Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Agosto - ore 15.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Heimweh, nel rifugio antiaereo un'opera su guerre e migranti

Tra il 27 e il 29 gennaio lo spazio di fronte a Scalinata Quintino Sella vedrà l'esposizione di un'installazione di Daniela Spaletra, Maria Grazia Cantoni e Andrea Luporini. Da questa sera inizia la raccolta di coperte per realizzare l'opera stessa.

Heimweh, nel rifugio antiaereo un'opera su guerre e migranti

La Spezia - Il rifugio antiaereo di Scalinata Quintino Sella ritorna protagonista: sarà infatti palcoscenico di Heimweh, una installazione artistica sul tema dei migranti in fuga dalla guerra, tra il 27 e il 29 gennaio in occasione del Giorno della Memoria.

A partire da questo fine settimana, Distrò, Origami e Borgata organizzano una raccolta di coperte per sostenere Heimweh, progetto artistico di Daniela Spaletra, Maria Grazia Cantoni e Andrea Luporini.
Abbiamo bisogno del vostro aiuto per realizzare un'opera che verrà esposta in occasione della Giornata della Memoria, nei giorni 27-28-29 gennaio presso il rifugio antiaereo Quintino Sella (davanti a Biso): al termine dell'installazione parte delle coperte verrà spedita nei centri di prima accoglienza in Grecia e parte distribuito sul territorio spezzino.
Qualsiasi contributo è utile e apprezzato!

Heimweh è una parola tedesca che non trova una diretta traduzione in italiano ma rimanda alla nostalgia di casa, della terra di provenienza, una nostalgia che non è solo un sentimento di malessere legato a una mancanza ma un dolore profondo, assimilabile a quello fisico. L'opera di Maria Grazia Cantoni, Daniela Spaletra e Andrea Luporini pone l'attenzione sul dramma dei migranti, sullo stato d'animo di persone messe in fuga dalla guerra e costrette a trovare rifugi di fortuna nei paesi occidentali. Ispirati dall'antica tradizione siriana di realizzare patchwork di coperte cucite tra loro, la coperta è la prima cosa che viene fornita ai naufraghi per proteggerli dall'ipotermia ma è anche l'unico riparo di cui dispongono i senza tetto. Si tratta di un oggetto pensato per essere utilizzato individualmente, è un rifugio personale che delimita il proprio spazio e forse la propria individualità e la propria solitudine. In Heimweh, gli artisti rendono questi singoli elementi parte di un riparo più grande e comunitario dove le esperienze, i traumi, i sogni e le aspettative possono essere condivisi. Il tunnel che lo spettatore attraversa, a differenza di quello che lo ha ispirato, non è un luogo di passaggio ma di sosta. Non lo si attraversa freneticamente perché non porta in nessun altro luogo, non ci sono treni da prendere o persone sdraiate da scavalcare, non c'è fretta: l'esperienza è nel tunnel. Gli artisti ci invitano a fermarci al suo interno, ad esplorare il suo spazio soffermandoci sulla sua struttura e sui materiali che lo compongono, elementi comuni presenti nella nostra quotidianità che possono però fare la differenza tra la morte e la sopravvivenza e che, cucite con una tecnica siriana, rappresentano anche una possibilità di unione e condivisione tra la comunità mediorientale e quella italiana.

Per realizzare Heimweh, Cantoni, Luporini e Spaletra si sono serviti di un cospicuo numero di coperte, reperite attraverso una campagna di crowdfunding finalizzata a donare questi oggetti ai campi profughi. Il loro utilizzo artistico è dunque temporalmente limitato: ritenendo che l'arte abbia anche il compito di farsi portatrice di un cambiamento reale all'interno della società, al termine della mostra, gli artisti separeranno di nuovo le coperte e le doneranno alle strutture in cui vengono accolti i migranti. (testo di Emanuele Riccomi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News