Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Diritto di restare, diritto di migrare e l'esempio di Manarola

Diritto di restare, diritto di migrare e l´esempio di Manarola

La Spezia - L’intreccio tra cooperazione internazionale in Africa e accoglienza in Italia e in Europa degli africani costretti a migrare è stato il filo conduttore dell’iniziativa “Diritto di restare diritto di migrare. Quale rapporto tra Europa e Africa”, organizzato dall’Associazione Culturale Mediterraneo, dall’Associazione Nautilus e dalla Caritas Diocesana.
Vimal Carlo Gabbiani, Presidente di Nautilus, si è soffermato sulla realtà africana e sulle sue tante facce: crescita economica ma anche povertà e diseguaglianze, democrazia ma anche corruzione. Tante Afriche piuttosto che una sola Africa. Alla cooperazione e all’accoglienza, ha affermato, “ci spingono motivi etici ma anche interessi strategici ed economici”.
Giovanni Pontali, che ha sostituito don Luca Palei, impegnato nelle funzioni del Giovedì Santo, e Madiaw Ngom hanno raccontato l’esperienza di accoglienza della Caritas, basata su “un approccio flessibile, differenziato rispetto alle esigenze delle persone” e sull’impegno “a iniziare un percorso con i migranti, che parta dall’insegnamento della lingua e poi dalla formazione a un mestiere”. L’agricoltura e la manutenzione del territorio, hanno spiegato, sono la grande area in cui inserire nel lavoro i migranti, come insegna l’esperienza della costruzione dei muretti a secco di Manarola.
Giorgio Pagano, Presidente di Mediterraneo, cooperante e autore di “Sao Tomé e Principe - Diario do centro do mundo”, si è soffermato sul progetto di costruzione partecipata del Piano di sviluppo sostenibile del Distretto di Lembà, il più povero di Sao Tomé e Principe: “Abbiamo indicato un’altra via di sviluppo rispetto a quella pensata dai Governi nazionali negli scorsi anni, una via innovativa imperniata non sul petrolio ma sull’agricoltura, la pesca e l’ecoturismo: in questo modo l’Africa diventa soggetto protagonista e non oggetto passivo della politica”. Sull’accoglienza Pagano ha detto che “occorre evitare la guerra tra poveri”: “nessuno deve poter pensare che a chi viene da lontano vengano dedicate più risorse e attenzioni rispetto a chi è sempre stato qui o è qui da tempo… serve un piano che metta tutti in grado di accedere a una nuova cittadinanza, garantendo standard minimi per casa, lavoro, servizi: vanno rivisti a fondo i criteri distributivi e le politiche del welfare, per dare giustizia nel nuovo contesto”. Bisogna, inoltre, “intendersi su che cosa significa accogliere: non vuol dire solo aprire le porte a chi cerca la propria salvezza nei nostri Paesi, offrire loro tetto e cibo, costringerli a un ozio forzato mantenuti dallo Stato, per poi abbandonarli alla clandestinità: cioè quello che tanto fa arrabbiare chi accanto a loro fatica ogni giorno a sbarcare il lunario… Accogliere vuol dire anche inserire i nuovi arrivati in una rete di rapporti sociali che li metta in condizione di rendersi autonomi, di lavorare, di andare a scuola, di imparare le nostre regole ma anche di trasmettere la loro cultura; e di organizzarsi per contribuire a creare le condizioni di un ritorno per chi lo desidera, e sono molti!, nel Paese da cui sono dovuti fuggire. Proprio per questo l’esperienza di Manarola è davvero emblematica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure