Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Agosto - ore 22.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Ci vediamo al Peola", per ricordare Gino Patroni

A 25 anni dalla scomparsa una serata in onore del giornalista, scrittore e umorista che più di tutti seppe interpretare la spezzinità.

"Ci vediamo al Peola", per ricordare Gino Patroni

La Spezia - Gino Patroni era uno spezzino "Dos", di origine sprugolina. E' per non dimenticare questa figura fondamentale che venerdì 24 novembre alle 17.30 il suo amato Bar Peola sarà "ricostruito" nell'auditorium della Mediateca regionale di Via Firenze per una serata speciale dedicata al giornalista, scrittore e umorista spezzino, in occasione dei 25 anni dalla sua scomparsa. L’evento, patrocinato dall'assessorato alla Cultura del Comune della Spezia, si avvarrà della collaborazione dell’associazione Prospezia e dell'associazione culturale Circolo La Sprugola. Hanno presentato l’iniziativa questa mattina nel corso di una conferenza stampa l’assessore alla Cultura Paolo Asti, Marco Tarabugi e e Maurizio Damerini rappresentanti dell’associazione Prospezia, Gianfranco Pietrobono del circolo La Sprugola.
“Ci vediamo al Peola” è il titolo della serata che vedrà la partecipazione di illustri personaggi che ben conoscevano Gino e attraverso i loro racconti tracceranno l’immagine dell’uomo, del giornalista, dello scrittore e dell’umorista. Ne parleranno Pierluigi Peracchini, sindaco della Spezia, lo storico Umberto Burla, lo scrittore Marco Ferrari, il giornalista Filippo Paganini, lo scrittore Arrigo Petacco, il giornalista Gino Ragnetti, la nipote di Patroni, Gabriella Tartarini, l'artista Francesco Vaccarone e gli stessi Asti, Pietrobono e Tarabugi, condotti dal direttore di Città della Spezia Fabio Lugarini.
La serata, aperta da Maurizio Damerini, sarà un mix di parole, scene e musica alla quale parteciperà Matteo Ornizocolo (attuale proprietario del Ber Peola) nella veste di “Alfredino”, lo storico barista del Peola di Via Chiodo, il punto di ritrovo - anzi di partenza e di arrivo - di Gino Patroni. Infine Matteo Ridolfi e Antonio Salines leggeranno alcuni brani tratti dalla produzione letteraria di Patroni.

L’organizzazione della serata sarà curata da Roberto Battolini, Maurizio Rivi si occuperà del supporto tecnico e la regia sarà nelle mani di Luciano Venturi. "Patroni non ci ha mai lasciati. Ha scritto pagine di cronaca e non per quotidiani importantissimi e anche per Playboy. Voglio ringraziare Prospezia e il circolo dello Sprugola. È qualcosa di più di un evento - ha detto Asti - e in Mediateca sarà raccontato l'uomo e sarà riscoperta la sua antologia letteraria. Avremo modo di conoscere lo Speciale, l'aperitivo preferito di Patroni, uomo indimenticabile per come ha rappresentato la spezzinità".
"Il nostro scopo - ha aggiunto Tarabugi - è non far perdere ai giovani la memoria di personaggi che hanno caratterizzato Spezia". Pietrobono ha ricordato come la manifestazione sia "nata l'anno scorso. Tutto parte da Marco Tarabugi, su Facebook: risposti che avevo del materiale. E così eccoci qua". Damerini ha ringraziato Paola Ceccotti, amica di Patroni, e tutti coloro che stanno promuovendo questo "modo innovativo e sorprendente per ricordare Gino".

In conclusione è stato annunciato il lancio di una raccolta firme per intitolare a Patroni una via o una piazza della città, mentre l'assessore Asti ha espresso l'auspicio che i giovani possano imparare a scoprirne la figura: "Al momento non esiste una tesi di laurea su Gino, sarebbe interessante avviare uno studio approfondito su di lui".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gino Patroni
Gino Patroni Claudio Pistelli
Maurizio Damerini, Gianfranco Pietrobono, Paolo Asti e Marco Tarabugi Archivio CDS


Notizie La Spezia










Ecco lo Spezia 2018/19, che campionato farà?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News