Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Gennaio - ore 14.16

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Falsificava documenti contabili per favorire l'immigrazione irregolare

Finisce agli arresti domiciliari una professionista spezzina nell'ambito dell'operazione "Doppio smacco": una cinquantina i casi di illecita richiesta del rinnovo di permesso di soggiorno. C'era un tariffario chiaro.

OPERAZIONE “DOPPIO SMACCO”
Falsificava documenti contabili per favorire l'immigrazione irregolare

La Spezia - I finanzieri spezzini hanno disarticolato un radicato sistema di alterazione di documentazione contabile e di apertura di partite Iva fittizie a favore di soggetti extracomunitari. Le indagini hanno consentito di eseguire un’ordinanza della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di una commercialista, operante in uno studio professionale del centro cittadino, la quale, dietro sostanzioso compenso, alterava le dichiarazioni contabili presentate da una serie di soggetti extracomunitari, titolari di partite iva, al fine di poter avere le “carte a posto” per poter richiedere, presso diverse Questure italiane, il rinnovo del permesso di soggiorno o il ricongiungimento di un proprio familiare.

Le attività investigative, iniziate nel 2019 e coordinate dal Procuratore della Repubblica della Spezia Antonio Patrono hanno permesso di individuare complessivamente una cinquantina di casi di illecita richiesta del rinnovo di permesso di soggiorno. La commercialista spezzina si adoperava, anche in tempo di notte e di domenica, per falsificare il fatturato di numerose ditte individuali o società intestate a soggetti extracomunitari, con il solo fine di evidenziare il conseguimento di redditi più elevati di quelli effettivamente percepiti e poter così accedere ai requisiti previsti dalle norme in materia di immigrazione.

Per tali pratiche illecite, il tariffario era chiaro: per una consulenza completa, ovvero l’apertura di una partita Iva, all’extracomunitario veniva richiesto un corrispettivo di circa 250 euro, invece, per la mera redazione della situazione contabile (c.d. bilancino) bastavano 50 euro; tutti i compensi venivano percepiti in contanti e senza fattura. Nel corso dell’arresto, sono state eseguite anche perquisizioni presso gli uffici e l’abitazione dell’indagata, al fine di individuare e sequestrare ulteriore documentazione contabile. Le indagini sono state condotte anche mediante la fondamentale collaborazione dell’Ufficio Immigrazione della Questura della Spezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News