Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Giugno - ore 10.57

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Residuato bellico impigliato in una rete da pesca, intervento d'urgenza per il Comsubin

Residuato bellico impigliato in una rete da pesca, intervento d´urgenza per il Comsubin

La Spezia - I Palombari del Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Ancona hanno concluso oggi le operazioni di rimozione e neutralizzazione di un ordigno esplosivo residuato bellico issato a bordo dal M/P Zamo durante una normale battuta di pesca.
Nella notte del 6 giugno lo Zamo ha rinvenuto tra le reti un manufatto riconducibile ad un probabile ordigno esplosivo. Per questioni di sicurezza, il peschereccio è stato fatto ormeggiare nell’avamporto di Ravenna in una banchina del Terminal Crociere di Porto Corsini, area che è stata poi sottoposta ad interdizione da parte della Capitaneria di Porto.
L’Ufficio Territoriale del Governo di Ravenna ha richiesto quindi l’intervento urgente degli artificieri del Gruppo Operativo Subacquei di Comsubin che, nella mattina del 7 giugno, hanno raggiunto l’imbarcazione. Le operazioni condotte dai palombari della Marina hanno permesso di riconoscere l’ordigno come una bomba d’aereo americana da 500 libbre della seconda guerra mondiale e di trasportarla in un area di sicurezza individuata dalla locale Autorità Marittima, al fine di rendere nuovamente fruibile l’avamporto di Ravenna e svincolare il peschereccio.
Quest’oggi sono state portate a termine le procedure operative per il brillamento della bomba d’aereo, che contemplano gli accorgimenti per ridurre al massimo il derivante impatto ambientale, attraverso il posizionamento di una controcarica di circostanza applicata dai Palombari durante una delicata immersione.
Quest'operazione, come molte altre attività condotte dal personale del Gruppo Operativo Subacquei, si inserisce nell'ambito delle capacità che la Marina Militare mette al servizio della collettività, della salvaguardia del mare e delle acque interne al Paese garantendo inoltre, specialmente in località turistiche, la giusta cornice di sicurezza che consente alla popolazione di vivere in tutta serenità i momenti di vacanza. E’ da sottolineare che in tutta Italia soltanto nel 2016 sono stati individuati e distrutti 12.400 ordigni, mentre sono già oltre 2.500 quelli rimossi a partire dal 1° gennaio 2017, numeri che non tengono in considerazione gli oltre 4.000 proiettili di calibro inferiore ai 40 mm che sono stati rimossi dai nostri mari, laghi e fiumi in questi primi sei mesi dell’anno.

(foto: repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure