Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Novembre - ore 22.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Due mesi di musica e spettacolo, tutte le date e tutti gli artisti

I programmi delle tre rassegne che animeranno l'estate in Piazza Europa con musica jazz, comicità, teatro e cinema all'aperto.

Gli appuntamenti da non perdere
Due mesi di musica e spettacolo, tutte le date e tutti gli artisti

La Spezia - Luglio e agosto saranno mesi estivi quasi "normali" sotto il profilo della proposta culturale. Al netto delle misure sul distanziamento sociale da rispettare, infatti, saranno numerosi gli appuntamenti proposti in città, con Piazza Europa come palcoscenico. Si susseguiranno infatti le serate di La Spezia Estate Festival, di SPèJazz e le proiezioni dell'arena estiva del cinema Il Nuovo.

La Spezia Estate Festival
Ad aprire il cartellone di La Spezia Esatate Festival, sabato 25 luglio, sarà la Compagnia del Sole con uno spettacolo per bambini aperto a tutti: L’universo è un materasso e le stelle un lenzuolo, di Francesco Niccolini, diretto ed interpretato da Flavio Albanese, già applauditissimo protagonista de Il Codice del Volo nell’ambito della rassegna di Teatro Ragazzi al Civico. Albanese racconterà ad un giovane pubblico la storia del Tempo, dal Mito alla Meccanica Quantistica.
Domenica 26 luglio torna la Compagnia del Sole, che lo scorso gennaio fece sold out al Civico con Il Miles Gloriosus: in scena II Federico di Roberto Scarpetti, per la regia di Marinella Anaclerio, con Stella Addario, Flavio Albanese, Massimiliano Di Corato, Luigi Moretti. È incentrata sul monarca di Svevia questa produzione della Compagnia del Sole, da sempre impegnata a mettere in luce temi centrali per lo sviluppo della società contemporanea attraverso figure mitiche e storiche.
Si prosegue martedì 28 luglio con Je suis Kiki, spettacolo dedicato a Kiki de Montparnasse, musa e amante di Man Ray nella Parigi degli anni ’20: sul palco Cristina Donadio, attrice di cinema, teatro e tv, nota per l’interpretazione di Scianel nella serie Gomorra. Donadio, che ha firmato testo e regia, sarà affiancata da Marco Zurzolo Ensemble.
Mercoledì 29 luglio sarà la volta di Stefano Massini, scrittore e drammaturgo tra i più affermati sulla scena teatrale italiana, autore di Lehman Trilogy, tradotto in 15 lingue, noto anche per i monologhi tv del giovedì sera nella trasmissione Piazza Pulita. Massini racconterà il suo Dizionario inesistente, edito da Mondadori, in cui inanella ritratti formidabili e storie avvincenti, in un crescendo fra ironia, risate, emozioni e riflessioni profonde.
Giovedì 30 luglio appuntamento d’eccezione con Alessandro Preziosi, volto noto di numerosi film e serie tv, che da anni si dedica costantemente al teatro con risultati notevolissimi. Preziosi farà rivivere il mito di Prometeo, il Titano che rubò il fuoco agli Dei contro il volere di Zeus per donarlo agli uomini. Al centro del recital non c’è però soltanto il Prometeo incatenato della tragedia di Eschilo, ma un uomo: un uomo solo che si interroga e si arrovella, quasi si divora, nella sua incontenibile esigenza di dialogo con uomini e dei. Il percorso drammaturgico prevede letture e citazioni tratte da Genesi, Eschilo, Simone Weil, Lord Byron, Goethe e San Paolo.
Lunedì 3 agosto è la volta di Padre nostro, di Enrico Castellani e Valeria Raimondi, con Maurizio Bercini, Olga Bercini e Zeno Bercini, prodotto da Babilonia Teatri e La Corte Ospitale in coproduzione con Operaestate Festival Veneto. Babilonia Teatri è una formazione entrata con passo deciso nel panorama teatrale contemporaneo distinguendosi per un linguaggio che a più voci viene definito pop, rock, punk. Nel corso degli anni ha vinto numerosi riconoscimenti, tra cui due premi Ubu e il Leone d’argento per l’innovazione teatrale alla Biennale di Venezia.
Martedì 4 agosto uno straordinario Tindaro Granata, solo in scena, racconta in Antropolaroid di figure familiari, di generazioni, di una terra, la Sicilia, da cui anche allontanarsi. Un lavoro sull’immaginazione, la musica, la memoria. Per la sua originalità e l’innovazione che rappresenta per la scena teatrale italiana, lo spettacolo “Antropolaroid”, prodotto da Proxima Res, ha ottenuto numerosi riconoscimenti: il Premio della giuria popolare della “Borsa Teatrale Anna Pancirolli”, il Premio “ANCT” dell’Associazione Nazionale dei Critici nel 2011, il Premio Fersen in qualità di “Attore Creativo” nel 2012; a Tindaro Granata è stato inoltre assegnato il Premio “Mariangela Melato” 2013 prima edizione - Attore emergente.
Mercoledì 5 agosto si prosegue con Andromaca di Euripide, uno spettacolo di Massimiliano Civica e I Sacchi di Sabbia che dopo i Dialoghi degli Dei tornano insieme su un classico dell’antichità, esplorando i confini tra comico e tragico. Gli interpreti sono Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Iliano. Una produzione della Compagnia Lombardi-Tiezzi in co-produzione con I Sacchi di Sabbia e il sostegno della Regione Toscana.
La Compagnia I Sacchi di Sabbia nasce a Pisa nel 1995, e nel panorama della scena teatrale italiana si distingue per la capacità di far incontrare tradizione popolare e ricerca culturale, spingendosi di volta in volta nell’esplorazione creativa di terreni diversi. La Compagnia ha ricevuto un Premio UBU Speciale nel 2008 e il Premio Nazionale della Critica nel 2011
Lunedì 10 agosto la rassegna prevede una produzione KHORA.TEATRO in coproduzione con Il Teatro Menotti: Le opere complete di Shakespeare in 90’ di Adam Long, Daniel Singer e Jess Winfield, per la traduzione di Andrea Buzzi, con Lorenzo Degl’Innocenti, Fabrizio Checcacci e Roberto Andrioli, che firmano anche la regia. Dopo il debutto al Fringe Festival di Edimburgo nel 1987, questa originalissima commedia è stata replicata per nove anni con crescente successo al Criterion Theatre di Londra, fino a diventare uno degli spettacoli più conosciuti al mondo.
Martedì 11 agosto il Teatro Stabile di Sardegna porterà sul palco spezzino Maria del Mare, con Lia Careddu, testo e regia di Bepi Vigna. Una storia, ispirata dalla tradizione orale, dove le parole, la gestualità e la musica si inseguono, si aspettano e si passano il testimone.
Lia Careddu è un'attrice da anni impegnata in un lavoro di ricerca dei diversi linguaggi teatrali, opera nel territorio regionale della Sardegna, nazionale e internazionale da trent’anni, portando in scena opere di repertorio di autori classici e contemporanei, attraverso diverse esperienze di teatro, cinema, televisione e radiofoniche.
Bepi Vigna, scrittore, sceneggiatore, regista, è uno degli autori della serie a fumetti "Nathan Never" (pubblicata in Italia dalla Sergio Bonelli Editore). Dirige a Cagliari il Centro Internazionale del Fumetto.
Mercoledì 12 agosto la rassegna ospita Claudio Bisio e Gigio Alberti, in scena con MaTuSeiFelice?, una lettura-spettacolo dal libro di Federico Baccomo per la regia di Federico Bisio. I due attori, già in scena 35 anni fa per Comedians di Gabriele Salvatores, tornano insieme sul palco cimentandosi in un esperimento realizzato ai tempi del lockdown con mezzi casalinghi, una sorta di ibrido di lettura teatrale e serie web. Un lungo dialogo serrato, cinico e sopra le righe, tra due manager che in un bar chiacchierano a ruota libera. Una specie di Aspettando Godot ridicolo e dark, con finale a sorpresa.
Giovedì 13 agosto Ubaldo Pantani, attore e imitatore noto per la partecipazione a diverse trasmissioni tv (da Macao a Quelli che il calcio) porterà in scena Bartali, il campione e l’eroe, scritto con Alessandro Salutini in collaborazione con Max Castellani e Adam Smulevich. Lo spettacolo, prodotto da PlayUP, è liberamente tratto dal documentario “Bartali, Il campione e l’eroe” di M.Boscariol per Rai2, vincitore della “Guirlande d’honneur” al premio internazionale Sport Movies & Tv 2016. Pantani, che ne cura la regia insieme a Federico Stefanelli, racconta in un monologo le gesta eroiche dello straordinario campione del ciclismo, autentico protagonista del ‘che durante la seconda guerra mondiale collaborò come staffetta per un’organizzazione che cercava di salvare gli ebrei dalla persecuzione nazi-fascista.
Sabato 22 agosto l’appuntamento è con Anna Maria Barbera, protagonista di Metti una sera Sconsy #nonmelocredevo
Attrice, comica, cabarettista e scrittrice, diplomata alla Bottega Teatrale di Vittorio Gassmann, dopo numerosi spettacoli, fra cui una rivisitazione di Amleto diretta da Giorgio Albertazzi, approda nel 2000 a Milano con "Provaci ancora Man". Partecipa poi al programma "Zelig Circus e in pochi mesi conquista la popolarità grazie al personaggio di Sconsolata, una donna del Sud emigrata al Nord, dalla parlata particolarissima (fra un italiano maccheronico e un forte dialetto meridionale). Lo spettacolo ci farà incontrare una compagna televisiva che viene a trovarci direttamente da Zelig "dal viva, per arricordarci di Noi, addarcela una carezza à sta vita ca desideremmo e sfugge, con distruggente nostalgia”.
Il Festival chiude domenica 23 agosto con Monica Guerritore, grande personalità del teatro italiano, attrice di cinema e tv protagonista a fianco di Licia Lanera (Premio Ubu 2014 per la migliore attrice under 35) di Match – Artisti a confronto, un confronto spettacolo fra attori, generazioni e poetiche con giornalista di Repubblica Anna Bandettini in veste di arbitro.
Una produzione firmata Gli Scarti, in collaborazione con Stratagemmi-Prospettive Teatrali Milano, con ideazione e direzione di Andrea Cerri.
L’evento è un omaggio ad Alberto Arbasino nell’anno della sua scomparsa: uno dei più importanti intellettuali italiani fu anche il conduttore, alla fine degli anni ’70, della trasmissione “Match”, il cui format prevedeva un confronto, spesso nella forma di “scontro” dialettico tra artisti o esponenti della cultura con percorsi e concezioni molto diverse sull’arte e sulla società.

Il programma

Sabato 25 luglio
Compagnia del Sole
con la collaborazione e il sostegno di Piccolo Teatro di Milano, Ammirato Culture House, Santarcangelo dei Teatri e Alcantara Teatro e Marta Marrone
L'universo è un materasso
e le stelle un lenzuolo
di Francesco Niccolini
diretto ed interpretato da Flavio Albanese
spettacolo per bambini aperto a tutti (età consigliata: dagli 8 anni)

Domenica 26 luglio
Compagnia del Sole
II Federico
di Roberto Scarpetti
regia di Marinella Anaclerio - con Stella Addario, Flavio Albanese, Massimiliano Di Corato, Luigi Moretti.

Martedì 28 luglio
Casa del Contemporaneo
Je suis Kiki
testo e regia di Cristina Donadio
con Cristina Donadio e Marco Zurzolo Ensemble

Mercoledì 29 luglio
Stefano Massini racconta
Dizionario inesistente

Giovedì 30 luglio
KHORA.teatro
Prometeo
con Alessandro Preziosi
Letture da Genesi, Eschilo, Simone Weil, Lord Byron, Goethe, San Paolo

Lunedì 3 agosto
La Corte Ospitale
Babilonia Teatri
coproduzione Operaestate Festival Veneto
Padre nostro
di Enrico Castellani e Valeria Raimondi
con Maurizio Bercini, Olga Bercini, Zeno Bercini

Martedì 4 agosto
Proxima Res
Antropolaroid
di e con Tindaro Granata

Mercoledì 5 agosto
Compagnia Lombardi-Tiezzi in co-produzione con I Sacchi di Sabbia e il sostegno della Regione Toscana
Andromaca
di Euripide
uno spettacolo di Massimiliano Civica e I Sacchi di Sabbia
con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Iliano

Lunedì 10 agosto
KHORA.teatro in collaborazione con La Macchina del Suono
Le opere complete di Shakespeare in 90 minuti
di Adam Long, Daniel Singer e Jess Winfield - traduzione di Andrea Buzzi
con Lorenzo Degl’Innocenti, Fabrizio Checcacci e Roberto Andrioli

Martedì 11 agosto
Sardegna Teatro – Teatro Stabile di Sardegna
Maria del mare
testo e regia di Bepi Vigna
con Lia Careddu

Mercoledì 12 agosto
Produzione Solea Distribuzione Terry Chegia
Ma tu sei felice?
lettura-spettacolo dal libro di Federico Baccomo
con Claudio Bisio e Gigio Alberti – regia di Federico Bisio

Giovedì 13 agosto
PlayUp Produzioni
Bartali, il campione e l’eroe
di e con Ubaldo Pantani - scritto con Alessandro Salutini
collaborazione al testo: Max Castellani Adam Smulevich
regia: Ubaldo Pantani e Federico Stefanelli

Sabato 22 agosto
Tutto Acceso
Metti una sera Sconsy #nonmelocredevo
con Anna Maria Barbera

Domenica 23 agosto
Produzione Associazione Culturale Gli Scarti in collaborazione con Stratagemmi-Prospettive Teatrali, Milano
Ideazione e direzione Andrea Cerri

Monica Guerritore e Licia Lanera
in
Match – Artisti a confonto
confronto-spettacolo tra attori, generazioni e poetiche
arbitra: Anna Bandettini – La Repubblica
omaggio ad Alberto Arbasino, nell’anno della sua scomparsa


SPèJAZZ
Il programma

31 luglio
Alessandro Fabbri FIVE WINDS

Dopo Pianocorde e StrayHoms dedicati rispettivamente agli archi ed agli ottoni, Alessandro Fabbri torna con un lavoro dedicato alla famiglia del legni. Lbrganico si avvale di una peculiare versione del quintetto di fiati in cui la tradizionale presenza del flauto (qui nel suoi diversi tagli), del corno, del fagotto e dell'oboe, sono affiancati dai saxes e dall"ewr, uno strumento digitale, in varie combinazioni che fanno di Five Winds un'ampia tavolozza cromatica. Il repertorio, quanto mai variegato, comprende composizioni originali di Fabbri appositamente pensate per la formazione, oltre ad elaborazioni di brani di autori del Jazz contemporaneo come Four Winds di Dava Holland, Silent Brother di Luca Flores od ancora No Baby di Steve Lacy, anche questi arrangiati e curati dal batterista. Una essenziale sezione ritmica completa l'organico. Five Winds si awale della partecipazione di un solista prestigioso: Pietro Tonolo, uno dei maggiori sassofonisti che il jazz contemporaneo, non solo europeo, ci invidia.

Sebastiano Bon flauto (C. G. basso) Simone Santini saxes (alto, piccolo in Eb), oboe,ewi Elia Venturini corno Davide Maia fagotto Guido Zorn contrabbasso Alessandro Fabbri battera
Pietro Tonolo
sax tenore e soprano

1 agosto
Fabio Morgera & Tigullio Big Band

Morgera subisce l'amputazione della mano sinistra a causa di un incidente. Nel 1970 si trasferisce a Firenze con la famiglia: è qui che impara a suonare la tromba, grazie anche alla Scuola di Musica di Fiesole, dopo che il Conservatorio non lo aveva ammesso a cau-sa della disabilità. All'età di 18 anni comincia a suonare in contesti professionali come l'ottetto di Giorgio Ga-shni e la European Community Youth Jazz Orchestra. Dopo un seminario a Perugia con Blanchard, Cobb e altri grandi maestri afroamericani decide di andare a studiare negli Stati Uniti, dove si afferma come trombettista jazz. Da qualche anno anni è tornato in Italia, dopo una lunga carriera nel mondo della Black Music statunitense E' stato co-fondatore del gruppo Acid Jazz Groove Collective, con il quale ha conseguito la Grammy Award No-mination nel 2006 per la categoria Best Contemporary Jazz Album. Ha lavorato con Max-well, Roy Hargrove, Mingus Big Band, e con la band americana di Jovanotti, solo per citarne alcuni.

2 agosto
Remembering Aldo
Boltro – Cidale – Corradi

Un trio di straordinaria energia capitanato da uno dei migliori trombettisti jazz italiani , Flavio Boltro, accompagnato da due giovani musicisti, oramai realtà del jazz, Leonardo Corradi all'hammond e Matteo Cidale alla batteria. Composizioni originali dello stesso Boltro ma anche standards jazz rivisitati e riarrangiati. Il trio vuole fare omaggio con alcune composizioni del trombettista Aldo Bassi prematuramente scomparso .

Flavio Boltro è nato a Torino classe 1961. Il padre è trombettista e appassionato di jazz mentre la madre è maestra. Immerso nel jazz fin dalla più tenera età, a nove anni inizia a suonare la tromba, seguito dal padre,a tredici anni si iscrive al conservatorio nazionale G. Verdi a Torino, dove studia con Carlo Arfinengo ( prima tromba dell’orchestra sinfonica di Torino) il quale lo seguirà per prepararlo all’esame di ammissione al conservatorio che frequenterà per sette anni.
Nei primi anni novanta, forma un quartetto con Antonio Faraó al piano, Manhu Roche alla batteria e Paolino Dalla Porta al basso e si esibisce al Festival di Calvi in Corsica, dove viene notato dal compositore e arrangiatore Laurent Cugny.
Nel 93 entrerà nel sestetto di Michel Petrucciani e ne farà parte fino al 1999, l’anno della morte del mitico Petrucciani.

6 agosto
Piero Gaddi 4tet feat Bjorn Vidar Solli

Piero Gaddi: Pianoforte Fabrizio Desideri : clarinetto sax Filippo Pedol : contrabbasso
Andrea Benitati : batteria violoncello
Bjorn Vidar Solli : Chitarra

Piero Gaddi, di formazione classica, dopo il diploma si è perfezionato a Siena Jazz e successivamente diplomato in jazz al conservatorio di Livorno col massimo dei voti. Ha suonato tra gli altri con Mike Turk, Ivan Mazuze, Bjorn Vidar Solli, Tom Lorenz, Paolino Dalla Porta, Alessandro Fabbri, Fabio Morgera, Pietro Tonolo, Marco Micheli, Marco Tam- burini, Scott Hamilton, Raciel Torres, Francesco Ponticelli, Ruben Chaviano, Helder Gon- zaga, Bernardo Guerra, Stelio Mondlane. Attualmente insegna pianoforte jazz nei conser- vatori di Livorno e di La Spezia. Coordina il dipartimento jazz di quest’ultimo conservato- rio.

Bjorn Vidar Solli, norvegese, ha iniziato la sua carriera musicale come cantante quando aveva 11 anni e prima di 13 aveva già suonato più di 200 concerti. All'età di 18 anni fre- quenta gli studi di jazz al Conservatorio di musica di Trondheim (1998-2002) come studen- te più giovane di sempre. Insieme alla sua band Solid! (Daniel Formo, organo, Håkon Mjå- set Johansen / Truls Rønning, batteria) Solli ha girato gran parte del mondo. Nel 2003 la band ha vinto il primo premio all'International Jazz Competition di Getxo in Spagna, nel
2005 ha dato l'album Solid !, seguito da Happy Accidents (2007) e Visitor (2010), insieme
al sassofonista tenore Seamus Blake. Solli ha vinto numerosi premi come solista in festival e concorsi jazz internazionali, tra cui il Gibson Jazz Guitar Competition al Montreux Jazz Festival (2005) e il Monaco International Jazz Soloist Competition (2006).
Come solista contribuisce all'album A Stranger in Town (2004) dell'Hot Club de Norvèges. Da gennaio 2007, ha in parte vissuto e lavorato come musicista jazz freelance a New York. Durante le visite a casa, ha collaborato all'album Guy Sion Away (2012).
Solli è membro dell'Andreas Dreier Trio, insieme al bassista Andreas Dreier e al batterista Adam Pache, ha pubblicato gli album Poinciana (Losen Records) o Ahmad Jamal Prosjekt (2014). Nel 2016 ha presentato i suoi ultimi album a Sildajazz con il sassofonista Seamus Blake. Si è anche esibito con David Arthur Skinner nella Diagonal Jazzband e David Skin- ner del Bjørn Vidar Solli Quartet, tra gli altri al Lancelot di Asker, in Norvegia, e Swing'n'- Sweet Jazzklubb a Bergen, Norvegia. Nel 2015 ha suonato a New York e ha registrato un progetto chiamato "Aglow" con Ben Wendel, Aaron Parks, Matt Clohesy, Bill Stewart.

8 agosto
Dado Moroni & Tigullio Big Band

Dado Moroni, nato a Genova è uno dei pianisti jazz italiani più richiesti in Europa e in America. Debutta a 17 anni con Tullio de Piscopo e Franco Ambrosetti col quale ancora oggi collabora.
Nel 1987 viene chiamato, unico europeo, insieme ai pianisti Hank Jones, Barry Harris e Roland Hanna, a far parte della giuria del premio internazionale pianistico Thelonious Monk, svoltosi a Washington. Nel 1988 effettua una importante tournèe in sette paesi africani con il sestetto di Alvin Queen per conto del Dipartimento di Stato americano. Collabora quindi con Clark Terry e George Robert alla tournèe mondiale organizzata dal governo svizzero per la celebrazione del settecententenario della Confederazione Elvetica. Nel periodo luglio-novembre 1991 il gruppo si esibisce in diversi paesi del mondo riscotendo grande successo ed il consenso della critica internazionale. Con il pianista classico Antonio Ballista dà vita nel 1995 con il Patrocinio di “Ferrara Musica “ al progetto "Two Pianos Cine Soul" ottenendo notevole successo in vari teatri nazionali ed internazionali . Nel 1995 partecipa a un'incisione per l’etichetta discografia America Concorde e ad un’importante tournèe in Giappone. A tutt’oggi ha inciso oltre 50 cd per le importanti etichette discografiche quali Sony Concorde, Contemporary Telarc Mons, TCB Record, Enja. Dado Moroni è uno dei pochissimi musicisti italiani la cui biografia è inserita nell’importante “Biographical Enciclopedia of Jazz” di Leonard Feather e Ira Gitler. Vanta prestigiose e continuative collaborazioni con le grandi star del jazz mondiale quali Dizzy Gillespie, Wynton Marsalis, Freddie Hubbard, Tom Harrel, Zoot Sims, James Moody, Johnny Griffin trio con Ron Carter, Ray Brown, Lewis Nash, Buster Williams, Billy Cobham, Grady Tate, Niels Pedersen e tantissimi altri. Con il grande pianista classico Antonio Ballista ha dato vita nel 1995 al progetto “Two Pianos One Soul” ottenendo notevole successo nei concerti tenuti nei teatri Comunale di Ferrara, Regio di Torino, Verdi di Firenze, Carlo Felice di Genova.
Dado è musicista di fortissima personalità che ha maturato una grande esperienza a livello internazionale.
Dotato di particolare sensibilità musicale, tecnica, energia e creatività riesce ad inserirsi brillantemente e
con la massima naturalezza nei vari contesti musicali, esprimendo classe, professionalità e fantasia.

9 agosto
Greg Hutchinson trio

Fin dal suo debutto professionale come turnista teen ager per il trombettista Red Rodney, Greg Hutchinson è stato un’eloquente testimonianza di come i giovani debbano dire la loro. Ancora oggi esprime la freschezza dell’invenzione che è stata una sua evidente caratteristica fin dall’inizio, equilibrata però con la maturità acquisita grazie alle collaborazioni con artisti del calibro di Betty Carter e Joe Henderson.
Nato nel giugno 1970 a Brooklyn, New York, Hutchinson fin da piccolo è stato ispirato musicalmente da entrambi i genitori. Ascoltando artisti che spaziano dal jazz, al soul al funk, Hutchinson ha sviluppato la sua concezione musicale iniziale. “Tra le mie influenze princi- pali è ‘Philly’ Joe Jones,” ammette, “perché ha incorporato tutti gli elementi della sua vita nella sua musica. Era molto, molto elegante.” Un’altra sua fonte d’ispirazione è Charlie
Parker. Che la batteria canti, questo è il desiderio e l’obiettivo di Greg Hutchinson, così come cantava il Sax di Charlie Parker.
Artisti con cui ha suonato:
Aaron Goldberg Trio, Joe Henderson, Dianne Reeves, Betty Carter, Christian McBride, Ray Brown, Joshua Redman, Eric Reed, Antonio Hart, Benny Green, Larry Clothier, Ron Blake, Ray Brown Trio, Michael Bishop, Peter Bernstein, Jim Anderson, Stephen Scott, Karriem Riggins, Peter Washington, Jack Renner, Nicholas Payton, Kevin Mahogany, James Farber, Marc Cary, Laverne Butler, Jeremy Davenport, Mark Elf, Bob Belden, Beegie Adair Cruzer, Teodross Avery, Roy Hargrove, Antonio Hart, Kristin Korb, Claire Martin, Jimmy Smith, Mark Whitfield, Steve Wilson, Rodney Whitacker

Master Class
31 luglio Piero Tonolo sax
1 agosto Dado Moroni Piano
2 agostoFlavio Boltro tromba
7 agosto Biorn Vidar Solli
8 agosto fabio Morgera
9 Luglio Greg Hutchinson da fare in sala Dante

Jazz in the street
concerti degli allievi del conservatorio e del Liceo Musicale + jam session ospiti dalle ore 18,30 alle 20 in tre piazze


‘Cinema sotto le stelle’
Il programma

Mercoledì 8 luglio un Woody Allen straripante alla regia di UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK.  Altra grande prima sul grande schermo con il noir DOPO IL MATRIMONIO. 

Giovedì 9 luglio con due grandi interpreti Julianne Moore e Michelle Williams.  

Venerdì 10 luglio Daniel Craig lascia i panni di 007 per un giallo/rosa avvincente: CENA CON DELITTO 

Sabato 11 luglio: Charlize Theron, Nicole Kidman e Margot Robbie sono le straordinarie protagoniste di BOMBSHELL, LA VOCE DELLO SCANDALO basato su una storia vera, uno scandalo sessuale che ha sconvolto l'America e in particolare l'impero mediatico della Fox News, con a capo Roger Ailes. 

Domenica 12 luglio TUTTO IL MIO FOLLE AMORE: Gabriele Salvatores ritrova le sue radici e si reinventa in un road movie potente, girato con grazia ed empatia, felicemente a briglia sciolta.  

Lunedì 13 luglio probabilmente il film più bello dell'anno, il sorprendente e pluripremiato PARASITE. Non mancano i film per tutta la famiglia! 

Martedì 14 luglio DOLITTLE, una storia di formazione e d'avventura dal ritmo contemporaneo e dall'immaginario piratesco.  

Mercoledì 15 e giovedì 16 luglio il film il cui successo era stato fermato con la chiusura dei cinema per l'emergenza sanitaria: GLI ANNI PIÚ BELLI di Gabriele Muccino.  In una rassegna cinematografica che si rispetti, non poteva mancare il regista più cinefilo di tutti.

Venerdì 17 luglio arriva Quentin Tarantino che dirige Brad Pitt e Leonardo Di Caprio in C'ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD. Altra grande prima per la città.  

Sabato 18 luglio con LA SFIDA DELLE MOGLI, una commedia al femminile, corale e resistente, con un team di interpreti che emoziona fino alle lacrime.

Domenica 19 luglio un film per palati fini: LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO , un poderoso ritratto femminile a due voci che non rinuncia all'estetica raffinata. Un'altra anteprima nazionale in esclusiva. 

Lunedi 20 e martedì 21 luglio UN DIVANO A TUNISI: scene esilaranti e ritratti irresistibili in una commedia terapeutica che incanterà Piazza Europa. 

Il 22 luglio una delle sorprese della stagione cinematografica: Stefano Accorsi e Edoardo Leo sono gli interpreti del film di Ferzan Ozpetek, LA DEA FORTUNA. Nastri D'argento a pioggia per FAVOLACCE sullo schermo il  23 luglio con uno straordinario Elio Germano che chiude la prima parte della rassegna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News