Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La cinematografia tedesca tema di un ciclo di proiezioni

all'ACIT
La cinematografia tedesca tema di un ciclo di proiezioni

La Spezia - L’Associazione Culturale Italo Tedesca comunica che sabato 16 febbraio alle 17 presso la sede Acit di via Manin 27 inizierà il seminario di lettura filmica a cura di Giordano Giannini, dal titolo “Questo non è un divano – Sette notti arabe”, dedicato all’orientalismo nella cinematografia tedesca. L’originale percorso prevede la proiezione dei seguenti film: 16 febbraio “La Tigre di Eschnapur” (Der Tiger von Eschnapur, BRD / Francia / Italia - 1959) e 23 febbraio “Il Sepolcro indiano” (Das indische Grabmal, BRD / Francia / Italia - 1959), entrambi con regia di Fritz Lang, discusso dittico, tra le ultime fatiche del regista; 2 marzo “Paura” (Furcht, Germania - 1917) di Robert Wiene, esordio del regista de “Il gabinetto del dott.Caligari”, ancora frammentario ed acerbo eppure già racchiudente i motivi delle sue opere più mature; 9 marzo “L’Atlantide” (Die Herrin von Atlantis, Germania / Francia - 1932) di Georg Wilhelm Pabst, con la mitica Brigitte Helm di “Metropolis”; 16 marzo “Nathan il Saggio ” (Nathan der Weise, Germania - 1922) di
Manfred Noa, ispirato al dramma di Lessing, parabola sulla tolleranza; 23 marzo “Sumurun” (Sumurun: Eine arabische Nacht, Germania - 1920) di Ernst Lubitsch, che catapulta gli spettatori nell’universo letterario delle ‘Mille e una Notte’, presentando oltretutto lo stesso Ernst Lubitsch alla sua ultima esperienza come attore; 30 marzo “Harem” (Francia - 1985) di Arthur Joffé, con Nastassja Kinski.

Venerdì 5 aprile alle 17, in collaborazione con la Cineteca del Goethe-Institut di Roma, avrà inizio una rassegna dal titolo „FRAUENfilm – Registe“. “Le donne hanno appena trovato il coraggio di guardare se stesse e la società con i propri occhi”, scriveva nel 1978 Helke Sander, attivista e pioniera del cinema al femminile. Sono passati 40 anni
da allora e lo sguardo delle donne ha fatto passi da gigante anche dietro la cinepresa: è a quello sguardo che il Goethe - Institut dedica la rassegna FRAUENfilm – Registe, viaggio in un cinema dalla forza inedita, capace di una straordinaria diversità di temi e di approcci. Se Caroline Link riuscì a riportare l’Oscar in Germania dopo vent’anni con il suo Nirgendwo in Afrika, oggi molte registe si cimentano anche tra i generi di maggior successo, come dimostra tra gli altri lo struggente biopic Vor Der Morgenröte di Maria Schrader, ennesima conferma che oggi in Germania il cinema
migliore si declina al plurale femminile.

La rassegna inizierà il 5 aprile con Nowhere in Africa - (Nirgendwo in Afrika) 2001 di Caroline Link, celebre pellicola tratta dall’omonimo romanzo autobiografico di Stefanie Zweig che narra di una famiglia ebrea tedesca che lascia  la Germania nel 1938 per trasferirsi in Kenia. Seguirà il 12 aprile Grüsse aus Fukushima (“Fukushima, mon amour”) 2015/2016 di Doris Dörrie, storia dell’amicizia tra una giovane donna che si reca in Giappone per portare aiuto ai sopravvissuti alla catastrofe di Fukushima e un’anziana geisha. Il 19 aprile verrà proiettato Vor der Morgenröte (Prima dell’alba - Stefan Zweig in America) 2016, di Maria Schrader, dedicato alla tragica vicenda dello scrittore Stefan Zweig, il 26 aprile Ostwind (Vento dell’est) 2013, di Katja von Garnier, racconta di una ragazzina quattordicenne e della sua amicizia per il cavallo Ostwind. La seconda rassegna si chiuderà il 3 maggio con Wild (Selvaggio), 2014/2015, di Nikolette Krebitz, incredibile storia di un rapporto simbiotico tra donna e lupo. Le pellicole sono sottotitolate in italiano; ingresso libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News