Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 01 Ottobre - ore 17.32

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Continua l'impegno espositivo dell'Ucai

Mostra Collettiva
Continua l'impegno espositivo dell'Ucai

La Spezia - Con la terza collettiva “Rinascita” continua la programmazione on line dell’Unione Cattolica Artisti Italiani della Spezia. Il coronavirus non ha cancellato il corale impegno espositivo della più che trentennale associazione e gran parte dei soci ha aderito alla rassegna, promossa, questa volta, dal rigoglioso “Albero di albicocche”, dipinto da Vincent Van Gogh nel 1888 per celebrare il gioioso risveglio della natura.

Ammirando le decine di lavori sul sito www.ucailaspezia.org si avverte il comune slancio degli artisti che trasferisce l’auspicio della fine del non breve periodo di forzata restrizione e di non poco dolore. "Tutti - scrive don Sergio Lanzola nel testo introduttivo della collettiva - sentiamo il desiderio e perfino il bisogno di riprendere una vita 'normale', avendo alle spalle l'inverno catacombale appena trascorso. La speranza è che questa tremenda epidemia ci abbia insegnato qualcosa. A tutti. Non foss'altro il senso del limite. Già...siamo stati messi in ginocchio ma non dalla superba potenza di una bomba atomica ma da un semplice invisibile 'raffreddore'. Il senso del limite ne viene di conseguenza. In effetti - prosegue l’assistente spirituale dell’Ucai spezzina - questo periodo primaverile è di per sé a livello naturale un tempo di rinascita. La creazione ha inscritto dentro di sé come direbbe il Qoelet "un tempo per nascere un tempo per
morire". La primavera è esplosione di vita, di forme, di colori e di profumi. Una vera rinascita".

L’Ucai ha ritenuto di rivolgere un affettuoso segno di stima al pittore Carlo Tartarini (1952-2020), deceduto di recente a seguito del contagio da coronavirus. L’artista è presente con una sua interessante opera che apre la sequenza di dipinti, sculture, grafiche e testi poetici che attraverso inevitabili varianti espressive offrono il tangibile significato del tema della mostra. Hanno contribuito alla collettiva Gloria Augello, Rosella Balsano, Guido Barbagli, Alberto Barli, Umberto Bettati, Antonella Boracchia, Pino Busanelli, Alfredo Coquio, Angiolo Delsanto, Ombretta Franco, Giuliana Garbusi, Anna Maria Giarrizzo, Enrico Imberciadori, Mario Maddaluno, Marisa Marino, Fabrizio Mismas, Pierluigi Morelli, Graziella Mori, Cettina Nardiello, Marina Passaro, Bianca Maria Patuzzo, Malia Pescara Di Diana, Maria
Luisa Petri, Mirella Raggi, Rosa Maria Santarelli, Maria Rosa Taliercio e Mema Vortice. Le poesie sono di Anna Maria Barini (presente anche con una tela) e Anna Maddaluno.

v.p.c.

(foto di repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News