Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Novembre - ore 20.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Al Nuovo e Astoria, una nuova settimana di film

le trame, i giorni, gli orari
Al Nuovo e Astoria, una nuova settimana di film

La Spezia - Ed ecco una nuova settimana di proiezioni cinematografiche al cinema "Il Nuovo" della Spezia ed "Astoria" di Lerici. Ecco nell'ordine i programmi, le date e le trame dei film.

Cinema "Il Nuovo" della Spezia
Mercoledì 6 novembre
Ore 17-20.30 THE IRISHMAN

Giovedì 7 novembre
Ore 15-17.30-21.30 PARASSITE

Venerdì 8 novembre
Ore 15-17.30-21.30 PARASSITE

Sabato 9 novembre
Ore 15-17.30-21.30 PARASSITE

Domenica 10 novembre
Ore 15-17.30-21.30 PARASSITE

Lunedì 11 novembre
Ore 16 UNA CANZONE PER MIO PADRE
Ore 18 ANNA FRANK VITE PARALLELE
Ore 19.30 VERRIEGELTE ZEIT (Tempo bloccato) Rassegna LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO (unico biglietto vale per tutti i film della rassegna)
Ore 21 EUROPA E CINEMA (ingresso libero)

Martedì 12 novembre
Ore 16 UNA CANZONE PER MIO PADRE
Ore 18 DIE MAUER (Il Muro) Rassegna LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO (unico biglietto vale per tutti i film della rassegna)
Ore 19.30 ANNA FRANK VITE PARALLELE
Ore 21.15 PSYCOMAGIA UN’ARTE PER GUARIRE Alejandro Jodorowsky

Mercoledì 13 novembre
Ore 16 UNA CANZONE PER MIO PADRE
Ore 18 WINTER ADÉ (Addio inverno) CADUTA MURO DI BERLINO (unico biglietto vale per tutti i film della rassegna)
Ore 20 ANNA FRANK, VITE PARALLELE
Ore 21.30 PSYCOMAGIA, UN’ARTE PER GUARIRE Alejandro Jodorowsky

Cinema Astoria di Lerici
Mercoledì 6 novembre
Riposo

Giovedì 7 novembre
Ore 20.15 THE IRISHMAN

Venerdì 8 novembre
Ore 17 LA FAMIGLIA ADDAMS
Ore 20.15 THE IRISHMAN

Sabato 9 novembre
Ore 15 LA FAMIGLIA ADDAMS
Ore 16.45-20.15 THE IRISHMAN

Domenica 10 novembre
Ore 15 LA FAMIGLIA ADDAMS
Ore 16.45-20.15 THE IRISHMAN

Lunedì 11 novembre
Ore 17-21 ANNA FRANK, VITE PARALLELE

Martedì 12 novembre
Ore 17-21 ANNA FRANK, VITE PARALLELE

Mercoledì 13 novembre
Ore 17-21 ANNA FRANK, VITE PARALLELE

Le trame.
THE IRISHMAN
Regia di Martin Scorsese un film con Robert De Niro, Al Pacino, Joe Pesci, Harvey Keitel Titolo originale: The Irishman. USA Nuova opera di Martin Scorsese dal titolo The Irishman in cui ha raccolto alcuni dei suoi attori feticcio per raccontare ancora una volta una storia di Mafia. Ed è bastato il promo per aumentare l'hype a dismisura per un film che raccoglie un cast impressionante, visto che non ci sono solo Al Pacino e Robert De Niro, che già basterebbero per solleticare gli appetiti dei cinefili più accaniti, ma insieme a loro troviamo Joe Pesci e Hervey Keitel. The Irishman è tante cose, difficile sintetizzarle, certamente è un’opera che resterà nella memoria collettiva, e non solo rispetto al cinema di Martin Scorsese.

PARASSITE
Regia di Bong Joon-ho. con Song Kang-ho, Sun-kyun Lee, Choi Woo-Sik, Hyae Jin Chang, Park So-dam. Titolo originale: Parasite. - Corea del sud,, durata 132 minuti. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, Parasite di Bong Joon-ho è una splendida sorpresa del Concorso, e siamo molto felici che Academy Two ne abbia comunicato in questi giorni la distribuzione in Italia. Questo originale autore sudcoreano che usa il cinema di genere e di serie b in maniera un po' politica (come negli anni settanta e all'inizio degli ottanta faceva, pur tenendo conto delle tante differenze, il cinema di John Carpenter, omaggiato di persona qui a Cannes), dopo alcune produzioni internazionali meno convincenti (Snowpiercer e Okja) torna a una produzione autoctona con un lungo film, una commedia satirica notevolmente ben diretta e dall'ottimo ritmo, sulla divisione tra classi povere e ricche nella società sudcoreana

UNA CANZONE PER MIO PADRE
Basato su una storia vera, che negli Stati Uniti (dove è già uscito con il titolo “I can only imagine”) ha avuto un importante riscontro di pubblico ed ha aiutato migliaia di giovani a crescere ancorati alla speranza e alla bellezza della vita.In particolare questo film analizza alcuni punti critici dello sviluppo dei ragazzi che possono portare spesso i giovani verso forme di dipendenza quali l’alcool, la droga, il sesso, alienazione dalla realtà etc. Consigliato anche per le scuole.

ANNA FRANK, VITE PARALLELE
Regia di Sabina Fedeli, Anna Migotto. Un film con Helen Mirren, Martina Gatti. Titolo originale: #Anne Frank Parallel Stories. Come sarebbe stata la vita di Anne Frank se avesse potuto vivere dopo Auschwitz e Bergen Belsen? Cosa ne sarebbe stato dei suoi desideri, delle speranze di cui scriveva nei suoi diari? Cosa ci avrebbe raccontato della persecuzione, dei campi di concentramento? Come avrebbe interpretato la realtà attuale, il rinascente antisemitismo, i nuovi razzismi? Certo è che, ancora oggi, Anne resta un punto di riferimento, uno specchio attraverso cui i ragazzi imparano a guardare il mondo e a farsi delle domande. Anne scriveva di sé, di ciò che accadeva nell'Europa in fiamme, del Nazismo. E per confidare le sue paure e le sue riflessioni inventa un'amica immaginaria: Kitty. Consigliato anche per le scuole.

PSYCOMAGIA: UN’ARTE PER GUARIRE
Regia di Alejandro Jodorowsky, con Alejandro Jodorowsky. Francia, durata 100 minuti. In un contesto informale Alejandro Jodorowsky, rivolto all'obiettivo, spiega oggi, come ha elaborato negli anni la psicomagia. Terapia che, a differenza della psicanalisi freudiana, affonda le sue radici nell'arte e non nella scienza, si basa sulle azioni e non sulla parola e non da ultimo incoraggia il terapista a toccare le persone che lo consultano. "La parola nacque nella mia testa cinquant'anni fa sotto forma di un massaggio iniziatico", afferma. Seguono quindi, isolate l'una dall'altra da dissolvenze a nero, le riprese video delle situazioni in cui il regista di La montagna sacra, talvolta con l'aiuto di assistenti, ha messo in pratica il metodo. Capitoli di una medicina artistica irrazionale in progress che risponde al principio per cui "non si può insegnare all'inconscio di parlare il linguaggio della realtà. È la ragione, cui può essere insegnato a parlare il linguaggio del sogno".

LA FAMOSA INVASIONE DEGLI ORSI IN SICILIA
Regia di Lorenzo Mattotti. con Toni Servillo, Antonio Albanese. Titolo originale: La fameuse invasion des ours en Sicile. G- Francia, Italia, durata 82 minuti. Dino Buzzati, uno dei più importanti autori della letteratura italiana del Novecento, scrisse e disegnò «La famosa invasione degli orsi in Sicilia» in qualità di zio per intrattenere le nipoti pubblicandola tra il gennaio e l'aprile 1945 sul Corriere della Sera fino a quando il quotidiano dovette sospendere le pubblicazioni in seguito alla Liberazione e la storia rimase incompleta. L'autore la rivide, la completò e la pubblicò nello stesso anno. Chi avrà la fortuna (e il piacere) di assistere a questa versione del testo portata sul grande schermo da Lorenzo Mattotti potrà legittimamente chiedersi perché ci siano voluti 74 anni (e sei di lavorazione) perché ciò accadesse. Consigliato anche per le scuole.

LA GIOVANE ETA’
Regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne. Un film con Idir Ben Addi, Olivier Bonnaud, Myriem Titolo originale: Le Jeune Ahmed - Belgio, durata 84 minuti. Considerato il clima politico-sociale italiano sul tema dell'immigrazione e della presenza dei musulmani una premessa diventa necessaria affinché il film non venga letto come un facile j'accuse ai seguaci di Maometto. Nei titoli di coda si può leggere il ringraziamento al Ministro per la gioventù e lo sport belga che si chiama Rachid Madrane. Dal nome non è difficile comprendere che si tratta di un belga di origini marocchine. Situazione che da noi solleverebbe l'indignazione di una parte consistente dell'elettorato e che nell'attualmente meno rissoso Belgio (dove non sono mancati, non dimentichiamolo, sanguinosi attentati) permette invece a quel ministro di sostenere un film che è anti-integralista ma non per questo antimusulmano. Consigliato anche per le scuole.

LA FAMIGLIA ADDAMS
La dark family più strana ed esilarante del piccolo e del grande schermo in una nuova versione cinematografica

APERTURA STAGIONE TEATRALE: PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
Una lotta senza esclusioni di colpi, sostenuta dagli energici e determinati Michele Placido, nella doppia veste di attore e regista, e Anna Bonaiuto. Un confronto incessante e necessario per permettere a due persone di crescere insieme e di rispettarsi.

RASSEGNA SULLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO 1989-2019
Tre lungometraggi sulla DDR a cavallo del 1989. Trent'anni senza muro è curata da Federico Rossin e Alessandro Del Re e la selezione dei titoli in programma è volta a presentare al pubblico uno spaccato di vita nell'ex DDR a cavallo del 1989, anno decisivo per la recente storia europea. Il progetto 1989-2019 Trent'anni senza muro è in collaborazione con Goethe Institut Italia, Cinemazero, Le Voci dell'Inchiesta e fa parte del progetto di diffusione del cinema documentario Doc Friendly.Tutti i titoli in programma, realizzati da registi e registe dell'ex DDR, provengono dagli archivi della Deutsche Kinemathek e della DEFA. Un unico biglietto per tre film:

VERRIEGELTE ZEIT (Tempo bloccato)
Sibylle Schönemann era una regista della Germania dell'Est. Nel 1984, lei e suo marito sono stati arrestati dalla Stasi e incarcerati per poi essere esiliati nella Germania occidentale. Dopo la riunificazione, è tornata in patria con una troupe cinematografica per incontrare i suoi "carnefici", che non hanno mostrato alcun rimorso…

DIE MAUER (Il Muro)
Un film sugli ultimi giorni del Muro di Berlino nel centro della città intorno a Potsdamer Platz e alla Porta di Brandeburgo, in cui lo smantellamento del muro pervade i sensi. Il film più rappresentativo sulla caduta del Muro di Berlino in cui le immagini sono mostrate sullo sfondo acustico di macchine edili, masse curiose e l'arrivo inarrestabile dei media. Die Mauer riflette l'anima di Berlino in quei giorni di cambiamento.

WINTER ADÉ (Addio inverno)
Poco prima del crollo della DDR, Helke Misselwitz ha viaggiato in treno attraverso il paese, intervistando donne della Germania dell'Est di varie età e provenienze. Rivelando le loro frustrazioni, speranze e aspirazioni personali e professionali Misselwitz dipinge il quadro di una società che cambia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News