Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Ottobre - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Anch'io ho votato Repubblica", le donne spezzine escono dagli archivi

`Anch´io ho votato Repubblica`, le donne spezzine escono dagli archivi

La Spezia - Giovedì 18 maggio alle 17,00 al Centro Allende, si parla della conquista del voto femminile e delle protagoniste di allora. Ne discutono con il collega Riccardo Sottanis, Anna Valle e Annalisa Coviello, autrici del libro "Anch'io ho votato Repubblica. Le donne spezzine e la conquista del voto. Storia, immagini e testimonianze di un'epoca", edito da Giacché e illustrato da 130 immagini, tra fotografie e documenti, per lo più inediti, provenienti da archivi pubblici e privati, che illustrano la storia della conquista del voto partendo dall' '800, fino agli anni '50-'60 del Novecento.
L'iniziativa avviene nell'ambito della mostra organizzata da Marina Militare, Comune e Provincia della Spezia, Archivio di Stato, Museo Tecnico Navale e Comitato Unitario della Resistenza. Il titolo è "L'Italia è Repubblica!" ed illustra il percorso post-Liberazione per la ricostruzione della città e dell'Arsenale Militare, distrutti dalle bombe, passando per l'Assemblea Costituente, la lotta per il diritto di voto alle donne, le prime istituzioni democratiche.

Il 2 giugno 1946 fu una data storica: segnò l’avvio del processo di costruzione del nuovo Stato democratico, e fu anche per le donne un evento decisivo nel cammino lungo e difficile di emancipazione dalla condizione di inferiorità sociale e giuridica in cui erano relegate.

È una storia che parte da lontano: passando per il dibattito parlamentare dell’ ‘800, la Lega promotrice degli interessi femminili e il comitato pro-suffragio. Una storia che attraversa il fascismo e la guerra, per arrivare all’Assemblea Costituente, alla grande affluenza alle urne, alla cacciata del re, ai tentativi di golpe monarchici, all’inizio finalmente di una nuova vita.

In questo testo che raccoglie numerose testimonianze, le donne spezzine elettrici dell’epoca ricordano, e parlano anche delle condizioni di vita di allora, le lotte per l’accesso al lavoro e per la difesa di quel diritto, le difficoltà quotidiane della vita sotto le bombe, la scelta della Resistenza, la rabbia verso la monarchia.
Lasciandoci un messaggio di fiducia e speranza che cominciò con quel primo voto...
«... La decisione sul suffragio femminile, che rendeva finalmente universale il diritto di voto, rappresentò un’autentica svolta - scrisse Giglia Tedesco Tatò nell'introduzione - . Eppure, quando dopo ben ottanta anni di infruttuose iniziative politiche e parlamentari il Consiglio dei Ministri, il 30 gennaio 1945, determinò quell’evento storico, ciò avvenne in fretta, quasi senza discussione.
Anche i commenti furono superficiali e quasi beffardi («Mentre si muore di fame, ci si preoccupa del voto alle donne», scrisse il Resto del Carlino).
La decisione risultava scontata? In un certo senso sì. In primo luogo grazie al peso femminile nella Resistenza: come testimoniano le protagoniste, nell’Italia ancora occupata la notizia risuonò come una decisione ovvia. E, certamente, la scelta decisa dei grandi partiti popolari (DC, PC, PSI) valse a troncare la suggestione di un rinvio. Pensiamo quale amputazione sarebbe derivata dall’opzione di rimettere la scelta alla futura assemblea costituente, come qualcuno aveva proposto: le donne sarebbero state tagliate fuori dalla scelta fra repubblica e monarchia: e non sarebbero state elette a Montecitorio le ventuno costituenti al cui impegno unitario e tenace dobbiamo le norme costituzionali sui diritti delle donne. Norme scrupolose e avanzate, che hanno costituito la base per tutte le future conquiste legislative...»

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure