Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Settembre - ore 10.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il falso avvocato non la spunta, truffatori denunciati

I carabinieri avevano aperto un'indagine a maggio dopo che una coppia ha rischiato di rimanere nella rete di due napoletani di 30 e 48 anni.

volevano 4mila euro
Il falso avvocato non la spunta, truffatori denunciati

La Spezia - Un lavoro certosino durato mesi per stanare due truffatori che inscenvano la classica truffa del finto avvocato. Sono stati i carabinieri, quelli veri, a denunciare due uomini originari del Napoletano di 48 e 30 anni.
L’indagine era stata avviata a maggio, allorché una coppia spezzina aveva ricevuto a casa una telefonata nel corso della quale un sedicente avvocato li informava che un loro congiunto era rimasto coinvolto in un sinistro ed era trattenuto in custodia presso una imprecisata caserma dei Carabinieri, aggiungendo che era necessaria una cauzione di quattromila euro e passando poi loro al telefono un sedicente Carabiniere; quest’ultimo comunicava che un “collega” stava recandosi presso la loro abitazione per ritirare l’importo richiesto. I due coniugi, tuttavia, capito che si trattava di un raggiro come quello sentito descrivere tante volte dai mass media, chiamavano il 112 e richiedevano l’intervento di una pattuglia. Il sopraggiungere dei Carabinieri “veri”, scoraggiava evidentemente il complice che avrebbe dovuto ritirare la somma, cosicché la truffa ai danni dei due coniugi non andava in porto. Raccolti i primi elementi gli investigatori si sono messi al lavoro partendo proprio dalla telefonata e sono infine risaliti, dopo avere incrociato i dati di migliaia di conversazioni, ad individuare i numeri di telefono utilizzati anche per altre truffe in Piemonte, avvenute con modalità identiche. I militari sono così risaliti a ricostruire l’identità dei due truffatori: il più anziano, che chiamava dalla provincia di Napoli, ed il più giovane, incaricato di recarsi presso l’abitazione delle vittime designate. A questi elementi se ne aggiungevano altri, su cui gli investigatori preferiscono mantenere il riserbo per non smascherare le tecniche di indagine, che consentivano di offrire riscontri oggettivi al coinvolgimento dei due soggetti. Nel frattempo i due, proprio a seguito degli altri episodi di cui si erano resi responsabili, sono stati arrestati dai Carabinieri di altri comandi e si trovano rispettivamente agli arresti domiciliari ed in carcere.

L’accaduto offre lo spunto per ricordare che in Italia non è prevista nessuna forma di cauzione e ce nessun Carabiniere è titolato a recarsi a casa per riscuotere somme di denaro e che nel caso si venga contattati da un sedicente avvocato o da un sedicente Carabiniere con la tecnica del finto incidente, occorre chiamare subito il 112, possibilmente non dallo stesso telefono (gli interlocutori potrebbero non avere riagganciato e fingere di rispondere al posto degli operatori veri).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News