Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Gennaio - ore 17.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Estintori scadenti per le navi militari, scoperta una frode nella fornitura

Il fluido estinguente non era quello convenuto in sede di appalto, ma un prodotto diverso arrivato dalla Cina attraverso un fornitore albanese. Denunciati responsabili di un'azienda italiana: frode e contraffazione le ipotesi di reato..

operazione "navi sicure"
Estintori scadenti per le navi militari, scoperta una frode nella fornitura

La Spezia - Il marchio sulle bombole di gas era quello della multinazionale americana esclusiva produttrice degli estintori ad alta capacità da installare sulle navi militari. All'interno però vi era un fluido di origine cinese che un'azienda italiana si era procurata tramite un fornitore albanese. Circa 3 tonnellate di materiale estinguente, diverso da quello richiesto espressamente nei capitolati di gara di un appalto pubblico che era stato aggiudicato per un milione di euro.
Indagine di ampio respiro quella dei finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria della Spezia, che oggi hanno portato a termine l’operazione “Navi Sicure” notificando l’avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di dirigenti e amministratori di una società di rilievo nazionale. Le indagini sono scaturite da una normale attività di controllo sugli appalti pubblici, coordinata dal Procuratore della Repubblica della Spezia, Antonio Patrono, e hanno riguardato la fornitura di sistemi di spegnimento di incendi da installare a bordo di alcune navi della Marina Militare italiana.

Gli approfondimenti delle Fiamme Gialle hanno accertato che una società subappaltatrice, incaricata della fornitura del gas estinguente, aveva fraudolentemente già consegnato a Fincantieri una prima tranche di bombole contenenti un fluido estinguente. Apparentemente conforme agli elevatissimi standard di sicurezza richiesti dai capitolati d’appalto, ma rivelatosi - nella realtà - un prodotto diverso, di qualità e costo decisamente inferiori.
Nel corso delle perquisizioni eseguite presso i cantieri navali alla Spezia, Riva Trigoso e Castellammare di Stabia, i finanzieri hanno accertato che le bombole erano già state installate, o erano in procinto di esserlo, a bordo di due navi militari in costruzione, rischiando di mettere a repentaglio l’effettiva funzionalità e sicurezza dei sistemi di spegnimento degli incendi in dotazione.

L’indagine si è sviluppata attraverso sopralluoghi, acquisizione di documenti, perquisizioni e sequestri. E ancora testimonianze e interrogatori, grazie anche alla piena e fattiva collaborazione di Fincantieri e della stessa Marina Militare, parti lese ed interessate a fare piena luce sulla vicenda. Sulla scorta degli elementi investigativi raccolti, sono stati segnalati all’autorità giudiziaria quattro responsabili, in concorso, dei reati di frode nelle pubbliche forniture, aggravata dalla circostanza che trattasi di equipaggiamenti delle forze armate dello Stato, e di contraffazione, alterazione ed uso di marchi o di brevetti, nonché la stessa società per i correlati profili di responsabilità amministrativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News