Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Luglio - ore 21.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La fotografia di Jodi Bieber invade l'ex Croce di Malta | Foto

Nella sede della Fondazione Carispezia inaugura domani la mostra personale della fotografa di Johannesburg. In Sudafrica dalla fine dell'apartheid ad oggi, fra sviluppo economico e conflitti mai risolti. visibile fino al 4 marzo prossimo.

La fotografia di Jodi Bieber invade l'ex Croce di Malta

La Spezia - Fondazione Carispezia inaugurerà sabato 2 dicembre (ore 17.30) la mostra personale di Jodi Bieber dal titolo "Between Darkness and Light. Selected Works: South Africa 1994 -2010", terza tappa del percorso dedicato alla fotografia contemporanea avviato dalla Fondazione nel 2015 con l'esposizione "Back to the Future" del fotografo armeno-siriano Hrair Sarkissian, seguita nel 2016 dalla mostra Severa Japanese Rooms, che ha presentato i lavori di sette tra i più significativi artisti della scena giapponese. Un percorso pensato per valorizzare la fotografia anche come strumento di conoscenza dei mutevoli aspetti e delle complessità presenti nella società e nella cultura contemporanee.
"Between Darkness and Light", a cura di Filippo Maggia, è la prima grande personale in Italia delta fotografa sudafricana, vincitrice nel 2010 del World Press Photo con il celebre ritratto di Bibi Aisha, giovane donna afghana con il volto sfigurato. L'artista sarà presente alla Spezia in occasione dell'apertura della mostra.

Jodi Bieber (Johannesburg 1966) è da numerosi anni una delle autrici di spicco della fotografia sudafricana, scuola che vanta lunghe tradizioni e importanti fotografi contemporanei come David Goldblatt, Santu Mofokeng, Zanele Muholi, Pieter Hugo, Guy Tillim. La mostra - che resterà aperta al pubblico fino al 4 marzo 2018 negli spazi espositivi della Fondazione - presenta 4 serie complete fra le più rilevanti dell'intera produzione di Bieber: "Between dogs & wolves - Growing up with South Africa", "Going home - Illegality and Repatriation", "Women who have murdered their husbands e Soweto". Una raccolta di oltre 100 fotografie in bianco e nero e a colori che tracciano la storia recente del Sudafrica. Dalla fine dell'apartheid sino quasi ai nostri giorni, le immagini di Bieber raccontano un paese in pieno sviluppo economico, riferimento per molte altre nazioni africane, ma ancora lacerato da vecchi conflitti sociali e da nuove tensioni derivanti proprio dalla modernità che avanza. "È stata una grande fortuna trovare la fotografia" - ha affermato Bieber in una recente intervista - "un mezzo che mi ha permesso di esplorare e capire il mio paese negli anni cruciali di passaggio da un'epoca a un'altra". La serie "Between dogs & wolves - Growing up with South Africa" è il risultato di un lavoro durato dieci anni - iniziato nel 1994 all'indomani delle prime elezioni democratiche del paese - e realizzato all'interno delle comunità più povere dei sobborghi di Johannesburg. Le immagini di Bieber ci trasportano nel mondo delle giovani generazioni cresciute ai margini della società sudafricana, un mondo segnato da sogni e fallimenti, dominato dalle gang, dove i bambini convivono con l'HIV/Aids e dove le prostitute cambiano le tariffe in base al colore della pelle dei clienti. Un racconto sulla perdita dell'innocenza e sull'istinto di sopravvivenza, che diviene metafora della battaglia che lo stesso Sudafrica ha combattuto per decenni. Nelle fotografie in bianco e nero che compongono la serie Going home - Illegality and Repatriation, vincitrice del Premio dell'Unione Europea per la fotografia documentaria, Bieber ha rappresentato il periodo immediatamente successivo alle terribili inondazioni che nel 2000 devastarono il Mozambico e che coincisero, nel vicino Sudafrica, con l'operazione Crackdown messa in atto dalla polizia per diminuire il tasso di criminalità nel paese. Per le persone ritratte - rinchiuse nei centri in attesa di essere rimpatriate o nei treni che le riportano al loro paese di origine, in una sorta di stato di transizione senza fine - attraversare i confini non rappresenta un semplice sogno, ma un atto dettato dal bisogno che si trasforma in un inutile e doloroso calvario.

Tra i lavori in mostra anche "Women who have murdered their husbands", una serie in cui emerge in maniera particolarmente evidente quella predisposizione di Bieber a stabilire rapporti forti e sinceri con i luoghi e le persone che racconta, che attraversa tutta la sua produzione. Le fotografie, realizzate all'interno della prigione femminile di Johannesburg, ritraggono alcune donne condannate per aver ucciso, molto spesso per legittima difesa, i loro mariti o compagni. Come ricorda la fotografa "in Sudafrica ogni sei giorni una donna viene uccisa dal proprio partner, ogni ventisei secondi una donna viene stuprata e una donna su quattro subisce regolarmente violenza dal proprio partner".
Soweto è, invece, una serie inaugurata da Bieber nel 2009 e dedicata alla celebrazione della vita nell'omonima area urbana della città di Johannesburg. Grazie al ruolo fondamentale svolto nella storia della lotta all'apartheid, Soweto oggi incarna, forse più di qualunque altro luogo, la lotta del Sudafrica per la libertà e rappresenta uno dei centri nodali del percorso di costruzione di una consapevolezza collettiva. Ma da Soweto provengono anche molte delle espressioni artistiche e culturali nelle quali si riconoscono le giovani generazioni: al di là delle grandi narrazioni, in questo luogo per sua natura vitale e cosmopolita c'è - e c'è sempre stato - un proliferare di espressioni artistiche, tra danza, arte, moda. Le immagini di Bieber raccontano questa realtà in fermento dove - qui come altrove - gli abitanti del Sudafrica reinventano in continuazione se stessi e il proprio spazio urbano. La mostra "Between Darkness and Light. Selected Works: South Africa 1994-2010" è accompagnata da un catalogo edito da Skira che contiene tutte le opere in esposizione e una conversazione fra Jodi Bieber e Filippo Maggia.

"Dopo le esposizioni dedicate alla Siria di Hrair Sarkissian e all'attualità del Giappone vista con gli occhi di sette artisti emergenti - ha commentato il presidente della Fondazione, Matteo Melley -, questa nuova mostra prosegue il percorso dedicato dalla Fondazione Carispezia alla valorizzazione e alla conoscenza della fotografia, con particolare attenzione ai temi della contemporaneità. `Jodi Bieber. Between Darkness and Light' è infatti la prima personale italiana di una delle autrici di punta del panorama africano contemporaneo, che in questa importante selezione di oltre cento opere esplora e ritrae i mutevoli aspetti e le complessità del Sudafrica nella difficile transizione dai giorni della segregazione razziale alla realtà odierna. È proprio la valenza sociale ed educativa, oltre che artistica, del linguaggio fotografico che spinge la nostra Fondazione nella ricerca dei più interessanti artisti internazionali nel campo della fotografia, capaci di raggiungere un pubblico ampio e intergenerazionale e di suggerire letture che vadano oltre la superficie dell 'immagine".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia










Come ogni estate, non c'è un giorno senza sagre. Che ne pensate?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News