Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Marzo - ore 10.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Fabio Linari. Viaggiatore senza tempo", da sabato alla Palazzina delle Arti

Sino al 24 febbraio
"Fabio Linari. Viaggiatore senza tempo", da sabato alla Palazzina delle Arti

La Spezia - Sabato 15 dicembre, alle ore 18.30, apre nelle sale della Palazzina delle Arti “L. R. Rosaia”, la mostra Fabio Linari. Viaggiatore senza tempo, omaggio al pittore spezzino improvvisamente scomparso nel 2013, con cui si conclude la programmazione espositiva dell’anno 2018 negli spazi della Palazzina delle Arti “L.R. Rosaia”.

Apprezzato per le sue doti pittoriche, dalla fine degli anni ’80 Linari aveva esposto in diverse gallerie spezzine e nel mondo, e nel novembre del 2010 aveva portato i suoi dipinti all'interno del CAMeC nell'ambito della rassegna Finestra sul golfo.

L’esposizione attuale è il secondo tributo postumo della città della Spezia a Fabio Maria Linari, dopo quello organizzato presso gli spazi del LAS Cardarelli nel 2014- il liceo artistico dove egli insegnava Discipline Pittoriche– occasione in cui la sua opera venne promossa attraverso un convegno e una mostra intitolati Percorsi comuni. Fabio Maria Linari e i suoi amici che illustravano le fasi, le esperienze, gli incontri della vita di Fabio, tra la città nativa e la Lombardia.
Fabio Linari. Viaggiatore senza tempo ben si colloca nel filone degli omaggi agli artisti spezzini, che caratterizza da sempre la programmazione della Palazzina delle Arti; ideata e curata da Valerio Cremolini, Marzia Ratti e Barbara Viale, con l’insostituibile collaborazione di Alberta Intelisano Linari, l’esposizione si propone di ripercorrere l’itinerario creativo dell’artista accompagnando il visitatore in un viaggio ideale attraverso le opere realizzate tra gli anni ’90 e il 2013; come di consueto la mostra è accompagnata da un catalogo in cui le opere sono associate ad una nutrita selezione di testi critici, a testimonianza della copiosa bibliografia che sempre ha accompagnato ogni momento del percorso creativo dell’artista.

Fabio Maria Linari
Nasce alla Spezia nel 1959. Figlio del pittore Giacomo Linari, si diploma al Liceo Artistico di Carrara e successivamente, nel 1983 all’Accademia di Belle Arti. Nel 1984 si diploma in calcografia e stampa d’arte ai corsi istituiti dalla stamperia Segno Grafico Ligure della Spezia e dal Centro Internazionale della Grafica di Venezia. Nel 1985 si trasferisce a Milano, città nella quale il suo percorso artistico comincia a prendere concretamente forma.
Nel 1986 conosce Giovanni Testori, il cui sprone è mirabile stimolo ai propositi dell’artista.
Nel 1987 diviene titolare della cattedra di Discipline Pittoriche al Liceo Artistico Statale Giacomo e Pio Manzù di Bergamo. Del 1988 è la prima personale presentata da Francesco Frangi, a Gardone Riviera, dal titolo La periferia e il ponte. Sono questi gli anni in cui si stabilisce tra Bergamo e Chiari, in provincia di Brescia.
Agli inizi degli anni ’90 espone negli USA all’università di Santa Barbara, in California. Con il pittore americano Kerry Condrom valorizza il quartiere di Hayes Valley Block a San Francisco con un’esposizione on the road.
Tra le successive mostre, ricordiamo quelle presso la Galleria Charta di Bergamo (1996 e 1997), la Galleria Mari di Imbersago (1998), il Castello di Lerici e la Compagnia del Disegno di Milano (2000), l’Associazione Cortina (2002).
Partecipa a numerose edizioni del premio La Fenice et Des Artistes a Venezia.
Nel decennale della caduta del Muro di Berlino espone presso la galleria Ars Media di Bergamo, un ciclo di opere commemorative intitolate Carte berlinesi e nel ventennale della crollo realizza presso il Centro Allende della Spezia la personale Prospettive berlinesi.
L’anno giubilare lo porta ad incontrare il Santo Padre in occasione della retrospettiva dell’opera paterna e della Postulazione della Causa Montfort Dottore della Chiesa.
Nel 2001 riporta le suggestioni dei viaggi compiuti a New York in un primo ciclo di dipinti, influenze che torneranno nel 2007 nel ciclo Empire, percorso ideale e suggestivo dello skyline della città.
Negli anni tra il 2003 e il 2005 si collocano una serie di esposizioni ispirate all’opera dei pittori rinascimentali Moretto e Romanino.
Ha vinto due volte il Premio Morlotti e il secondo premio alla Biennale d’Arte Galep Città di Chiavari.
Tornato in Liguria nel 2011, è morto improvvisamente due anni più tardi, nel pieno della sua forza creativa. Nel 2014, per ricordare la persona e l’opera di Linari, è stata organizzata presso il LAS Cardarelli della Spezia, la mostra Fabio Maria Linari e i suoi amici, a cura di Valerio Cremolini.

Informazioni
Dove: Palazzina delle Arti – Via del Prione, 234 – La Spezia
Quando: dal 15 dicembre 2018 al 24 febbraio 2019
Orari di apertura:
mercoledì e giovedì 15.00 – 18.00
venerdì, sabato e domenica 10.00 – 18.00

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News