Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Novembre - ore 16.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Dedicato ai Caduti di tutte le battaglie"

Centouno anni fa fu la vittoria di un intero Paese.

Ricorrenza del IV Novembre
"Dedicato ai Caduti di tutte le battaglie"

La Spezia - In occasione della ricorrenza del IV Novembre, la sezione spezzina "Maria Drago Mazzini" dell'Associazione Mazziniana Italiana, intitolata a colui che, primo fra i primi, indicò ai contemporanei e ai posteri nel compimento dell'Unità Nazionale il supremo dovere di ogni patriota, rammenta ad ogni Italiano quanto grave e immenso fu il sacrificio offerto alla patria dai suoi eroici figli, che, per la sua gloria vollero e seppero vivere, combattere ed anche morire sul campo dell'onore. Centouno anni ci separano da quel 4 Novembre 1918 in cui la vittoria, così tenacemente inseguita, coronò gli immani sforzi di un intero Paese e si poté dire concluso il periodo della guerre risorgimentali, con quella che dunque fu, a tutti gli effetti, la IV Guerra d'indipendenza. Celebrare scientemente la Festa dell'Unità Nazionale significa perciò sapersi porre in questa prospettiva storica che, nella continuità della Nazione, giunge fino a noi.

Sentiamo quindi di stringerci con vicinanza e condivisione attorno alle nostre Forze Armate nel giorno ad esse dedicato dal nostro calendario civile, data significativamente collegata a quella del 12 Novembre in cui, nell'indelebile ricordo della strage di Nassiriya, facciamo Memoria dei nostri Caduti militari e civili nelle missioni internazionali di pace.
È a loro, soprattutto, ai Caduti di tutte le battaglie e di tutte le missioni, che rivolgiamo il più commosso e fervido pensiero, ben consapevoli che senza il loro sacrificio non solo oggi non saremmo ciò che siamo, ma che l'Italia stessa, intesa come Stato unitario, libero, indipendente, democratico e repubblicano, non esisterebbe affatto. Abbiamo perciò il dovere di presenziare alle Cerimonie, di esporre il Tricolore nelle nostre case; ovunque si trovi una Lapide, un'Iscrizione, un Monumento, invitiamo i passanti a sostare in raccoglimento.

Domandiamo alle autorità preposte di accompagnare in futuro con la presenza del Tricolore quelle Memorie, affinché il nostro Vessillo ne testimoni il ricordo, affidandone alle Scuole, e dunque alle più giovani generazioni, la custodia. In questo senso esprimiamo al sindaco di Lerici Leonardo Paoletti il più vivo apprezzamento per aver voluto che sul Castello dell'omonimo borgo sventolasse al cielo, nel punto più alto, la Bandiera Italiana, ovvero l'emblema della Nazione, il simbolo del nostro Popolo. Possa questo gesto essere seguito da tanti altri Amministratori, affinché sui Luoghi più significativi della nostra Terra risplendano quei Tre Colori che sentiamo nell'anima come il più prezioso e caro emblema del nostro essere Italiani.

Paolo Galantini
Presidente della Sezione Maria Drago Mazzini

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News