Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Settembre - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Patenti false come se piovessero sull'asse Napoli-Spezia

Lavoravano grazie al passa-parola ed erano in grado di fornire riproduzioni delle patenti di guida italiane molto fedeli alle originali al costo di duemila euro l'una. Ma combinavano anche matrimoni tra uomini extracomunitari e donne italiane...

16 PERSONE DENUNCIATE
Patenti false come se piovessero sull'asse Napoli-Spezia

La Spezia - Cittadini italiani ed extracomunitari finiscono nella rete dei finanzieri spezzini che, al termine di una complessa indagine condotta in collaborazione con agenti della locale Polizia Municipale, hanno sono riusciti a far emergere un’associazione a delinquere dislocata tra il Golfo dei Poeti e Napoli, dedita alla realizzazione di documenti falsi, in particolare patenti di guida, e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina sul territorio spezzino. Le attività investigative, coordinate dal Procuratore della Repubblica di Spezia Antonio Patrono sono state svolte anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche, che hanno permesso di individuare complessivamente sedici soggetti, tra cui quattro italiani, otto di origine dominicana, due di nazionalità egiziana, oltre ad un romeno e un moldavo: si dedicavano sistematicamente alla produzione e commercializzazione di documenti contraffatti.

I falsari si facevano pubblicità mediante il passa-parola ed erano in grado di fornire riproduzioni delle patenti di guida italiane molto fedeli alle originali. Il fenomeno è emerso durante alcuni controlli su strada della Polizia Municipale spezzina, durante i quali gli agenti si sono insospettiti ed hanno proceduto al sequestro di alcune patenti di guida utilizzate da soggetti di origine dominicana residenti proprio nella nostra città. L’esame delle patenti, rivelatesi false, lasciava ipotizzare che dietro alla loro realizzazione ci fosse un’unica regia. Nella prosecuzione delle indagini il coinvolgimento della Guardia di Finanza ha consentito di individuare un centro di produzione, ubicato presso alcune private abitazioni a Napoli. Le patenti venivano poi smistate verso utilizzatori nel Nord Italia, alla Spezia, Parma e Cremona, che per l’acquisizione della patente falsa pagavano all’organizzazione somme di denaro intorno ai 2.000 euro, mediante l’accredito di carte prepagate intestate a prestanome.

Le indagini finanziarie della Guardia di Finanza su queste carte ricaricabili hanno consentito di risalire ai reali beneficiari e quindi ai componenti dell’organizzazione delinquenziale, nonché di ricostruire un giro di affari per decine di migliaia di euro. Nel corso delle indagini è emerso anche che la medesima organizzazione si proponeva per
organizzare matrimoni “combinati” tra uomini extracomunitari e donne italiane, al solo fine di procurare titoli a permanere sul territorio dello Stato, dietro il pagamento di una somma di circa 7.000 euro, di cui 4.000 sarebbero stati destinati alla “sposa” e 3.000 sarebbero stati spartiti tra gli intermediari e i “testimoni” di nozze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Guardia di Finanza


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News