carattere individuale che collettivo, abbracciando i diversi ambiti musicali, partendo dalla ferma convinzione dell’importanza dello sviluppo delle attitudini musicali innate presenti in ciascun bambino, adolescente, adulto e dell’acquisizione del relativo linguaggio teorico-pratico fin dai primi anni di vita. Anche in quest’ambito si vuole andare verso una proposta formativa all’insegna della qualità e della ricerca. (Per informazioni 3331137324).
Sempre in ambito musicale, ma più legato alla produzione e alla scoperta di nuovi talenti, al video e alla comunicazione web, Il Dialma sarà la sede del Progetto Beatgarden Factory di Nk Studio, con la collaborazione di videomaker, fotografi e reparto Management, la societa' punta ad essere un contenitore di idee ed uno sviluppatore di contenuti e strategie per il mondo dell'arte, completando l'esperienza con l'organizzazione di masterclass ed eventi legati al mondo della produzione multimediale e della comunicazione social.

Tutte queste attività si intrecceranno in progetti interdisciplinari e di inclusione delle fasce deboli con le proposte formative di Isforcoop e di Coperativa Zoe, e con le altre realtà associative che vorranno utilizzare e animare il Centro Dialma Ruggiero. L’auditorium, così come altri spazi della struttura, rimarrà disponibile, con una nuova tariffazione, a tutte le realtà culturali cittadine per saggi, spettacoli e altre attività. Per informazioni sugli spazi sulla loro prenotazione e tariffe si può contattare l’indirizzo mail info@ildialma.it

Nella foto da sinistra:
Ina Thies (Associazione Le Mobile – Progetto danza La Spezia) Nicolò Spinatelli (NK Studio), Maurizio Mezzani (Is For Coop), Graziella Bonaguidi (Zoe Società Cooperative), Sindaco Pierluigi Peracchini, Andrea Cerri (Associazione Gli Scarti), Alessandra De Simone (Is For Coop), Chiara Kihlgren (Associazione Moto Contrario)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News