Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Agosto - ore 22.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Non vogliono lasciare l'Italia, fanno causa e la perdono

Non vogliono lasciare l'Italia, fanno causa e la perdono

La Spezia - La Corte di Appello di Genova e la Cassazione hanno respinto i ricorsi di due cittadini stranieri che volevano rimanere a tutti i costi in Italia. I due sono stati condannati anche al pagamento delle spese processuali, più di cinquemila euro. I due uomini si erano avvicendati nei ricorsi contro i provvedimenti del Questore della Spezia che si era espresso negativamente sul diritto al soggiorno nel Territorio dello Stato.

Nella causa proposta da uno dei due la Corte di Appello di Genova con la sentenza nr.98/18 del 22.1.2018 si è espressa ritenendo che: “Alla luce di tali considerazioni i provvedimenti del Questore della Spezia impugnati sono risultati del tutto in linea con i precedenti giurisprudenziali in quanto deve escludersi che il permesso di soggiorno per motivi familiari, possa esser concesso qualora il richiedente abbia subito recenti condanne in sede penale per gravi reati che inducano a ritenere la sua attuale pericolosità sociale, valutata anche la sua situazione di disoccupazione e la sua situazione familiare. Invero, nelle fattispecie che occupa il diniego dell’Autorità amministrativa del rilascio del titolo di soggiorno è giustificato e motivato dalla gravità dei reati commessi dall’appellante, evidenziata soprattutto dalle modalità di commissione, nonché dal fatto che lo straniero non ha dimostrato di svolgere attività lavorativa ed il suo nucleo familiare ha un reddito insufficiente a mantenere anche lui”.

Su analoga fattispecie, favorevole sentenza della Corte di Appello di Genova nr.225/2018 dell’08.02.2018 ha accolto l’appello proposto nell’interesse dell’Amministrazione nella causa Mahfoudhi c. Ministero dell’Interno per il rifiuto del rilascio della carta congiunti UE da parte del Questore della Spezia. Nella decisione si legge che, in presenza di pericolosità sociale la cui valutazione “compete al Questore, sia in sede di rilascio, che di rinnovo […] il divieto di espulsione di cui all’art.19, comma IUI – lett. c) del D. Lgs. nr.286/98, costituisce condizione necessaria per il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di coesione familiare ….secondo un giudizio che il giudice di merito deve effettuare in concreto, senza ricorrere ad automatismi sulla base dei precedenti penali ma valutando, ad esempio… la rilevanza dei reati accertati, l’eventuale condizione di disoccupazione, il comportamento tenuto…”.

Da ultimo con sentenza nr. 1670/18 del 5.3.2018 la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto nell’interesse di un cittadino tunisino, senza fissa dimora e dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti contro l’accompagnamento coatto alla frontiera emesso dal Questore della Spezia nei confronti, condannando il legale al pagamento di 2.500 euro di spese processuali

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News