Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Agosto - ore 10.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Musica alta e liti domestiche, ecco le chiamate più frequenti all'Arma

Cosa fa infuriare gli spezzini? I rumori molesti, il coniuge e i lavori in casa fuori programma. La classifica.

Musica alta e liti domestiche, ecco le chiamate più frequenti all´Arma

La Spezia - "Bisogna chiamare i carabbinieri" diceva Anna Marchesini nella trasposizione, comica, dei promessi sposi ormai trent'anni fa. Messo da parte il sorriso nel ricordare la scena rimane però impressa nella mente la necessità di chiamare l'Arma per risolvere un sacco di problemi... soprattutto nei condomini. Già perché con l'arrivo dell'estate, le finestre aperte, moglie e marito che passano più tempo assieme per via delle ferie, capita spesso che un litigio o una serie di rumori facciano scatenare lamentele che sfociano in liti. E alla Spezia, per i carabinieri, quota dieci interventi è già stata superata da un pezzo.
Che gli spezzini, e gli italiani in generale, siano molto litigiosi non è una novità. Ad esempio in una relazione del Censis di qualche anno fa si leggeva che i vicini sono, ”visti come i primi nemici da attaccare e da cui difendersi, tanto che le aule dei tribunali sono intasate dalle controversie civili e penali tra condomini”. Negli anni sono aumentate le figure dei mediatori. L'estate in questo frangente da un "aiutino", i carabinieri ne sanno qualcosa. Ad infastidire maggiormente gli spezzini che poi si ritrovano ad urlarsi in faccia e, nel peggiore dei casi, a minacciarsi, sono la musica alta e i lavori condotti ad orari non consoni. Se si dovesse dunque stilare un'ideale classifica delle motivazioni che spingono a chiamare gli uomini in divisa, sicuramente al primo posto trovereste i rumori molesti.

Cosa innervosisce di più gli spezzini? La classifica. E se i più maliziosi pensano ad un irrefrenabile e chiassoso coito hanno già sbagliato, perché per rumori molesti i condomini si litigano per la televisione e la musica troppo alte. A seguire, quindi al secondo gradino del podio, ci sono le liti tra moglie e marito. Vuoi per le incomprensioni, oppure per l'aumento delle ore passate insieme a causa delle ferie e, perché no, il caldo, moglie e marito litigano, alzano la voce e se i toni sono troppo alti viene richiesto l'ausilio dei militari. Al terzo posto ci sono i lavori in casa, c'è chi approfitta delle ferie e dell'estate per spostare i mobili ma magari questa decisione non si concilia con le esigenze altrui fa scatenare un putiferio. Al quarto e al quinto posto della classifica: il continuo via vai per le scale e quelle che si reputano delle "facce strane" per le scale.
Al di là dell'ironia, su nessun gradino della classifica bisogna minimizzare, perché le truffe porta a porta non fanno ridere e spesso la segnalazione di una faccia sospetta mette sulla pista giusta le forze dell'ordine che riescono ad acciuffare i malintenzionati. Sulle altre vicende, il ruolo immediato del mediatore in divisa permette che la situazione non degeneri. La Spezia non è una città violenta e l'interfacciarsi con una figura super partes, come quella del carabinieri, riporta la situazione alla calma anche con le scuse di chi ha chiamato che, spesso, si rende conto di aver avuto una reazione esagerata dettata principalmente dallo stress.
Se vi state chiedendo quali sono le zone più "litigiose", senza sorprese, si può ammettere che in città è tutto più chiassoso. Non ci sono quartieri più litigiosi di altri, infatti le segnalazioni ai carabinieri sono distribuite equamente, qualche lamentela arriva in centro a ridosso dei locali ma raramente ne viene trovato qualcuno che non rispetta le regole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure