Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Febbraio - ore 09.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rapina con la siringa e aggressioni alle forze dell'ordine, sei avvisi orali

Si tratta di un ulteriore provvedimento, rispetto alle denunce e agli arresti, per chi non rispetta le leggi e ha già avuto problemi con la giustizia.

CHE COSA SONO?
Rapina con la siringa e aggressioni alle forze dell'ordine, sei avvisi orali

La Spezia - Sei avvisi orali in meno di dieci giorni. Stretta della Polizia di Stato e del questore. Ad essere colpiti dal provvedimento sono tre italiani e altrettanti stranieri.
Ha minacciato un automobilista armato di siringa, ma la Polizia lo ha acchiappato subito. Per questo uno spezzino di 27 anni, già noto per reati previsti dal Testo Unico sulla disciplina delle sostanze stupefacenti è stato colpito dall'avviso orale. Il provvedimento è stato emesso su segnalazione della Compagnia dei carabinieri di Viareggio sul presupposto della sua pericolosità sociale derivante dall’essere stato indagato, in stato di arresto, nel predetto comune per rapina aggravata.

Stessa sorte per un nigeriano 31enne, già noto per reati riguardati le sostanze stupefacenti. Nello specifico l'uomo si è preso un avviso orale dal questore perchè durante un controllo di polizia ha minacciato e usato violenza contro gli agenti della Volante. Per questo episodio era già stato denunciato a piede libero.
A questi episodi di aggiungono anche quelli relativi ad altre quattro persone tra le quali un marocchino di 22 anni, già noto per questioni di droga per la violazione del codice della strada. La Polizia di Stato lo ha individuato a seguito di un'attività tesa a contrastare i fenomeni di microcriminalità, posta in essere anche con l’impiego di personale del Reparto Crimine Liguria.
Il 22enne alla vista degli Agenti e, nella convinzione di non essere notato, lasciava cadere a terra due involucri e si allontanava dalla zona. I poliziotti recuperavano gli involucri all’interno dei quali veniva rinvenuta della sostanza stupefacente. L'uomo, rintracciato, veniva accompagnato in questura e denunciato, in stato di libertà, per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti.

Un 57enne italiano, già noto per reati contro il patrimonio e per violazone del testo unico sulla disciplina delle sostanze stupefacenti, a seguito di un'indagine dell'Arma ha scovato dello stupefacente, materiale per il suo confezionamento in dosi per lo spaccio nonché veniva identificato, sempre all’interno della sua abitazione, un cittadino extracomunitario illegalmente presente sul territorio nazionale pertanto scaturiva, a suo carico altra segnalazione all’Autorità Giudiziaria. Al termine della vicenda è arrivato l'avviso orale del questore.

Stessa sorte per un altro italiano di 43 anni. Quest'ultimo era noto per reati contro la persona e l'epilogo, con l'avviso orale, è arrivato dopo una furiosa litigata in un bar della provincia dove per futili motivi, estraeva e poggiava sul bancone una pistola, successivamente rinvenuta nella sua abitazione munita di tappo rosso e riproducente in giocattolo, una Beretta modello 92. I militari della Stazione al termine di attività d’indagine riuscivano ad identificare il soggetto, rintracciarlo presso la propria abitazione ove, a seguito di perquisizione, veniva rinvenuta l'arma giocattolo procedevano quindi ad indagarlo per minaccia aggravata.

L'ultimo avviso orale è stato emesso a carico di un tunisino di 35 anni, già noto per reati contro il patrimonio e la persona. Nello specifico il provvedimento è stato emesso su segnalazione della locale Compagnia Carabinieri che arrestavano il 35enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A casa dell'uomo veniva rinvenuta sostanza stupefacente e materiale necessario al suo confezionamento per lo spaccio. Al termine delle attività, il 35enne provava a darsi alla fuga per sottrarsi all’arresto e per guadagnarsi la fuga non esitava ad ingaggiava una colluttazione con i militari operanti.

Cos'è l'avviso orale in breve. L’avviso orale è un provvedimento amministrativo emesso ai sensi del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia), a carico di persone che: debbano ritenersi, sulla base di elementi di fatto, abitualmente dediti a traffici illeciti e coloro che per la condotta e tenore di vita debba ritenersi, sulla base di elementi di fatto, che vivano abitualmente, anche in parte, con i proventi dell’attività delittuose; che per la condotta e tenore di vita debba ritenersi, sulla base di elementi di fatto, che viva abitualmente anche in parte con i proventi dell’attività delittuose; tra coloro che per la condotta e tenore di vita debba ritenersi, sulla base di elementi di fatto siano dediti alla commissione di reati che offendono o mettono in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News