Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Gennaio - ore 22.58

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'Archivio di Stato racconta le trasformazioni della città nuova

Una nuova mostra nei locali di Via Galvani, si propone di illustrare i mutamenti che hanno contraddistinto la città sul piano culturale e sociale fra Ottocento e inizio Novecent.

prima di diventare provincia
L'Archivio di Stato racconta le trasformazioni della città nuova

La Spezia - In considerazione dell’interesse e della partecipazione del pubblico alle iniziative dell’Archivio di Stato rientranti negli eventi istituzionali promossi dal Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo, abbiamo ritenuto opportuno presentare per il periodo natalizio una mostra bibliografica intitolata: “Aspettando il Natale in Archivio: la nuova
Spezia, rassegna bibliografica 1861-1919”. La mostra si propone di illustrare i mutamenti che hanno contraddistinto la città sul piano culturale e sociale fra Ottocento e inizio Novecento. Emerge un quadro fondamentalmente positivo, nella diffusa consapevolezza della crescita, della modernità, di un avanzamento culturale e civile, di valori condivisi dalle ultime manifestazioni di un’aristocrazia liberale, dalle nuove presenze dei militari e dal nascente ruolo del mondo del lavoro industriale.

Nella rassegna si è dato spazio, in particolare, alla documentazione sulla Spezia Belle Époque, dai palazzi alle scalinate, alle ultime immagini del Politeama Duca degli Abruzzi, alla momentanea coabitazione di nuovi tram e vecchie carrozze a cavalli, alla posa della prima pietra dell’Ospedale civile intitolato a Vittorio Emanuele II nel 1904 (completato nel
1908 e inaugurato nel 1914), all’inaugurazione del monumento Garibaldi nel 1913. A compendio della rassegna non poteva mancare la monografia curata da Ubaldo Mazzini e Tito Valenti edita dalla allora Camera di Commercio e Industria, che dedica un’ampia trattazione alle industrie nascenti e già in pieno sviluppo. Ritroviamo, dunque, nella mostra una Spezia dinamica e protesa al futuro, che vedrà riconosciuto il suo nuovo ruolo con l’istituzione della Provincia nel 1923. La mostra bibliografica è aperta presso la sede dell’Archivio di Stato, Via Galvani, 21
Valdellora, da lunedì 9 dicembre a venerdì 13 dicembre nell’orario di apertura al pubblico (lunedì-mercoledì-venerdì ore 8-14, martedì e giovedì 8-17).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News