Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Dicembre - ore 12.01

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Franco Cardini ospite dell'associazione "Mediterraneo"

Franco Cardini ospite dell´associazione `Mediterraneo`

La Spezia - L’Associazione Culturale Mediterraneo ha organizzato due incontri con lo storico e saggista Franco Cardini. Lunedì 11 dicembre alle ore 17 nella Mediateca Regionale Ligure (via Firenze,
37) Cardini presenterà i libri "Samarcanda" e "Il signore della paura"; martedì 12 dicembre alle ore 9e alle ore 10,30 nella Biblioteca del Liceo Classico (piazza Verdi, 15) terrà conferenze sul tema: "La via della seta. Una storia millenaria tra Oriente e Occidente".
“Samarcanda” è un libro dedicato alla città uzbeka. Samarcanda è una parola che sembra condensare in sé tutto il fascino dell’Oriente, città simbolo della via della seta e dei suoi fasti perduti. Tutti la conoscono, tutti ne sono ammaliati, anche senza averla mai vista. Eppure, solo per pochi questo nome così evocativo corrisponde a precise nozioni storiche o geografiche. La città, cuore di quell’Asia centrale rimasta al di fuori dalla narrazione dei media anche dopo il naufragio dell’Urss di cui era parte, è la protagonista di un volume che ha il pregio di narrare in modo godibile la sua straordinaria storia, in un racconto che intreccia memorie storiche, letterarie e politiche. E’ un viaggio che parte dall’epoca antica -“Samarcanda è prossima all’estrema tra le Alessandrie fondate dal re macedone”- per arrivare al grande Tamerlano, “uno dei più terribili protagonisti delle vicende millenarie del genere umano”, che la scelse come sua capitale reinventandola, e dove ancor oggi si trova il suo mausoleo. Una stagione, quella dell’impero del conquistatore turco-mongolo, che portò Samarcanda per una breve quanto fulgida stagione a essere al centro di uno sterminato impero, se non addirittura del mondo. E poi il “Grande gioco”, quando la Russia zarista e la Corona britannica -fra spie, complotti e politiche coloniali- si contendevano il dominio sull’Asia centrale; fino all’epoca sovietica che l’ha inscritta, nel quadro delle nuove nazioni voluto da Stalin, all’interno della Repubblica socialista dell’Uzbekistan, mettendo da parte -in modo forse irreparabile- la componente culturale persiana fino ad allora egemone a scapito di quella turca. E giù fino a un presente carico di sfide, dove il fondamentalismo islamico si confronta -riuscendone al momento sconfitto- con la vecchia nomenclatura sovietica simboleggiata dal Presidente Islam Karimov, morto lo scorso anno. Unendo le conoscenze dello storico alla passione del viaggiatore, l’autore offre in questo volume un affresco personale, a tratti intimo, di questa città antica e insieme nuovissima.
“Il signore della paura” è invece un romanzo. Un romanzo fedele alla storia, ambientato a Samarcanda: è un pretesto per riflettere sul rapporto tra Islam e Occidente, sul dialogo tra le culture, sulla scommessa più grande: la ricerca di sé stessi, la sfida ad affrontare il senso profondo della vita.
Al Liceo Costa Cardini terrà, infine, una conferenza sulla via della seta: una strada, o meglio una rete di strade, un fascio di percorsi terrestri e marittimi che hanno spostato nel corso dei secoli uomini, merci e conoscenze dall’estremità orientale dell’Asia fino al Mediterraneo e all’Europa. Romantica e recente, l’espressione “via della seta” restituisce il senso di un mondo vasto, attraversato fin dai tempi antichi da guerre e conflitti ma animato anche dal fervore di scambi commerciali, culturali e politici. Tra montagne e altipiani per questo cammino sono transitati spezie, animali, ceramiche, cobalto, carta, e naturalmente la seta. Alessandria, Chanh’an, Samarcanda, Bukhara, Baghdad, Istanbul: sono alcune delle tappe di un viaggio millenario che giunge fin dentro il nostro presente. Perché la via della seta non è solo un racconto del passato, ma ha a che fare con il nostro futuro globale. Oggi questo percorso sta cominciando a unire paesi che aspirano a svolgere un ruolo dominante sulla scena mondiale: difficile fare previsioni su come tutto questo trasformerà Oriente e Occidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Via le macchine, Piazza Beverini solo per i pedoni. Voi cosa ne pensate?































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure