Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 17.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il casellante di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale al Civico

Domenica 21 e lunedì 22 gennaio in scena Moni Ovadia, Valeria Contadino e Mario Incudine.

Il casellante di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale al Civico

La Spezia - La Stagione di prosa del Teatro Civico della Spezia propone per domenica 21 e lunedì 22 gennaio alle 20.45 Il casellante di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale con Moni Ovadia, Valeria Contadino e Mario Incudine. Il casellante e` uno dei libri piu` divertenti e struggenti di Andrea Camilleri. Un romanzo breve del 2008, anello centrale di quella trilogia mitologica che comprende Maruzza Musumeci e Il sonaglio. Tre opere che raccontano una Sicilia arcaica, comica e tragica, ad un tempo ferocemente logica e paradossale, abitata da personaggi reali fantasiosamente trasfigurati.
“Un formidabile sincretismo – come ha scritto il regista e coautore della trasposizione teatrale Giuseppe Dipasquale – a servizio di una storia di dolore e passione, violenza e riscatto. Un inno alla vita contro la morte”.
Passioni, gelosie, vendette, dolori dell’anima e del corpo, meschinità, prepotenze dello Stato e protezioni mafiose i temi ricorrenti del testo ambientato nella Sicilia degli anni Quaranta, racconto delle trasformazioni del dolore della maternità negata e della guerra. Il finale è un inno alla vita, perché il mistero si nasconde dietro a ciò che è imprevedibile agli uomini e cambia in bene il loro destino.
Il Casellante è uno spettacolo dove si ride e ci si commuove, si fa musica dal vivo e si canta. Realtà, favola e mito, ma anche fascismo, amore e guerra si fondono nel racconto scritto nella lingua personale, originale e sperimentale di Camilleri. Con Moni Ovadia, Valeria Contadino e Mario Incudine, sul palco Giampaolo Romania e Sergio Seminara e i musicisti Antonio Vasta e Antonio Putzu. Regia e scene di Giuseppe Dipasquale, musiche originali di Mario Incudine con la collaborazione di Antonio Vasta, costumi Elisa Savi, luci Gianni Grasso.
Prossimo appuntamento per la Stagione di prosa Intrigo e amore di Friedrich Schiller portato in scena domenica 28 febbraio dal Teatro Stabile di Genova per la regia di Marco Sciaccaluga.

Il casellante – trama.
Sulla linea ferroviaria che costeggia il mare a sud di Porto Empedocle passano solo due treni al giorno, quello che va da Vigàta a Castelvetrano e l'altro che fa il percorso inverso. I due treni si incrociano ogni giorno a Sicudiana. Lì, stretto tra la campagna e la spiaggia, sta il casello di Nino Zarcuto. La casa è piccola, la cucina al piano terra e la camera da letto al piano alto, più un orticello coltivato e il pozzo dell'acqua. Ma Minica, la giovane moglie del casellante, la cura come un gioiello. La vita di Nino è semplice e serena: alzare il passaggio a livello, curare l'orto e gli animali e, qualche volta, una suonata dal barbiere del paese insieme all'amico Totò, uno alla chitarra e l'altro al mandolino, per guadagnare qualche soldo. Manca solo un figlio, che arriverà con l’intervento di una fattucchiera. Nel 1942 arriva la guerra e lungo la linea ferroviaria gli alleati bombardano, si teme uno sbarco nemico dal mare. Il Genio civile vuole fortificare, vengono mandati i soldati a costruire dei bunker lungo la costa. Il casellante li accoglie con ospitalità, ma durante l’assenza di Nino - detenuto in carcere dal gerarca fascista del paese, che vede complotti al Duce anche in un concerto - qualcuno va a bussare alla porta di casa dove Minica è rimasta sola. La donna viene brutalmente violentata e perde il bambino che aveva in grembo diventando sterile e pazza. Si limita a vegetare, addirittura arriva a credersi albero e ad annaffiarsi i piedi piantati nella terra. Aspetta la metamorfosi, il giorno in cui le spunteranno le radici e inizierà finalmente a dare i suoi frutti…

Info e prenotazioni: Teatro Civico La Spezia, via Fazio 45 e via Carpenino, tel. 0187.727521. Da lunedì a sabato, ore 8:30-12:00, mercoledì anche 16:00-19; Circolo Culturale G. Fantoni Lunigiana La Spezia, corso Cavour 339, tel. 0187.716106. Da martedì a venerdì, ore 9:30-13:00 e 16:00-19:30. IAT Sarzana Sarzana, piazza San Giorgio, tel. 0187.620419. Da martedì a domenica, ore 9:30-12:30 e 17:00-19.30. www.teatrocivico.it - info@teatrocivico.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il casellante Archivio


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News