Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 21.17

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Una tragica fatalità e l'ipotermia, così è morto Fabio Cozzani

L'esame autoptico si è tenuto nel pomeriggio dalla dottoressa Susanna Gamba. Le indagini proseguono serrate e seguiranno gli esami tossicologici.

Decesso avvenuto nella notte
Una tragica fatalità e l'ipotermia, così è morto Fabio Cozzani

La Spezia - La morte di Fabio Cozzani sarebbe avvenuta per cause accidentali. Comincia a dipanarsi il mistero sul ritrovamento del 51enne spezzino rinvenuto nella mattina di martedì all'interno di un'autofficina in località Buonviaggio.
Oggi pomeriggio l'esame autoptico, condotto dal medico legale Susanna Gamba, ha rivelato che la causa della morte è legata al trauma cranico.
Sin dai primi rilievi esterni, proprio la mattina del ritrovamento, il corpo di Cozzani presentava una ferita alla fronte compatibile con un pezzo di ferro presente nel capannone.

Cozzani è stato trovato seminudo all'interno del capannone e verosimilmente è inciampato nella tuta che stava cercando di indossare una volta all'interno.
Quando il 51enne è caduto si stava cambiando perché aveva gli abiti bagnati, una volta però l'equilibrio è finito su un gancio d'acciaio. Completamente stordito dal colpo non ha fatto in tempo ad alzarsi è collassato poi è arrivato il freddo e l'ipotermia ha così contribuito a causare la morte.Tutto quindi è avvenuto all'interno della struttura e Cozzani sarebbe spirato nelle primissime ore di martedì mattina, dopo la mezzanotte.

L'esame è stato lungo, accurato ed è durato all'incirca quattro ore. Gli accertamenti proseguono: si terranno anche gli esami tossicologici per trovare altri elementi che potrebbero chiudere definitivamente il caso e fugare ogni dubbio su quella notte maledetta.

Stando alle testimonianze raccolte nelle ore antecedenti al decesso, Fabio Cozzani era ancora vivo alle 20 circa e sia i soccorritori che alcuni passanti e alcuni soccorritori hanno parlato perché la sua auto era in panne. Un altro automobilista, poco prima, l'aveva notato spingere un'auto perchè aveva aiutato un altro automobilista al quale si era fermata l'auto. Quando però sul posto è arrivata la gazzella dei carabinieri il 51enne era sparito probabilmente si era addentrato nel bosco.
La sua presenza nella boscaglia è stata confermata non solo dal giubbotto catarifrangente utilizzato al momento dell'incidente e da un pacchetto di sigarette ma anche dalle spine e dai rovi rinvenuti sul corpo nel corso dell'esame autoptico.
Rimangono ancora da scogliere i nodi legati alla sua presenza all'interno del capannone, perché si sia allontanato prima dell'arrivo dei carabinieri, perché si sia addentrato nel bosco e per quale motivo volesse entrare a tutti i costi nel capannone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News