Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 13.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Se n'è andato Giorgio Filippi ex direttore del Canale Lunense

Domani il funerale a Sarzana. Il ricordo di Massimo Caleo ed Egidio Banti.

Se n´è andato Giorgio Filippi ex direttore del Canale Lunense

La Spezia - Si svolgeranno domani, sabato 5 agosto alle ore 10.00 presso la Cattedrale di Santa Maria a Sarzana i funerali di Giorgio Filippi, ex direttore del Consorzio Canale Lunense mancato all'età di 82 anni. La salma giungerà dall'Ospedale San Bartolomeo e poi proseguirà per la tumulazione presso il cimitero di Sarzanello. Funzionario della Provincia della Spezia e poi a lungo direttore del Canale Lunense, svolse a Sarzana un'intensa attività politica, come segretario della sezione locale della Democrazia cristiana per oltre venticinque anni, dal 1960 al 1987. Nello stesso periodo, fu consigliere comunale e capogruppo consiliare, sempre eletto con moltissime preferenze. Svolse inoltre ruoli dirigenziali di partito a livello provinciale e regionale, per la componente che faceva capo al ministro Colombo. Era tuttora, come da parecchi anni a questa parte, componente del consiglio di indirizzo della Fondazione Carispezia.
“Giorgio Filippi era un caro amico – lo ricorda oggi il senatore Massimo Caleo - una persona che mi è stata sempre vicina. Quando ero giovane laureato in scienze agrarie e lui era direttore del Canale Lunense, ricordo che mi portava ai congressi in cui si parlava di agricoltura e bonifiche. Pur sapendo che io la pensavo diversamente, lui aveva il piacere di farmi conoscere nuove realtà e nuove persone. Per Giorgio ho sempre avuto stima anche dal punto di vista politico. Era un uomo del cattolicesimo democratico, aveva relazioni importanti con i ceti più popolari, era molto legato al mondo dell’agricoltura e dei contadini. Poi l’ho avuto vicino, come grande amico, quando ho fatto il sindaco di Sarzana: mi dispensava idee e consigli, le sue intuizioni e visioni della città erano sempre attente e moderne. Con la sua scomparsa – aggiunge - mi mancherà l’esponente politico, ma soprattutto mi mancherà l’amico e compagno di tante giornate e serate felici. Faccio le mie più sincere condoglianze alla famiglia per il grave lutto”.

Molto sentito anche il ricordo di Edigio Banti: “Giorgio Filippi ha impersonato per molti anni, a Sarzana, il senso stesso dell'impegno politico della Democrazia cristiana. Divenuto segretario negli anni di avvio del primo "centrosinistra", quello di Fanfani e di Moro, doveva fronteggiare all'interno del partito sia gli "anziani" della generazione politica precedente, sia lo scalpitio dei giovani legati alle componenti di sinistra. Nondimeno mantenne salda la guida del partito, rappresentando un punto di riferimento per tutto l'elettorato moderato di una città storicamente "di sinistra". In consiglio comunale la sua era una opposizione non ideologica, in grado farlo apprezzare da tutti. Anche per motivi professionali, era "specializzato" sui temi del territorio e della sua difesa, che affrontava spesso con competenza nelle lunghe discussioni consiliari sui due piani regolatori della Sarzana di allora, il piano Roisecco e poi il piano De Carlo. Come dirigente del Canale Lunense, difese sempre il ruolo di questo organismo nel difficile passaggio alla competenze regionali, negli anni Settanta. In precedenza, come collaboratore dell'ufficio studi della Provincia aveva collaborato alla preparazione del cosiddetto piano ILRES, uno dei documenti più importanti, quando purtroppo inascoltati, per "governare" lo sviluppo economico della Val di Magra negli anni di passaggio tra il boom economico e la crisi di fine secolo. Il suo impegno per il territorio lo ha poi manifestato ancora negli anni trascorsi alla Fondazione, adoperandosi per molte iniziative in favore del volontariato sociale e per la promozione culturale del territorio. Il suo impegno merita di essere ricordato proprio per la stretta interconnessione, sempre manifestata sino alla fine della sua vita, tra un impegno politico che aveva considerato quasi una "vocazione", e quello sociale, al servizio della sua città e dell'intera provincia. Alla moglie Rosi condoglianze sincere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure