Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 08 Agosto - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Lo scultore Matteo Zeni alla Spezia

al liceo cardarelli
Lo scultore Matteo Zeni alla Spezia

La Spezia - Dal 30 gennaio al 28 febbraio, nello spazio espositivo del Liceo Artistico e Musicale V. Cardarelli (LAS), sarà aperta al pubblico "Umano, troppo umano", mostra delle opere dell’artista Matteo Zeni, a cura di Silvia Sacchelli. L’inaugurazione dell’evento (30 gennaio, alle ore 17) vedrà la partecipazione di un giovane musicista, allievo del Liceo musicale, che eseguirà con il sassofono Improvisation, di Ryo Noda. Le opere di Matteo Zeni offrono un’emozionante rappresentazione della dimensione umana in tutta la sua tragicità e con la sua carica di mistero, attraverso un rapporto originale con i materiali scultorei che prendono vita tra le mani dell’artista.
Un’occasione stimolante e importante per i ragazzi della scuola che ospita l’evento e partecipa attivamente alla sua organizzazione, ma anche un appuntamento prezioso per la città, per quanti amino cercare un momento di raccoglimento dialogando con l’arte. Orari della mostra, presso lo spazio espositivo del Cardarelli, in via Montepertico 1, La Spezia. Lunedì, martedì, giovedì: 10-18, Mercoledì: 10-19, Venerdì: 10-16, Sabato: 10-13.

Lo spazio espositivo del Liceo Cardarelli: per saperne di più

La riforma della scuola secondaria superiore andata in vigore nel 2010 prevedeva espressamente la possibilità che i Licei Artistici si dotassero di spazi espositivi e attivassero una regolare attività di mostre. Il Liceo Artistico Cardarelli aveva già avviato una politica espositiva sia all'interno (la mostra Ex per novo) sia all'esterno del plesso scolastico (In principio c'era un libro e fararte 1 alla Fortezza Firmafede di Sarzana). Fu quindi una logica conseguenza l'avvio, d’intesa con la Provincia della Spezia, di un iter per la costituzione di una vera e propria galleria d’arte che avesse come scopo precipuo la valorizzazione della produzione artistica del territorio.
La sede di via Montepertico ha al piano terreno una stanza molto ampia, già destinata a Sala insegnanti, con ingresso sia dal resto della scuola sia direttamente dal parcheggio, che risultava perfettamente idonea alla nuova funzione. La stanza fu dotata di un impianto di illuminazione specifico e funzionale grazie al supporto della Provincia e un gruppo di insegnanti si impegnò nella programmazione e nella gestione dello spazio. In particolare il professor Roberto Pertile si assunse il compito di curare la grafica del materiale promozionale, creando un marchio ed uno stile che sono rimasti immutati negli otto anni di vita della galleria.
Lo spazio venne inaugurato nel novembre 2011 con una mostra del fotografo Sergio Fregoso, deceduto pochi mesi prima, curata, come la maggior parte delle mostre successive, dal professor Enrico Formica, in possesso già di una lunga esperienza come organizzatore e curatore di mostre d’arte.
Gli altri docenti che hanno partecipato e partecipano alla gestione sono i professori Salvatore 'Pino' Campagna, Franca Ferrari, Andrea Tinelli, Paolo Manfredini, più molti altri che in vari momenti hanno prestato la loro collaborazione.
Da allora l’attività della galleria è stata continuativa nel periodo dell’anno scolastico, alternando antologiche di maestri riconosciuti (Cosimo Cimino, Fabrizio Mismas, Vincentiu Grigorescu, Enrico Amici, Enzo Dadà, Enzo Bartolozzi, Eliseo Andriolo, Alfredo Cocquio, Stefano Graziano, Carlo Moggia, Enrico Imberciadori, Maura Jasoni, Gloria Giuliano, Enrico Saturno), collettive a tema (Il mare di Argenti, Lodi e Tamberi, Giacomo Linari e la pittura di paesaggio alla Spezia nella seconda metà del Novecento, Arte a pezzi), proposte di gruppi e coppie di artisti (Tra lo studio (Carozzi Meoni Peckham Thommen Vendramel), Brain box (Factory), Viaggio dal Levante (Barenco Campi De Luca), Fronte/Retro (Merino Ricciardi), Convergenze parallele (Prudente Tartarini) Metallo (Manfredi Sergiampietri)), ricerche di giovani artisti emergenti (fararte2, Cosa resta dei nostri amori(Tassara Vendasi)), progetti commemorativi (Fabio Maria Linari e i suoi amici), visualizzazioni di progetti interni (Liquid views), progetti espositivi del dipartimento di Architettura e design (L'ideale realizzato, Eredità paesaggio).
Nel corso degli anni inoltre sono stati sviluppati progetti espositivi in collaborazione con enti esterni e su proposta di associazioni e istituzioni: Shoah e postmemoria con la casa editrice Sonda, L'arte è uguale per tutti con la Procura della repubblica, Werkbund austellung Koln 1914 e Architettura del Bauhaus con l'Associazione Culturale Italo-Tedesca.
Le esposizioni sono state accompagnate da incontri, conferenze, proiezioni, presentazioni di cataloghi. Più d'una è stata poi ripresa in altre sedi espositive. Da due stagioni è stata introdotta la prassi di accompagnare le inaugurazioni con brevi interventi musicali di allievi del Liceo Musicale Cardarelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News