Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Maggio - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Poliziotto aggredito in carcere, lo salvano l'infermiera e i detenuti

Un addetto alla vigilanza è stato vittima di un tentativo di strangolamento da parte di un carcerato ristretto nella terza sezione. I sindacati insorgono: "Atto gravissimo, non si può andare avanti con questa carenza di personale. Pronti a protesta".

Poliziotto aggredito in carcere, lo salvano l´infermiera e i detenuti

La Spezia - La fortuna ha voluto che l’infermiera addetta alla somministrazione della terapia abbia visto tutto e sia riuscita a dare l’allarme, attirando l'attenzione degli altri detenuti, che sono intervenuti per liberare il poliziotto dalle grinfie di un carcerato che stava cercando di strangolarlo.
"Una gravissima aggressione quella subita da un agente di Polizia penitenziaria in servizio al Villa Andreino", commentano i segretari regionali dei sindacati Uil Polizia penitenziaria, Sinappe e Uspp, rispettivamente Fabio Pagani, Franco Dipalma e Aurelio Musso.
A gettare nel caos la casa circondariale spezzina, intorno alle 15 di oggi, è stata un detenuto sudamericano, ristretto presso la terza sezione del secondo piano, che ha aggredito prendendo di sorpresa alle spalle l’agente di Polizia penitenziaria addetto alla vigilanza del piano detentivo.
"L’ha preso per il collo tentando di strangolare il malcapitato agente", è la ricostruzione dei sindacalisti, che raccontano come dopo il grido di allarme dell'infermiera "prima i detenuti, una quarantina circa, hanno liberato dalla morsa il poliziotto, che è riuscito così ad aprire il cancello, permettendo l’intervento del personale di Polizia penitenziaria, ripristinando così l’ordine e la sicurezza interna al reparto".
Il poliziotto, soccorso dal personale sanitario è stato trasferito d'urgenza al Pronto soccorso.

"Quanto accaduto - aggiungono i sindacalisti - è gravissimo. Soprattutto l’amministrazione non può adesso sottrarsi alle proprie responsabilità. La direzione totalmente assente lascia il personale di Polizia penitenziaria in balia delle onde, del pericolo. In queste condizioni, con 232 detenuti presenti (per una capienza regolare di 150 carcerati) e una carenza di circa 50 poliziotti, non si può andare a lavorare. Non si può vivere con la certezza del pericolo, rischiando la vita in un semplice turno di servizio. C'è troppa leggerezza della direzione nei confronti dei detenuti violenti e la sua azione disciplinare è carente e mette in serio rischio sia la sicurezza dell’istituto che la vita dei poliziotti. Se non ci saranno interventi seri daremo vita a forti azione di proteste, anche con l'autoconsegna".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure