Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Novembre - ore 21.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sofisticate truffe on-line: ecco come entrano nell'“home banking" di un professionista e cambiano l'iban

La denuncia di un imprenditore, le indagini della Polizia per arrivare alla soluzione: dietro quelle anomalie c'erano due giovanissime hacker che avevano inserito i numeri dei loro conti correnti.

SMASCHERATE le AUTRICI
Sofisticate truffe on-line: ecco come entrano nell'“home banking" di un professionista e cambiano l'iban

La Spezia - Era maggio quando l’amministratore delegato di una società di commercio all’ingrosso di prodotti farmaceutici e dispositivi medici si era presentato agli uffici della Questura spezzina lamentando la distrazione di una cospicua somma di denaro, in danno della sua società. Dopo aver effettuato un bonifico di circa 50mila euro in favore di un ditta di Padova, veniva infatti contattato dalla banca depositaria del conto corrente della società, la quale lo informava di come, inspiegabilmente, il bonifico fosse stato inviato ad un ‘iban’ diverso da quello indicato all’atto dell’accredito. Vista l’irregolarità dell’operazione, pertanto, l’istituto di credito in questione aveva deciso di bloccare la transazione.

L’amministratore, conseguentemente, faceva verificare l’integrità dei sistemi informatici della società. Gli stessi risultavano, tuttavia, privi di virus/malware o altro che avesse potuto creare le condizioni per consentire la distrazione della suddetta somma di denaro. Dopo circa un mese, a seguito di un altro bonifico di circa 30mila euro, lo stesso
amministratore rilevava come, per la seconda volta, il denaro veniva inspiegabilmente destinato ad un iban diverso da quello digitato durante l’operazione online.

Veniva indirizzato, infatti, ad una persona sconosciuta e con la quale la società non aveva mai intrattenuto alcun rapporto commerciale. Le indagini, condotte dagli operatori dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico
sotto la direzione del Dirigente, Comm. Capo Dr. Mulas, hanno permesso di individuare le intestatarie dei due iban indebitamente destinatari degli accrediti in questione. Si è accertato in particolare che, l’indebita destinataria del secondo bonifico, peraltro non ancora rimborsato, aveva aperto tale conto corrente da pochi mesi e dall’analisi dello
stesso è chiaramente emersa la transazione in questione.

La quasi totalità dell’importo, inoltre, circa 27mila euro, era stato già inviato, sotto forma di pagamento, ad una società di cripto-valuta con sede nel Regno Unito, così come anche la somma restante, la quale veniva girata, sempre alla stessa società inglese, attraverso un secondo pagamento. Dagli accertamenti effettuati è pertanto emersa un’azione criminale decisamente più sofisticata rispetto alle ben note truffe in danno di società commerciali che movimentano cospicue somme di denaro, ove i malviventi generalmente agiscono dopo aver acquisito illecitamente i dati sensibili delle vittime, traendoli dalle mail delle società prese di mira.

In questo caso, infatti, attraverso una complessa attività che richiede buone conoscenze informatiche, i responsabili hanno acceduto indebitamente alla rete della persona offesa, riuscendo ad intercettare il momento in cui il relativo browser si connetteva ad operazioni di “home banking”, per sostituire il beneficiario della somma. Le intestatarie dei codici iban, una cittadina moldava di 19 anni ed una cittadina italiana di 28 anni, pluripregiudicata per reati contro il patrimonio, sono state denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per “accesso abusivo a sistema informatico” e “truffa”. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi in merito alla vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News