Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Ottobre - ore 16.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tre mesi d'indagini serrate, arrestato il rapinatore armato di pistola

La Squadra Mobile spezzina chiude un'operazione partita ad inizio estate in seguito ad un'irruzione in un supermercato cittadino: quel giorno spuntò perfino un'arma poi risultata essere una riproduzione.

la ricostruzione
Tre mesi d'indagini serrate, arrestato il rapinatore armato di pistola

La Spezia - Gli investigatori della Squadra Mobile della Questura della Spezia hanno arrestato l’autore della rapina consumata il 27 giugno 2020 presso il Supermercato Penny Market di viale San Bartolomeo. Quel pomeriggio un uomo con il volto travisato da mascherina chirurgica, dalla visiera di un cappello da baseball e dal cappuccio di una felpa calzati, dopo essere entrato nel supermercato fingendosi un normale cliente, una volta raggiunta la cassa e aver atteso che non vi fossero altre persone in coda, improvvisamente estraeva dalla cintura dei pantaloni una pistola semi-automatica, puntandola al volto del cassiere, che obbligava ad aprire la cassa. Il malvivente riusciva così ad impossessarsi di oltre 1.400 euro in contanti, dandosi poi a precipitosa fuga, facendo perdere le proprie tracce.

Le indagini immediatamente avviate e durate tre mesi, permettevano di indirizzare le investigazioni nei confronti di
un ventiduenne, cittadino colombiano in possesso di regolare permesso di soggiorno che, nel recente passato, aveva avuto un alterco con un dipendente del supermercato. Effettuata una perquisizione nell’abitazione del giovane, peraltro appena locata, veniva rinvenuta, oltre che della marjiuana, l’arma utilizzata per consumare la rapina: una pistola a
salve, fedele riproduzione di una Glock 17 calibro 9, artatamente privata del previsto tappo rosso, risultata essere stata acquistata “on-line” dallo stesso prima della rapina.

Grazie ai molteplici indizi raccolti nel corso delle indagini effettuate dalla Squadra Mobile, nonché alla repertazione durante il sopralluogo eseguito al supermercato da personale del locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica di un’impronta digitale risultata utile per i confronti, successivamente attribuita al giovane cittadino extracomunitario, il Gip del Tribunale della Spezia Fabrizio Garofalo, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica Claudia Merlino, emetteva nei confronti dell’autore del reato ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico.
Il provvedimento cautelare veniva immediatamente eseguito dagli agenti della Squadra Mobile Spezzina che, rintracciato il giovane, nel pomeriggio del 22 settembre, lo traevano in arresto, accompagnandolo al proprio domicilio.
L’uomo, oltre che del reato di rapina aggravata dall’uso dell’arma, dovrà anche rispondere della detenzione dello stupefacente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News