Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 05 Dicembre - ore 21.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

In Cina etichettato come Sassicaia e Brunello, ma era comune vino rosso

nas in azione
In Cina etichettato come Sassicaia e Brunello, ma era comune vino rosso

La Spezia - Partivano dalla Toscana come vini rossi qualsiasi. Una volta arrivati in Cina, venivano etichettati con marchi imitazione di quelli dei vini italiani tra i più importanti e conosciuti sul mercato internazionale. Le bottiglie venivano poi commercializzate da una società cinese, destinandoli al mercato cinese e al mercato online tramite una delle più note piattaforme asiatiche di e-commerce.
I Nas di Firenze, grazie alla collaborazione dei funzionari dell'Agenzia dogane e monopoli, hanno sgominato un traffico di vini toscani pregiati contraffatti come Sassicaia, Brunello di Montalcino e Chianti di notissime aziende vinicole. Vini che in almeno un occasione sono transitati dal porto della Spezia, in cui venivano imbarcati per finire in Oriente e creare un grave danno di immagine a tutta la filiera enologica del Made in Italy.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Pistoia, ha avuto origine a marzo 2019 da una segnalazione pervenuta al Nas di Firenze da parte di una società produttrice di vino Doc Sassicaia, relativa all’esposizione di “cloni” di Sassicaia e di altri vini toscani di pregio documentata nel corso di una importante fiera a Chengdu. Le indagini hanno permesso di individuare il punto di origine delle bottiglie presso un’azienda agricola in provincia di Pistoia, ma con ramificazioni anche in provincia di Siena nelle zone del Chianti e di Montalcino, e di rintracciare su una nota piattaforma on line di vendita l’offerta di vini sospetti.
L’attività di indagine ha potuto giovarsi del fattivo contributo dell’Ufficio Antifrode e Controlli della Direzione Territoriale VI – Toscana, Sardegna e Umbria, la cui attività di analisi ha consentito di accertare l’esistenza di pregresse importanti movimentazioni di vino Chianti rosso in bottiglia in partenza dal pistoiese verso Hong Kong e la Cina continentale e di intercettare, presso il porto spezzino, alcune partite di bottiglie di vino rosso spedite verso quelle destinazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News