Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Giugno - ore 17.17

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Task force contro il furto di metalli anche nella nostra provincia

Operazione internazionale congiunta delle Forze di polizia, nello spezzino controllate 139 persone e 144 veicoli.

un reato evergreen
Task force contro il furto di metalli anche nella nostra provincia

La Spezia - Nei giorni scorsi si è svolto l’action day contro i furti di metallo, durante il quale le Forze di Polizia e personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno operato sinergicamente, grazie anche al coordinamento, a livello locale, delle Autorità provinciali di Pubblica Sicurezza, per contrastare in maniera strutturata questo fenomeno criminale.

L’iniziativa, organizzata e coordinata a livello nazionale, dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, è stata svolta, contestualmente, in Italia e in altri 11 Paesi dell’Unione Europea (Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germani, Grecia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Regno Unito).
L’attività operativa è un chiaro monito per i criminali dediti al furto di metallo, in particolare del rame, e per alcuni operatori del settore che si imbattono, talvolta incautamente, in acquisti di metalli di dubbia provenienza.

L’operazione è stata proposta dall’Italia nell’ambito della Piattaforma multidisciplinare europea contro le minacce criminali e ha visto il coinvolgimento dell’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione nell’attività di contrasto (Europol) e dell’Agenzia dell’Unione europea per la formazione delle autorità di contrasto (Cepol).

Le Forze dell’Ordine hanno effettuato controlli su tutto il territorio nazionale presso i commercianti di rottami, nei cantieri, lungo le strade di frontiera e le linee ferroviarie. Sono stati controllati anche numerosi soggetti sospettati di ricettazione.
Durante l’action day sono stati effettuati dalle Forze di Polizia controlli incrociati in tempo reale con le banche dati Europol. Il riscontro investigativo rileva che il metallo rubato è spesso trasportato attraverso diversi confini e venduto come rottame, lontano dalla scena del crimine.
In Italia hanno preso parte 10.427 operatori (suddivisi i 5.200 pattuglie) della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Dai risultati, ancora parziali, emerge che sono state controllate più di 25.000 persone e circa 2.000 aziende per lo più operanti nel settore del riciclo dei metalli. Sono stati effettuati, inoltre, rilevanti sequestri di rame e di altri metalli (alluminio, ottone, ferro/acciaio, ecc.) di illecita provenienza e di veicoli utilizzati per trasportare il materiale.

Inoltre, circa 100 funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno eseguito, presso diversi uffici doganali portuali e terrestri, 30 controlli sulle spedizioni internazionali che hanno interessato oltre 1.050.000 kg tra rottami e caserme di rame, ferro, acciaio, ottone e zinco.

A livello provinciale, l'operazione è stata pianificata nell’ambito di una riunione di Coordinamento Interforze, presieduta dal Prefetto Antonio Lucio Garufi, cui è seguito un tavolo tecnico coordinato dal Questore per l’organizzazione dettagliata della fase esecutiva dell’iniziativa.
Complessivamente sono state oggetto di controllo, oltre a 139 persone e 144 veicoli, l’area portuale, i commercianti/riciclatori di metalli e i rottamatori, nonché i cosiddetti “hot spot” (punti caldi, aree dove il fenomeno è maggiormente significativo) e i luoghi ove più facilmente potrebbe essere occultato, trasportato o depositato il metallo provento di furto.

All’operazione hanno preso parte aliquote di personale della Polizia di Stato, comprese le specialità, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia municipale e dell’Ufficio delle Dogane. A livello nazionale il fenomeno è monitorato dall’Osservatorio nazionale furti di rame del Ministero degli Interni.

(immagine di archivio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News