Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre - ore 22.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

Chi chiude, chi riduce l'orario: i locali spezzini si auto-regolano

le loro decisioni
Chi chiude, chi riduce l'orario: i locali spezzini si auto-regolano

La Spezia - Anche i gestori dei locali della città rinunciano a riunirsi 'vis a vis' e decidono di dialogare via chat. Confrontarsi per capire quali saranno i rispettivi comportamenti in relazione alle aperture e alle eventuali decisioni di arrivare ad abbassare le sarachinesche. C'è chi lo ha già comunicato in maniera ufficiale, chi si accoderà nelle prossime ore e chi si tiene un giorno in più per deliberare una decisione comprensibilmente molto complicata. Inevitabile dopo l'ultimo weekend dove la stretta governativa è diventata più stringente. La Loggia de' Banchi già da questa mattina aveva chiarito le intenzioni: "Per il buon senso civico per questa settimana rimarremo chiusi - spiega Valentina Doati -.
Purtroppo la situazione non è piacevole, e rimanere aperti adottando tutte le misure preventive secondo noi non è sufficiente. Non dobbiamo pensare a noi ma ai nostri cari che sono a rischio. Il sistema sanitario è al collasso.
Aumentano i casi di giorno in giorno. Per quanto non sia pericoloso in senso di letalità se in buone condizioni di salute, è pericoloso per la contagiosità. Per cui noi optiamo intanto per la chiusura di una settimana".

Sulla medesima falsariga la Taverna del Metallo, locale di Via Cernaia che ha deciso di fermare tutto, non senza dispiacere: "Viste le modeste dimensioni del nostro locale - spiegano i soci Andrea e Cristiano - che non ci permettono di adottare misure preventive efficaci, vista la responsabilità morale e civile che abbiamo nei confronti dei nostri dipendenti e dei nostri clienti, considerata la ancora approssimativa informazione e lo stato di incertezza in cui ci troviamo abbiamo deciso di chiudere la Taverna per una settimana. Siamo stati, fin dall'inizio di questa brutta storia, promotori della nostra attività cercando di cacciare la paura che stava prendendo il sopravvento tra la popolazione. Abbiamo lavorato duro e riprenderemo con maggiore grinta quando ne avremo la possibilità e, cosa più importante, quando avremo la certezza di non recare eventuale danno a nessuno. Il momento è triste e sicuramente risentiremo di questa scelta ma non ci sentiamo di fare altrimenti. Ci dispiace enormemente ma è davvero l'unica cosa sensata che ci sentiamo di fare, tutto il resto sarebbe un approssimativo tentativo di lavorare in un clima surreale. Siamo sicuri che ci capirete e che ritroveremo il vostro supporto, come da dodici anni a questa parte, quando la situazione sarà migliorata".

E gli altri che cosa faranno? Dalla riunione virtuale odierna emerge che Osteria dei Bardi e Distro decideranno domani, dopo aver parlato con dipedenti e collaboratori, anche Kairos prenderà una decisione domani. Trei canti deve decidere, Orange ha optato invece per un'apertura ridotta, entro le 16, per dribblare gli eventuali assembramenti da aperitivo. Valutazioni in corso anche per No mad e De Lisi. Chiuderà invece per una settimana la Skaletta, storico circolo Arci di Via Crispi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News