Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Marzo - ore 23.02

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tangenti per autorizzare le giostre. Maxi inchiesta travolge anche lo Spezzino

Le indagini sono partite dalla Procura di Vercelli un anno fa. In provincia accertamenti per sei realtà di spettacolo viaggiante.

trentasei indagati
Tangenti per autorizzare le giostre. Maxi inchiesta travolge anche lo Spezzino

La Spezia - Mazzette per ottenere l'autorizzazione di luna park con attrazioni pericolose. Sono coinvolte anche due attività spezzine di “spettacolo viaggiante” nella maxi inchiesta partita dalla Procura di Vercelli culminata con 36 indagati, 7 misure restrittive, una delle quali 1 in carcere, eseguite nella mattinata appena trascorsa, in una vasta operazione che ha visto impiegati oltre 70 Carabinieri, nella quale sono stati eseguiti 29 decreti di perquisizione. In queste ore i militari dovranno procedere ai sequestri delle singole giostre.
Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e peculato. Nel corso delle indagini sono inoltre emerse singole fattispecie riconducibili a reati diversi, quali traffico di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, furto aggravato, spendita di banconote false.

L’indagine prende avvio nel marzo 2018. Antefatto dell’inchiesta è l'incidente di una tredicenne che a Legnano, nel novembre 2017, a seguito del malfunzionamento di una giostra, è caduta, procurandosi delle lesioni. Sono proprio gli accertamenti avviati dalla Asl ì in seguito a questa disgrazia, che fanno emergere uno scenario inquietante.
È il sindaco del Comune di Borgo d’Ale, estraneo ai fatti, il primo a notare alcune gravi anomalie rispetto alle procedure, previste dalla legge, per il rilascio delle autorizzazioni/certificazioni di esercizio. Una situazione che viene immediatamente condivisa con il comandante della stazione carabinieri competente, facendo scattare le articolate indagini condotte dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vercelli, supportato in loco dai Carabinieri della Stazione di Cigliano, gli unici a potersi muovere sul posto senza attirare particolare attenzione.
Le attività dei militari, coordinate dalla Procura di Vercelli, nella persona del Sostituto Procuratore Dott. Davide Pretti, hanno consentito di formulare specifiche contestazioni, in base alle quali, tra il 2016 ed il 2018, il comandante della Polizia locale del Comune del vercellese, dietro esborso di illeciti compensi, avrebbe rilasciato oltre 1.000 codici identificativi a vantaggio di giostre per spettacoli itineranti, senza che venissero effettuate le prescritte verifiche, in particolare quelle di competenza della Commissione comunale/provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, che dovrebbe (verificata la documentazione dell’attrazione) procedere al “controllo di regolare funzionamento nelle ordinarie condizioni di esercizio”. In base agli accertamenti svolti, nessuna commissione risulta essere mai stata convocata e, men che meno, risulta effettuato l’accertamento sulle condizioni di funzionamento. L’attività risulterebbe essere stata sollecitata da intermediari, per lo più professionisti dell'area tecnica, anch’essi indagati, che, a loro volta in contatto con i proprietari delle attrazioni, avrebbero indirizzato le richieste, provenienti da ogni parte d’Italia (e formulate proprio in base alla facoltà offerta dalla normativa di poter individuare liberamente il luogo e conseguentemente l’amministrazione comunale ove sottoporre a controllo e registrazione le giostre) verso il Comune di Borgo d’Ale, curando, in taluni casi, la firma di atti e certificazioni, necessarie per produrre la documentazione prevista dalla legge (in particolare manuale di uso e manutenzione, libretto di attività, nonché certificazioni delle verifiche annuali), in assenza di qualsiasi verifica effettiva.

Nel corso delle indagini, al fine di interdire l’utilizzo delle strutture potenzialmente pericolose per l’incolumità pubblica, in assoluto accordo con i Carabinieri, il Sindaco di Borgo d’Ale ha emesso, in regime autotutela, provvedimenti di annullamento delle concessioni rilasciate illecitamente nel tempo.
“Tuttavia - si legge in una nota della Procura di Vercelli - , diversamente da quanto sperato, il provvedimento inibitorio, dopo un primo momento di confusione, ha indotto gli indagati a riorganizzarsi, cercando in nuovi comuni l’opportunità di clonare il medesimo modello organizzativo illecito. In particolare, in base ai riscontri acquisiti, due sarebbero i comuni, uno in Piemonte ed uno in Abruzzo, presso i quali, con modalità ancora in via di accertamento, sarebbero state rilasciate nuove certificazioni prive delle necessarie verifiche”.
“La necessità di interdire in modo efficace e definitivo l’uso di attrezzature, potenzialmente pericolose - prosegue la nota - , ha reso necessario un provvedimento di sequestro, in corso di esecuzione, disposto dall’Autorità Giudiziaria vercellese a carico di 1.095 divertimenti e spettacoli viaggianti nei confronti di quasi 700 persone/società proprietarie, presenti in 88 province. Sono state disposte dal GIP del Tribunale di Vercelli, su richiesta della locale Procura della Repubblica ed in piena concordanza con le risultanze investigative fornite dai militari dell’Arma, 7 misure restrittive (delle quali 1 in carcere), eseguite nella mattinata appena trascorsa, in una vasta operazione che ha visto impiegati oltre 70 Carabinieri (oltre a quelli che dovranno procedere ai sequestri delle singole giostre), nella quale sono stati eseguiti 29 decreti di perquisizione (ed eventuale sequestro di materiale ritenuto valido ai fini probatori) in questa Provincia ed in quelle di Roma, Latina, Pescara, Brescia, Varese, Modena, Potenza, Foggia, Lecce, Pavia, Torino, Milano, Rovigo, Ravenna e Novara, con il supporto dell’Arma competente per quei territori. Sono complessivamente indagate, allo stato, 36 persone. L’inchiesta, anche in ragione degli accertamenti ed approfondimenti in corso, potrebbe, con ogni probabilità, allargarsi e vedere coinvolti nuovi soggetti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News