Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Maggio - ore 11.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

A Luni Antica le lancette dell'orologio tornano a duemila anni fa

In occasione dell'inaugurazione della passerella pedonale, un viaggio nel tempo in costume delle gentes romanae in abiti di epoca. Mestieri, tabernae vinarie e il macellum, oggi come allora.

ai Muri Grandi
A Luni Antica le lancette dell'orologio tornano a duemila anni fa

La Spezia - L’Associazione culturale Amici di Luni, in occasione dell’inaugurazione della passerella pedonale che dall’A12 conduce all’ antica citta di Luni, ha organizzato per la giornata del 18 maggio una rievocazione storica che riproporrà uno spaccato di vita dell’antica colonia romana, ambientato nel periodo successivo alla sua fondazione. Il suggestivo viaggio nel tempo verrà riproposto attraverso una sfilata delle gentes romanae in abiti di epoca, che si svolgerà nel pomeriggio dalle 14. In località Muri Grandi, presso l’ingresso all’area archeologica, sarà possibile incontrare i duoviri, i facoltosi uomini di potere della colonia, avvolti nella loro toghe, le matrone che abitavano le lussuose domus romane, abbigliate di stole colorate e avvolte nelle sontuosa palla, con al seguito servi e ancelle.

Il gruppo di rievocatori Lecste ricorderà che il territorio,prima dell’arrivo dei romani, era abitato dai Liguri Apuani, riproponendone il costume degli antichi guerrieri. Si potranno inoltre vedere accampati centurioni, vexillfer, velites, princeps e hastatus completi di armi e panoplie, insomma la gerarchia della terza legione dell’esercito consolare repubblicano riproposta dal gruppo di Rievocatori Liguria Romano Tempore. Saranno presenti anche Sacerdoti e Auguri del gruppo Praefectura Fabrum che celebreranno riti che ci faranno riscoprire momenti religiosi dell’antica società, celebrando una cerimonia al dio Giano. L'idea è quella di ricostruire le antiche tabernae nelle quali mestranze locali si metteranno in gioco riproponendo gli antichi mestieri, come quello del mosaicista, dello scultore, del maniscalco, del fabbro, del tessitore, del cestaio. Saranno ricostruite antiche tabernae vinarie, con la collaborazione dei produttori locali, e un mercato romano, il macellum, in cui veranno esposti i prodotti tipici degli antichi lunensi, tra cui il miele, il vino, l’olio, prodotti che costituiscono ancor oggi la carta di identità del nostro territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News