LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Novembre - ore 20.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia

Spezia, la Coppa è tua!

Si fa male Rubini, Monguzzi sbaglia. Si soffre. Poi ci pensa bomber Guidetti.

La Spezia - SPEZIA-FROSINONE 1-1
Spezia: Rubini (28' Monguzzi), Rizzo, Corradi, Tricarico, Bordin, Bruni, Matteassi, Scoponi, Baggio (67' Veronese), Anaclerio (90' Beati), Guidetti. Allenatore Dominissini.
Frosinone: De Juliis, Pagani, Bruno, Molinari, Lonardo, De Angelis (68' D'Antoni), Arno, Mocarelli (83' De Cesare), Di Nardo, Aquino, De Giorgio (57' Cariello). Allenatore Pagliari.
Arbitro: Roland Herberg di Messina.
Reti: 30' Aquino; 80' Guidetti.
Note: angoli 3-1 per lo Spezia; ammoniti Anaclerio, Tricarico, Corradi, De Giorgio, Aquino, Pagani; espulso al 48' s.t. Guidetti per reazione su Pagani; spettatori paganti 4.102, incasso 35.530 euro.

LA SPEZIA - Finalmente un trofeo nella bacheca dello Spezia Calcio. Capitan Bordin lo ha alzato davanti al proprio pubblico al termine del match di ritorno col Frosinone. Ma non è stata impresa facile nonostante l’acuto esterno di 7 giorni prima nel Lazio. Il Frosinone, con diversi titolari in panchina, è stato piegato solo a 10 minuti dalla fine da un gol di bomber Guidetti, dopo essere andato in vantaggio con Aquino nel primo tempo. Ma andiamo con ordine.
Davanti al suo pubblico (circa 4.500 i presenti) lo Spezia parte bene, il piglio pare quello giusto e già all’8’ potrebbe andare in vantaggio con Guidetti che, raccolta una torre aerea di Bordin, manda incredibilmente alto da due passi. Lentamente però sono i ciociari a macinare gioco e lo Spezia, pur lasciando loro l’iniziativa, sembra controllarli. La svolta arriva al 28’ quando Rubini, che qualche minuto prima aveva subito un brutto colpo in mischia, deve lasciare il terreno di gioco. Indisponibile Cordaz, tocca al terzo portiere Monguzzi che esordio più sfortunato non poteva avere: al 30’ un cross innocuo da destra sembra sua facile preda ma la palla gli scivola via dalle mani come una saponetta e Aquino, di testa, appoggia in rete da pochi centimetri. Il Picco vede le streghe, anche perché la squadra sembra accusare il colpo e non riesce a scuotersi, anzi nel recupero Aquino fila via in contropiede e dal limite sfiora la traversa.
La seconda frazione si apre con lo Spezia subito alla ricerca del gol. All’8’ Guidetti controlla e dal limite, tutto defilato sulla sinistra, va alla conclusione di collo pieno costringendo De Juliis in angolo. Sugli sviluppi del corner Matteassi raccoglie al volo una corta respinta della difesa e coglie il palo con una conclusione sporca. Pagliari inserisce via via forze fresche: prima Cariello per De Giorgio, poi D’Antoni per De Angelis. Dominissini butta nella mischia Veronese per uno spento Baggio. La gara resta equilibrata e la Coppa è a metà strada: gran lotta a centrocampo ma si fatica ad entrare nelle due aree. Al 31’ ci prova Aquino da posizione defilata, ma Monguzzi non si fa sorprendere. Poi, al 35’, il trofeo prende la via del Golfo: Matteassi tenta l’incursione in area ma è fermato, la palla finisce a Guidetti che dal limite controlla e saetta con un rasoterra potente e preciso. I ciociari si gettano in avanti ma ora lo Spezia serra le proprie fila e non passa uno spillo. Al 41’, poi, parte Corradi in contropiede, salta in velocità un paio di avversari, prima di concludere a rete con un destro a girare: vola De Juliis poi Matteassi spreca. L’ultima emozione in pieno recupero con Guidetti espulso per una manata a Lonardo. Troppo tardi.
E’ dunque Roberto Bordin ad alzare la Coppa Italia al cielo mentre tutto il Picco applaude sancendo forse la pace con la squadra e chiama a gran voce la “Serie B”. Un altr’anno, s’intende, ma chi doveva capire avrà senza dubbio capito. Fuori la città fa festa: caroselli per le vie del centro e concentramento in piazza Europa con bandiere, sciarpe e fumogeni. Solo una domanda: ma se dovessimo andare in B, cosa succede a Spezia?


Albo d'oro Coppa Italia 'serie C':
1972-73 ALESSANDRIA
1973-74 MONZA
1974-75 MONZA
1975-76 LECCE
1976-77 LECCO
1977-78 UDINESE
1978-79 SIRACUSA
1979-80 PADOVA
1980-81 AREZZO
1981-82 VICENZA
1982-83 CARRARESE
1983-84 FANFULLA
1984-85 CASARANO
1985-86 V.BOCCALEONE
1986-87 LIVORNO
1987-88 MONZA
1988-89 CAGLIARI
1989-90 LUCCHESE
1990-91 MONZA
1991-92 SAMBENEDETTESE
1992-93 PALERMO
1993-94 TRIESTINA
1994-95 VARESE
1995-96 EMPOLI
1996-97 COMO
1997-98 ALZANO
1996-97 COMO
1997-98 ALZANO
1998-99 SPAL
1999-00 PISA
2000-01 PRATO
2001-02 ALBINOLEFFE
2002-03 BRINDISI
2003-04 CESENA
2004-05 SPEZIA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi, Selene Ricco.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure