Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Febbraio - ore 19.56

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"I santini del prete" al Camec per festeggiare "25 anni di non-arte"

"I santini del prete" al Camec per festeggiare "25 anni di non-arte"

La Spezia - Prosegue la serie de “I Mercoledì del CAMeC”, in questa occasione in collaborazione con l’Archivio Carlo Palli, Prato, depositario di una colossale e importantissima collezione che conta quindicimila tra opere e testimonianze.

Mercoledì 6 dicembre alle 17, al CAMeC con ingresso libero, un appuntamento speciale con I Santini Del Prete e i loro “25 anni di non-Arte”. Insieme a loro stessi, diverse opere inedite dedicate ai loro “25 anni di arrivi e partenze”. All’incontro parteciperanno Carlo Palli e Laura Monaldi, curatori del volume appena dato alle stampe che ne festeggia l’anniversario. Il video di Stefano Cecchi, “Oggi si vola”, ne racconterà l’ormai annosa vicenda e la performance “Happerform 25” sarà l’ulteriore esternazione dell’infaticabile duo.

Il sodalizio nasce nel 1992 quasi fatalmente per la curiosa complementarietà dei cognomi di Franco Santini e Raimondo Del Prete, accomunati dalla stesso mestiere di ferroviere e da una comune passione per la mail art, l'arte visiva e la diffusa creatività contemporanea. Si dilettano quali rappresentanti militanti della non-arte che non è in contrapposizione all'arte, bensì in armoniosa dialettica per il completamento degli opposti. Si esprimono con azioni, video, installazioni, opere fotografiche e pittoriche. Partendo dal modello degli storici happening di Allan Kaprow e contaminandolo con il concetto più attuale multimediale e onnicomprensivo di performance, il duo ferroviario cerca di superare la coniugazione tra arte e vita, aggiungendo un elemento ulteriore: la non-arte. Pertanto attraverso la rappresentazione di loro stessi in azione tentano la copulazione tra arte e non-arte con l'auspicio di emozionare, rallegrare, coinvolgere se stessi e gli astanti. Nel 1999 partecipano alla Biennale di Venezia accompagnati dalla curatrice Patrizia Landi, che sorregge un cartello recante la scritta “Non sono artisti sono ferrovieri”. Nel loro viaggiare incontrano, fra gli altri, Dario Fo, Shozo Shimamoto, Enrico Baj, Pablo Echaurren e Carlo Palli, che, con il suo Archivio, nel 2017 organizza i festeggiamenti per i venticinque anni di attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News