Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Marzo - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Palio, i Nas denunciano i tre vogatori del Cadimare

Erano stati controllati subito dopo aver tagliato il traguardo alla Morin: rischiano tre anni di carcere e 51mila euro di multa. Anche la Procura Nazionale Antidoping chiede squalifiche fino a 8 anni.

Positivi ai controlli antidoping
Palio, i Nas denunciano i tre vogatori del Cadimare

La Spezia - I Carabinieri del Nucleo anti sofisticazioni di Genova, a conclusione di una serie di accertamenti, hanno deferito oggi alla Procura della Repubblica della Spezia, per utilizzo o somministrazione di farmaci o altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche (art. 586 bis del codice penale) i vogatori Giuseppe Liberatore, Daniele Zampieri e Riccardo Giacomazzi, tutti a bordo dell'armo del Cadimare nella scorsa edizione del Palio.

Lo scorso agosto, a conclusione del 93° Palio del Golfo, alcuni vogatori furono sottoposti a controlli antidoping ad opera di militari del Nas e di personale medico della Nado, la struttura antidoping del Coni, tramite controllo delle urine (leggi qui). L’esito delle analisi e delle successive controanalisi sui campioni prelevati ai tre ha fornito oggettivo riscontro alla presenza di una sostanza vietata, il clembuterolo, un broncodilatatore che provoca un aumento della capacità aerobica, una stimolazione del sistema nervoso centrale, nonché un incremento della pressione sanguigna e del trasporto di ossigeno ed è pertanto inserito nella lista delle sostanze proibite dalla legge 376 del 2000 sulla tutela della attività sportive e sul divieto di doping.
I controlli, richiesti dalla Nado, furono effettuati al termine della gara, prima che gli atleti potessero compromettere la genuinità del risultato dei test, per scongiurare il rischio di invalidazione e nel pieno rispetto delle procedure utilizzate, a livello sia nazionale che internazionale, nel corso di qualsiasi attività sportiva.
I tre vogatori rischiano ora una condanna sino a tre anni di reclusione e 51.645 euro di multa.

I risultati delle analisi, inoltre, hanno indotto la Procura Nazionale Antidoping e richiedere squalifiche che vanno da un minimo di quattro ad un massimo di otto anni per i tre atleti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News