Città della Spezia Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Da Carmen al verismo", concerto lirico al castello di Lerici

"Da Carmen al verismo", concerto lirico al castello di Lerici

La Spezia - Al Castello di Lerici domani alle 18 si svolgerà il concerto lirico "Da Carmen al verismo. L’influenza dell’opera di Bizet sulla Giovane Scuola italiana a cavallo tra ‘800 e ‘900”. Tenore Alessandro Poletti; Soprano Letizia Cappellini; Pianoforte Lucia Lazzeri. Tale percorso artistico parte dall’ispirazione che l’opera “Carmen” del compositore Francese Georges Bizet ebbe sulla generazione successiva di compositori Francesi ma, soprattutto, Italiani che si rifacevano alla corrente letteraria del Naturalismo in Francia e del Verismo in Italia.

Carmen, a ingresso gratuito, è un’opera sanguigna, che mette in scena senza mediazioni la passionalità e i suoi lati oscuri. Il personaggio omonimo è un archetipo di donna ben avanti ai suoi tempi, che la vedono solo come una Zingara trasgressiva; questo aspetto, assieme all’ambientazione border line, con donne di facili costumi e contrabbandieri, gendarmi sadici e molesti, gelosia senza limiti e accoltellamento in diretta nel finale, non fu capito dai contemporanei che la fischiarono decretandone il fiasco: pochi mesi dopo Bizet morì suicida.

Tutti questi aspetti furono ripresi dagli allievi della giovane scuola Italiana, che ispirandosi anche alle tecniche innovative di Richard Wagner, cercarono una via che andasse oltre allo stile Verdiano (il quale Verdi pure aveva tentato il dramma contemporaneo con Traviata, andando incontro a censure e rischi di fiasco) e trovarono nell’opera di Bizet quell’adesione alla contemporaneità che era uno dei motivi fondativi della corrente letteraria verista. Questa adesione fu parziale in Giacomo Puccini, abbastanza libero e versatile da aderire a diversi schemi drammaturgici nella sua carriera, e anche in una stessa opera. Più piena e convinta fu in altri che aderirono in modo ben più deciso: su tutti Pietro Mascagni e Ruggero Leoncavallo. (foto di repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News