Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Marzo - ore 19.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Next Generation", mostra e convegno per scoprire la realtà multietnica

Dal 18 al 24 febbraio al centro Allende l'esposizione multimediale sulle nuove generazioni dell'Italia multietnica. Il 23 al Camec testimonianze sul tema.

Promuove la Cooperativa Mondo Aperto
"Next Generation", mostra e convegno per scoprire la realtà multietnica

La Spezia - Un viaggio nell’Italia che cambia. Uno spazio dedicato alle "nuove generazioni" di una nazione sempre più multietnica. Un evento per conoscere i volti e le storie di quei ragazzi che costituiranno la città di domani.
Questo è "Next Generation", evento promosso dalla cooperativa sociale Mondo Aperto che prevede l’allestimento di una mostra multimediale e l’organizzazione di un convegno, entrambi dedicati alle nuove generazioni, i nuovi cittadini del nostro territorio.

"All’interno dell’evento - spiegano dalla cooperativa - abbiamo scelto di dare spazio e voce soprattutto alle seconde generazioni ovvero i ragazzi nati e/o cresciuti in Italia da genitori stranieri. Punto di incontro tra mondi diversi, costruttori di una "identità arricchita" e aperta all'incontro, attualmente sono più di un milione e mezzo i giovani nati o cresciuti in Italia da genitori immigrati; giovani che quotidianamente si misurano con le tradizioni delle famiglie e delle terre d’origine ma nello stesso tempo si confrontano con la cultura, i valori e gli stili di vita dell’Italia di oggi. Oggi più che mai sentiamo la necessità di dare voce a questi giovani che spesso nascondono situazione di profonda conflittualità: scissi tra due mondi, celano una sensazione di estraneità sia nei confronti del paese d’origine sia di quello ospitante, come degli apolidi emotivi. Si tratta di ragazzi che hanno dovuto fare ricorso a tutta la loro resilienza per trovare il giusto equilibrio, per procedere a una valorizzazione del proprio vissuto e per appropriarsi positivamente della loro bi-culturalità".

La globalizzazione e il conseguente fenomeno migratorio stanno modificando il tessuto culturale e sociale del territorio e la cooperativa sociale Mondo Aperto, nell’interesse generale della comunità, promuove la costruzione di una società inclusiva dove possano convivere culture differenti e in cui le persone abbiano stessa dignità e pari opportunità.
Mondo Aperto è una cooperativa sociale per la mediazione interculturale che opera alla Spezia dal 2003 collaborando fianco a fianco con la maggior parte dei servizi territoriali e occupandosi della gestione di servizi per l’integrazione e l’inclusione sociale dei cittadini italiani e stranieri.
Florentina Stefanidhi, rappresentante legale di Mondo Aperto che da anni lavora sul territorio nel campo della mediazione interculturale, spiega le motivazioni che l’hanno portata a organizzare quest’evento: "Sappiamo bene come nei processi di integrazione un ruolo chiave sia giocato dai figli degli immigrati, dalle cosiddette seconde generazioni, e l'Italia, essendo un paese di recente immigrazione, sta assistendo proprio in questi anni alla formazione di una numerosa seconda generazione. Dunque è adesso che dobbiamo lavorare per sensibilizzare il territorio e creare le condizioni migliori perché questi giovani possano sentirsi parte del paese, della città, del Comune, del quartiere in cui sono nati o cresciuti, in cui hanno studiato, dove hanno fatto sport o dove tutti i giorni escono con gli amici. Questi giovani sono già parte integrante della nostra città e saranno i protagonisti attivi della nostra città di domani, della prossima generazione: per questo abbiamo voluto chiamare l’evento Next Generation, perché non si tratta solo delle seconde generazioni, non si tratta più solo dei giovani di origine straniera o di quelli di origine autoctona, ma si tratta di tutti i giovani, e si tratta di aiutarli a costruire insieme il loro futuro".

La mostra multimediale
Dal 18 al 24 febbraio presso il centro Salvador Allende (Viale Mazzini) sarà allestita la mostra itinerante multimediale “Nuove generazioni. I volti giovani dell'Italia multietnica” organizzata dal Meeting di Rimini.
Partita dal Meeting 2017 la mostra ha già viaggiato in tutta Italia per raccontare, tramite interviste e filmati, le storie, le difficoltà, i sogni e le passioni di alcuni giovani di seconda generazione.
La mostra sarà a ingresso gratuito e sarà visitabile con i seguenti orari:
Lunedì: dalle 16 alle 19
Dal martedì al venerdì: dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19
Sabato: dalle 15 alle 19
Domenica: dalle 9 alle 12
Saranno proprio le nuove e le seconde generazioni del territorio ad accompagnare i visitatori durante il percorso della mostra, infatti saranno gli studenti del liceo artistico Cardarelli della Spezia a guidare

Il convegno
Sabato 23 febbraio presso la sala del Camec (Piazza Cesare Battisti 1), diversi relatori si alterneranno a raccontare e condividere con il pubblico le loro conoscenze e testimonianze sul tema delle seconde e nuove generazioni.
Questo il programma del convegno:
Ore 10.30 - saluti delle Istituzioni e della Cooperativa Mondo Aperto
Ore 11 - intervento del professor Maurizio Ambrosini, docente in Sociologia delle migrazioni all’Università degli Studi di Milano
Ore 13 - break
Ore 14 - intervento dell’avvocato Abdoulaye Mbodj, di origine senegalese, il primo africano iscritto all’albo degli avvocati di Milano
Ore 15 - intervento e testimonianza di un giovane di seconda generazione del territorio

I relatori
Maurizio Ambrosini, docente di Sociologia dei processi migratori dell'Università di Milano, responsabile scientifico del Centro Studi Medì di Genova, dove dirige la rivista «Mondi Migranti» e la Scuola estiva di Sociologia delle migrazioni, è uno dei massimi esperti di migrazioni in Italia.
Sabato 23 febbraio, ore 11. Camec

Abdoulaye Mbodj, originario di Dakar (Senegal), è arrivato in Italia con la sua famiglia quando era bambino. Oggi, laureato a pieni voti in Diritto Commerciale, è il primo africano iscritto all’albo degli avvocati di Milano.
Sabato 23 febbraio ore 14. Camec

L’evento è stato realizzato grazie al sostegno di Confcooperative, Cantine Lunae Bosoni, Centro Culturale Don Alberto Zannini – La Spezia, Amrin alimentari.

Per maggiori informazioni:
Facebook Cooperativa Mondo Aperto: @coopmondoaperto
Facebook evento: https://www.facebook.com/events/390308978201601/
Instagram evento: @nextgeneration_laspezia
Telefono: 0187/1584914
Mail: mondoaperto1@gmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News