Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 23.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rumori assordanti e continui dal deposito. Residenti disperati | Video

Dallo scorso anno, con una escalation ormai insostenibile, i residenti di Gaggiola e di una fetta del Quartiere Umbertino vivono un disagio acustico pesante, che in estate impedisce di dormire. E non si tratta dei soliti rumori di manovra.

Rumori assordanti e continui dal deposito. Residenti disperati

La Spezia - Notti intere facendo fatica a chiudere occhio, arrivando così al lavoro già stremati. E questa volta la movida non c'entra niente. Il problema si verifica infatti a danno dei residenti delle abitazioni che si trovano nei pressi del deposito dei treni compreso tra Gaggiola e la parte finale di Corso Cavour, Via Bezzeca e Via San Fermo.
Il fatto è che dai convogli si alza costantemente, giorno e notte, un rumore continuo, a tratti assordante (vedi il video sottostante).
"Non ne possiamo più. Abbiamo trascorso troppe notti senza dormire, sono ormai vicina all'esaurimento nervoso", racconta a CDS una residente della zona.

Il problema si è manifestato per la prima volta lo scorso anno, soprattutto durante la stagione estiva. Prima dal deposito adiacente alla stazione centrale provenivano i soliti rumori: frenate, accensione di motori, locomotori in manovra.
"Non ci lamentiamo di quel genere di rumori, siamo vicini alla linea ferroviaria e questo è da mettere in conto. Il problema sono i generatori e i compressori costantemente in funzione, cosa che prima non avveniva. Tutto è iniziato un anno fa, ma quest'estate è stato raggiunto il culmine", aggiunge.
Il disagio si è manifestato anche in altre zone d'Italia, sempre a partire dallo scorso anno. Altrove la spiegazione che viene fornita da Trenitalia è la necessità di mantenere in funzioni gli impianti di condizionamento dell'aria, per avere i convogli pronti al momento dell'entrata in funzione. E c'è chi lascia intendere che la questione sia emersa negli ultimi tempi a causa della decisione dell'azienda di ritardare l'ingresso in servizio dei macchinisti, risparmiando così almeno una parte del costo dello straordinario notturno. Vedremo nei prossimi giorni quale sarà la risposta di Trenitalia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

09/09/2017 - Rumori provenienti dal deposito ferroviario, gli abitanti non ne possono più


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News