Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Marzo - ore 22.43

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

All'Accademia Capellini la presentazione di “Rosalia Montmasson. L’angelo dei Mille”

sarà presente marco ferrari
All'Accademia Capellini la presentazione di “Rosalia Montmasson. L’angelo dei Mille”

La Spezia - L’Accademia Lunigianese di Scienze “Giovanni Capellini” venerdì 22 febbraio alle ore 17, presso il Salone Sforza, in via XX settembre 148, alla Spezia, ospiterà la presentazione pubblico il volume di Marco Ferrari, recentemente edito nei tipi della casa editrice “Mondadori”:
“Rosalia Montmasson. L’angelo dei Mille”. Alla presenza dell’Autore, il libro sarà introdotto dalla dott.ssa Gabriella Tartarini e dal Presidente dell’Accademia Capellini, professor Giuseppe Benelli.
Marco Ferrari ha ricostruito l’intensa vita e le complesse vicende umane di Rosalia Montmasson, nata nel 1823 in un piccolo villaggio dell’Alta Savoia, in seguito trasferitasi, a causa delle precarie condizioni economiche, a Torino, dove, intorno al 1850, conobbe Francesco Crispi. In seguito i due coniugi, dopo diverse traversie, si trasferirono a Londra, dove Rosalia ricevette l’incarico di tenere i contatti con i cospiratori mazziniani nel continente. Nel 1860 Rosalia, travestitasi da uomo, si imbarcò a Quarto con la spedizione dei Mille, durante la quale si prodigò a soccorre i feriti. Dopo il 1861, quando Crispi fu eletto deputato nel nuovo Parlamento, gradualmente i rapporti fra i coniugi si incrinarono. Crispi volle disconoscerla come moglie, adducendo come pretesto l’irregolarità del matrimonio celebrato a Malta nel 1854, pare da un prete sospeso a divinis. Rosalia, pur aiutata da
amici come Agostino Bertani, si lasciò andare e, tra spese folli e abuso di alcool, ormai in solitudine, finì in miseria. Sopravvisse fine al 10 novembre 1904, in precarie condizioni, aiutata da un sussidio della Real Casa e del governo. Il corpo di questa simbolica eroina del nostro  Risorgimento è sepolto nel cimitero monumentale del Verano, a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News