Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Giugno - ore 21.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Vorrei tornare a lavorare qui e dare una mano alla città"

Roberto Alinghieri si racconta. Dagli impegni artistici con Solenghi e Sciaccaluga a come vede la Spezia: "Al Civico è stato fatto molto. Il Boss mi manca ma andava migliorato. Spin sarà di grande valore, però gli eventi spot forse non bastano".

a breve in scena con tullio solenghi
"Vorrei tornare a lavorare qui e dare una mano alla città"

La Spezia - Dalla Spezia a Siracusa. Parte da qui la “carriera estiva” di Roberto Alinghieri attore, autore, consigliere della Fondazione Carispezia ed ex commissario del comitato scientifico del Teatro Civico. Assieme a Città della Spezia racconta un po' della sua carriera su e giù dal palco e del desiderio di poter tornare a lavorare in città perché ogni volta che parte il suo cuore rimane qui.
Il primo appuntamento per Roberto Alinghieri sarà a Siracusa al Teatro Greco per la messa in scena di “Lisistrata”, interpreterà Didascalio un personaggio creato apposta per lui, per la regia di Tullio Solenghi e che rientra nel programma della stagione dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico.
Alinghieri torna in scena con la commedia di Aristofane e un cast di attori stellare: a partire da Solenghi e dalla talentuosa Elisabetta Pozzi. La celebre commedia greca racconta dello sciopero del sesso, proposto proprio dalla brillante Lisistrata.
Quest'ultima convoca le donne di Atene e di altre città, tra cui la spartana Lampitò, per discutere un importante problema: a causa della guerra del Peloponneso, gli uomini delle polis greche sono perennemente impegnati a combattere e non hanno più il tempo per stare con le proprie compagne.
Lisistrata propone a tutte loro di fare uno sciopero del sesso: finché gli uomini non firmeranno la pace, esse si rifiuteranno di avere rapporti sessuali con i propri uomini. Sono già in programma dieci repliche dal 28 giugno al 6 luglio.

“Sono molto emozionato, perché non ho mai recitato al Teatro Greco di Siracusa - ha raccontato Alinghieri - e le date sono già quasi sold out. Parliamo di uno dei teatri più antichi e belli del mondo. Io avevo già lavorato con Tullio come attore e questa volta si cimenta nella regia in un teatro davvero importante, l'ho visto veramente entusiasta. Portiamo in scena una commedia che lancia un messaggio molto forte, ho sentito Tullio davvero molto motivato. L'interprete principale è Elisabetta Pozzi e questo connubio tra la regia di Solenghi e il suo talento darà vita a uno spettacolo eccezionale. In questa Lisistrata dovrebbe esserci anche un brillante cameo di Massimo Lopez”.

Se questo è l'immediato futuro per Alinghieri la recente stagione artistica è stata arricchita da un ruolo in "John Gabriel Borkman" di Ibsen per la regia di Marco Sciaccaluga con Gabriele Lavia. La creatività dell'attore e autore spezzino non si ferma. Infatti si è messo all'opera nella scrittura di tre nuovi testi. Quest'estate tornerà a calcare i palcoscenici liguri con “Il vecchio e il mare” e una lettura del canto di Argo dell'Odissea. Sarà a Fiumaretta, Volastra e Santo Stefano Magra.
“John Gabriel Borkman è stato uno degli spettacoli più emozionanti e importanti della mia carriera - ha proseguito Alinghieri -. Avevo due bellissime scene con Gabriele”.

Oggi Roberto Alinghieri gira per l'Italia e torna a “casa” per alcuni impegni con Fondazione Carispezia, in quanto fa parte del Consiglio. In passato ha ricoperto un ruolo centrale nella Commissione scientifica del Teatro Civico.
“Mi piacerebbe avere più occasioni di lavoro qui - ha proseguito -. Vedo che è stato fatto un gran lavoro al Civico. La stagione ha ottenuto grandi risultati e ne sono felice, perché il teatro è l'anima della città. Con una buona stagione ci si arricchisce intellettualmente a prescindere e non nego che mi piacerebbe tornare a fare parte di coloro che possono dare una mano al teatro e alla città stessa. Da parte mia c'è assoluta disponibilità”.

“Vedo che la Spezia continua ad avere un enorme 'più' davanti – spiega -. Il turismo la trascina positivamente e spero che possa spiccare il salto con un coordinamento che possa rendere strutturale un momento fortunato. In tutto questo la cultura deve a sua volta intercettare il più possibile un fenomeno, come quello del turismo, che per sua natura si basa sulla curiosità del turista. E' sempre importante creare situazioni culturali che possano interessare senza scadere nel semplicistico”.

Con uno sguardo al passato e un occhio alla futura stagione con i sei eventi della rassegna “Spin”, Alinghieri conclude: “Sono sicuro che gli spettacoli in programma saranno grandi eventi di qualità. Tuttavia l'evento spot non credo sia la soluzione. Con una punta di nostalgia penso anche al Boss, era molto aggregativo per i giovani e riferimento di molte novità che circolano nel Paese che altrimenti non sarebbero mai arrivate. Certamente era un'esperienza da migliorare. Resta il fatto che era un punto riferimento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News