Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Maggio - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il Festival della Mente entra in classe per ottocento studenti

Il Festival della Mente entra in classe per ottocento studenti

La Spezia - Si è conclusa venerdì 12 maggio con la lectio dello scrittore e giornalista Matteo Nucci, tra i dodici finalisti al Premio Strega 2017, la serie di incontri del Festival della Mente in Classe 2017, il progetto promosso dalla Fondazione Carispezia con il contributo di Crédit Agricole Carispezia rivolto agli studenti del territorio e pensato per estendere lo spirito del festival oltre i tre giorni dell’evento, diffondendo tra le nuove generazioni la creatività e la cultura in modo semplice e appassionante.
Più di 800 studenti, 27 classi e 40 docenti sono stati coinvolti nei quattro appuntamenti proposti durante l’anno in diverse scuole del territorio. Oltre a Matteo Nucci, ospite al Festival della Mente nell’edizione 2016 - che nel suo intervento ha raccontato “La vera forza dell’eroe: la sua fragilità” - gli studenti delle scuole superiori della provincia spezzina hanno avuto modo di confrontarsi con Riccardo Staglianò, giornalista e inviato di Repubblica, in un incontro dedicato alle nuove professioni del futuro.
Con Daniele Bonomo, in arte GUD, le classi seconde delle scuole medie di Sarzana sono state protagoniste di un laboratorio di fumetti, mentre un gruppo di ragazzi dell’Istituto Cardarelli della Spezia ha partecipato al laboratorio artigianale di serigrafia di Else Edizioni, sperimentando questa tecnica a bordo di “Ronzinante”, un furgone allestito come un vero e proprio laboratorio mobile. I materiali realizzati saranno esposti durante i giorni del festival - l’1, 2 e 3 settembre a Sarzana - all’interno della mostra creativaMente kids – quando la creatività diventa un mestiere.

Il Festival della Mente prosegue inoltre le iniziative di avvicinamento alla sua XIV edizione. Dopo gli incontri organizzati all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi e a Tempo di Libri a Milano, il festival fa tappa al Salone internazionale del libro di Torino con un appuntamento nell’ambito della sezione Superfestival.
Sabato 20 maggio alle ore 17 nella Sala Azzurra in un incontro dal titolo “Alla ricerca di prove di vita nello spazio infinito” il fisico Jim Al-Khalili e lo scrittore Marco Malvaldi dialogheranno su una delle grandi domande che l’umanità da sempre si pone: “Siamo davvero soli nell’universo?”.
Da circa un secolo l’uomo emette nello spazio onde radio, che avranno ormai raggiunto un raggio di un milione di miliardi di chilometri, testimoniando l’esistenza del genere umano a centinaia di stelle lontane. Tuttavia molte di queste, come scoperto recentemente, hanno all’interno del proprio sistema planetario esopianeti teoricamente abitabili. Perché quindi non è mai arrivata una risposta dagli altri pianeti? C’è qualcuno là fuori? Esistono forme di vita extraterrestri?

Jim Al-Khalili (Baghdad, 1962) è stato ospite al Festival della Mente nell’edizione del 2015, è docente di Fisica teorica alla University of Surrey, in Gran Bretagna, dove tiene anche una cattedra di Comunicazione scientifica. Presidente della British Humanist Association, è anche socio onorario della British Association for the Advancement of Science e Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico (OBE). Nel corso della sua attività ha ricevuto il Michael Faraday Prize e il Kelvin Prize. Come comunicatore, Al-Khalili è spesso presente nei canali televisivi e radiofonici britannici, dove ha curato alcuni dei più apprezzati documentari scientifici inglesi, oltre a scrivere per il «Guardian» e l’«Observer». Con Bollati Boringhieri ha pubblicato La fisica del diavolo. Maxwell, Schrödinger, Einstein e i paradossi del mondo (2012), La casa della saggezza. L’epoca d’oro della scienza araba (2013), La fisica dei perplessi. L’incredibile mondo dei quanti (2014) e La fisica della vita. La nuova scienza della biologia quantistica (2015, con Johnjoe McFadden). Esce a maggio il suo ultimo libro Alieni. C’è qualcuno là fuori? (Bollati Boringhieri).

Marco Malvaldi (Pisa, 1974), di professione chimico, è autore della serie dei libri dei vecchietti del BarLume, che hanno riscosso grande successo di lettori (La briscola in cinque, 2007, Il gioco delle tre carte, 2008, Il re dei giochi, 2010, La carta più alta, 2012, Il telefono senza fili, 2014, La battaglia navale, 2016, Sei casi al BarLume 2016 per Sellerio). Con Sellerio ha pubblicato anche il giallo a sfondo storico Odore di chiuso (2011, Premio Castiglioncello e Isola d’Elba-Raffaello Brignetti), Milioni di milioni (2012), Argento vivo (2013) e Buchi nella sabbia (2015). Nel luglio 2013 ha vinto il Premio letterario La Tore Isola d'Elba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure